1 ora fa:Con “Frantoi aperti” Cerchiara punta sul turismo esperienziale
3 ore fa:Violenze domestiche, una donna condanna ad allontanarsi dalla casa di un familiare
1 ora fa:L'Amministrazione comunale incontra la Scuola Media Tieri, tema principale: sicurezza degli ambienti
46 minuti fa:Un ex carabiniere rossanese finisce ai domiciliari, molestava un’intera famiglia
4 ore fa:Green Pass: anche Corigliano-Rossano dice No. Sabato mattina in piazza
8 ore fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
6 ore fa:Riunione politica-programmatica della Lega a Corigliano-Rossano
1 ora fa:Covid, diminuisce la pressione sugli ospedali calabresi ma Cosenza piange una vittima
6 ore fa:Corigliano-Rossano, Monsignor Maurizio Aloise ha fatto visita ai detenuti della Casa di reclusione
7 ore fa:In Calabria «occorre rilanciare la medicina territoriale e la centralità del management sanitario»

Corigliano-Rossano, file e assembramenti per il vaccino: ma quando finirà tutto questo?

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – «Lasciate ogni speranza, o voi che entrate» è così che recitava Dante nella Divina Commedia e paradossalmente è una frase che ancora oggi riecheggia attuale nella nostra quotidianità.  

Proprio oggi al Centro Vaccinale della Scuola Media Statale Carlo Levi, in Via Nazionale quella porta del tanto atteso vaccino si apriva e chiudeva raccogliendo le speranze di ognuno. Una fila "chilometrica" di gente che aspettava il proprio turno, uomini e donne con bambini e qualche anziano in attesa del fatidico ago iniettore.

Molti erano in attesa da più di tre ore, sotto al sole ancora cocente di un autunno che tarda ad arrivare. I volti stanchi, esausti di chi dopo ore di fila non vorrebbe mai sentirsi dire: «Sono terminate le dosi». Qualcuno addirittura ha chiamato i carabinieri sperando in un ripristino dell’ordine.

Alcuni in silenzio, altri lamentavano la cattiva organizzazione e il troppo tempo atteso prima che quella porta si aprisse: «Assembramenti, meno male che non se ne devono fare» – affermava così una donna in modo ironico rivolgendosi a chi le era vicino.

Insomma, la pandemia, presente ormai da quasi due anni, migliore amica delle nostre giornate un po’ piatte, un po’ malinconiche di tempi migliori non ci lascia in pace. E noi, siamo ancora in balia delle onde.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

24 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie delle informazioni. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia