5 ore fa:La Regione accelera sui vaccini: 18mila somministrazioni a domicilio
6 ore fa:A Co-Ro prende il via "Lib(e)riamoci in Città" con la presentazione del libro di Tommaso Greco
5 ore fa: “È tempo di Volley” raccoglie consensi: nasce un’importante sinergia tra IC Tieri e Corigliano Volley
5 ore fa:Lunedì saranno svelati tutti i dettagli dell’atteso Rural Food Festival di Castrovillari
2 ore fa:Innovazione digitale, a Corigliano-Rossano già disponibili i certificati anagrafici on-line
4 ore fa:Crosia, inaugurato nella frazione Mirto il centro di raccolta comunale
4 ore fa:Corigliano-Rossano, l’ultima “moda” politica: i Consigli comunali on the road
4 ore fa:La Regione al fianco delle aziende florovivaistiche: bando per oltre 800mila euro
6 ore fa:Perseguitava l'ex compagna, arrestato un agente della Polizia municipale di Corigliano-Rossano
3 ore fa:Sindacato lavoratori poste della Cisl di Cosenza: Confermato Benvenuto come segretario

Questione Crati, l'amarezza di Stasi: «In Regione fermi 8 milioni, mentre il Comune interviene a proprie spese»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Credo che l’occasione sia utile anche per sollevare l’attenzione sul fiume più importante della Regione che sfocia tra Corigliano-Rossano e Cassano: il Crati sul quale anche qualche settimana fa il Comune (come già successo nel recente passato) è dovuto intervenire di urgenza per ripristinare un argine crollato e per metterne in sicurezza degli altri che purtroppo stavano per crollare».

È quanto affermato dal sindaco Flavio Stasi in occasione della conferenza stampa indetta dal Consorzio di Bonifica Integrale dei bacini dello Jonio Cosentino per presentare alcuni lavori che verranno effettuati in dei torrenti del territorio per ridurre il rischio idrogeologico.

Il primo Cittadino, ricordando il tempestivo intervento del Comune, ha sottolineato che è stato fatto a spese dell’Ente locale «laddove sono però fermi (da molto tempo) in Regione dei finanziamenti anche molto importanti. Uno è addirittura di circa 8 milioni di euro. La cui realizzazione, sicuramente, oltre ad aver fatto dormire sonni tranquilli sia agli agricoltori che agli abitanti di quelle contrade, avrebbe consentito all’Erario di evitare di spendere soldi per interventi tampone. Perché il Comune, in questo caso, non può che fare interventi tampone e di emergenza».

«Ritengo – ha concluso Stasi - che sia una riflessione utile da fare oggi perché probabilmente gli Enti locali, definiti anche “Enti di prossimità”, hanno interessi e velocità diversi per realizzare questi interventi che sono molto importanti per le comunità».

Giusi Grilletta
Autore: Giusi Grilletta

Da sempre impegnata in attività per il prossimo, è curiosa, gentile e sensibile. Laureata in Scienze Umanistiche per la Comunicazione, consegue la magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l’Università degli Studi di Milano. Continua oggi i suoi studi in Pedagogia per ampliare le sue conoscenze. Ha lavorato presso agenzie di comunicazione (Lenin Montesanto Comunicazione e Lobbing) e editori calabresi (Falco Editore). Si è occupata di elaborare comunicati stampa, gestire pagine social, raccogliere e selezionare articoli per rassegne, correggere bozze e valutare testi inediti. Collabora come specialista SEO e comunicazione presso sviluppatori di siti internet. Appassionata di scrittura, partecipa a corsi creativi presso il Giffoni Film Festival e coltiva la sua passione scrivendo ancora oggi racconti (editi Ilfilorosso) che trasforma in audio-racconti pubblicati sul suo canale YouTube. Ama la letteratura, l’arte, il teatro e la cucina.