14 ore fa:Invalido, con il reddito di cittadinanza e col vizietto di rubare nei supermercati: arrestato un rossanese
14 ore fa:Anche a Crosia piantato l'Albero del Ricordo in memoria delle vittime del Covid-19
14 ore fa:Emergenza epidemiologica, i tre hub vaccinali di Corigliano-Rossano resteranno aperti
11 ore fa:Edilcassa Calabria, Beraldi (Claai) è il nuovo presidente
14 ore fa:Longobucco, è morto Walter Cesare Sapia: il commosso ricordo della Cisl
13 ore fa:Frecciargento Sibari-Bolzano: riattivato il booking. Possibile continuare a viaggiare
15 ore fa:«La Calabria diventi “No Tax Area”»
13 ore fa:L’ex Tribunale di Rossano pronto a ritornare in vita. C’è un’idea per il riutilizzo
13 ore fa:Fusione Co-Ro, Stasi commenta la sentenza del Tar: «Chi si scaglia contro la città unica è miope»
12 ore fa:La Calabria punta sui Distretti del cibo, circa 20 le candidature

Il Consiglio di Stato obbliga la riattivazione urgente dell’Ospedale di Trebisacce

3 minuti di lettura

TREBISACCE - «L’Ospedale Guido Chidichimo deve essere urgentemente riattivato e il Commissario ad Acta è in possesso di tutti i poteri necessari a tal fine». Ciò è quanto il Sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, aveva già evidenziato al Commissario Urbani l’estate scorsa e quanto ribadito oggi dal Consiglio di Stato che, con ordinanza collegiale n. 1369/2021, ha risposto ai dubbi attuativi in merito al reperimento delle risorse, posti in essere dal  Dott. Andrea Urbani,  Commissario ad acta per l’esecuzione della sentenza  2151/2015, la quale sancisce l’annullamento della chiusura dell’Ospedale Guido Chidichimo.

Il Consiglio di Stato, richiamando la memoria depositata dal Comune di Trebisacce in data 29/01/2021, nella quale veniva denunciata la persistenza di una situazione di radicale carenza dei servizi di emergenza sanitaria e il protrarsi di una sostanziale e gravissima non attuazione di un giudicato risalente a sei anni orsono che espone la popolazione del territorio ad un rilevante vulnus dei suoi diritti costituzionalmente protetti (Diritto alla salute e alla Dignità personale), ha dichiarato 
«Un fatto di assoluta gravità che l’effetto conformativo della pronuncia sia rimasto ad oggi privo di consistenza», constatando il ritardo con cui il Commissario ad Acta, da ultimo incaricato, ha fornito risposta al mandato affidatogli con pronuncia n.87 del 7 gennaio 2020, dato che la direttiva impartita era di procedere “nell’immediato” e di “riattivare l’Ospedale di Trebisacce secondo uno standard minino di efficienza” che garantisse “almeno un accettabile livello dei LEA nel territorio di interesse”.

In merito alla richiesta di delucidazioni relative alle modalità di reperimento delle risorse finanziarie formulate dal Commissario ad Acta, il Consiglio di Stato ha sottolineato che il «Commissario è investito di tutti i poteri necessari ad assicurare il reperimento delle somme necessarie, anche mediate variazioni nei capitoli del bilancio, ove ritenute coerenti con l’espletamento dell’incarico, nonché provvedere alla adozione di tutti i provvedimenti conseguenti, anche in deroga alle norme che disciplinano la competenza della loro emanazione».

Il Consiglio di stato ha inoltre sancito che il Commissario deve provvedere «Sia all’allocazione della somma in bilancio, ove manchi un apposito stanziamento, sia all’espletamento delle fasi di impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento della spesa, sia al reperimento materiale della somma con la precisazione che l’esaurimento dei fondi di bilancio o la mancanza di disponibilità di cassa non costituiscono legittima causa di impedimento all’esecuzione del giudicato, dovendo il Commissario porre in essere tutte  le iniziative necessarie per rendere possibile l’esecuzione della sentenza. Pertanto – si legge nell’ordinanza collegiale – in caso si insufficienza della provvista sul pertinente capitolo di bilancio, il Commissario ad acta può prelevare le somme da qualsiasi altro capitolo di spesa regionale o statale, scelta a sua discrezione».

«Immotivate inerzie – sottolinea il Consiglio di Stato – nell’esecuzione degli ordini giudiziali possono rilevare a fini di eventuali responsabilità».

Il Consiglio di stato ha ribadito quindi il «Pieno mandato di scopo alla realizzazione, la più sollecita ed efficace possibile, delle opere mancanti e all’acquisizione, altrettanto urgente, delle risorse umane e materiali a ciò necessarie, con ovvia priorità per quelle destinate a fronteggiare gli interventi sanitari di primo soccorso ed emergenza. Sarà cura del Commissario ad acta scegliere, tra le modalità possibili, quelle tecnicamente più praticabili e più consentanee all’obiettivo di concretezza che a questo punto si impone con assoluta e drastica urgenza».

Disattendendo quindi ogni ipotesi di differimento del termine di espletamento del mandato, e ravvisando la necessità che le attività esecutive vengano avviate con repentinità e solerzia adeguate al “grave ritardo sin qui accumulato”, il Consiglio di stato ha disposto che il Commissario ad Acta assuma le proprie determinazioni in ordine al reperimento delle risorse finanziare necessarie e ne fornisca riscontro entro 30 giorni.

Continua senza sosta la nostra battaglia – ha dichiarato il sindaco di Trebisacce Franco Mundo – con l’ennesima pronuncia del Consiglio di Stato che ribadisce come non solo l’Ospedale di Trebisacce debba tornare alla piena operatività, ma come tutto ciò non sia più procrastinabile e debba avvenire con la massima urgenza, tenendo conto che l’inerzia che finora ha caratterizzato gli organi statali e regionali che dovevano agire e non l’hanno fatto, ha creato e continua a creare danni gravi a tutto il territorio e ai cittadini che si vedono lesi i propri diritti fondamentali. Registriamo questo ulteriore successo nel percorso che stiamo portando avanti senza sosta, certi che anche alla luce di quanto sancito dal Consiglio di Stato in questa nuova pronuncia il Commissario Urbani metterà in campo tutte le iniziative necessarie per far si che questo lungo incubo giunga finalmente alla fine e che il territorio dell’Alto Ionio cosentino e della Sibaritide, possano tornare ad avere il proprio punto di riferimento sanitario. Da parte nostra, non ci arrenderemo mai e continueremo a portare avanti tutte le interlocuzioni e le iniziative necessarie al raggiungimento del nostro scopo: restituire il diritto alla salute al nostro territorio è il nostro obiettivo».

  

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.