3 ore fa:“Magie e Fantasie natalizie” a Villapiana, domani presentazione del cartellone con tutti gli eventi
6 ore fa:Abate (Gruppo Misto) sul Porto di Co-Ro: «Soddisfatta per l'esito della riunione»
6 ore fa:Riparte il Rural Food Festival, momento esperienziale per adulti e bambini
6 ore fa:“S3 Kinder I.C. Erotodo”: parte il progetto tra l’Istituto e la Corigliano Volley
5 ore fa:Federazione regionale Claai: «Soddisfazione per la nomina di Francesco Beraldi alla presidenza dell'Edilcassa»
7 ore fa:Mauro Dolce è il settimo assessore regionale, Occhiuto: «Sarà raccordo tra Regione e Ministeri»
7 ore fa:Movimento del Territorio sul randagismo: «Bimbo aggredito ad Apollinara, pericolo dietro l’angolo»
6 ore fa:Riscaldamento scuole a Co-Ro, Viteritti: «I ritardi, causati da reti vetuste, saranno risolti nelle prossime ore»
4 ore fa:Cosenza, al Museo dei Brettii viaggio multisensoriale per i non vedenti
5 ore fa:A Policoro i Campionati Italiani di Calcio Balilla Paralimpico

Cariati è al 72,4% di differenziata: Greco: «Risultato figlio della difesa del territorio»

1 minuti di lettura

CARIATI – Difendere il territorio, il paesaggio, il patrimonio naturale ed in primis il mare e le spiagge a misura di bambino dalla plastica e da ogni altro materiale inquinante è uno degli obiettivi strategici che vogliamo continuare a condividere con la comunità ed il territorio. Perché passano da qui non solo la tutela della salute e dell’ambiente e la promozione della nostra qualità della vita ma anche e soprattutto il progetto concreto di sviluppo turistico ed eco-sostenibile della nostra terra.

 

È quanto dichiara il Sindaco Filomena Greco esprimendo orgoglio e soddisfazione con l’assessore all’ambiente Sergio Salvati per l’ambito riconoscimento assegnato da Legambiente a Cariati come Comune Riciclone 2020; un risultato – continua – che premia innanzitutto il comportamento e l’impegno di tutti quei cittadini sensibili al rispetto e alla tutela dell’habitat e degli spazi comuni. 

Attraverso questa collaborazione fattiva tra, da una parte, il Comune che ha messo a disposizione gli strumenti e, dall’altra, le famiglie e gli operatori commerciali, Cariati che per la prima volta è destinataria di questo riconoscimento importante, ha avuto la possibilità di dire addio ai cumuli di spazzatura per le strade. Il prossimo obiettivo – va avanti il Primo Cittadino – è quello di fare ancora meglio e superare la soglia del 72,4%. Per raggiungerlo saranno avviate nuove iniziative. Oltre al mastello dell’umido già in dotazione, quelli per il multimateriale, per la carta, il vetro e l’indifferenziata, ci auguriamo – aggiunge l’assessore Salvati – di poter consegnare prima dell’avvio della stagione estiva il kit per ogni frazione organica alle utenze domestiche ed i bidoni carrellati alle utenze commerciali. Stiamo lavorando, inoltre, alla realizzazione di 4 mini isole ecologiche da dislocare sul territorio comunale, dove ogni singolo cittadino, previa registrazione, potrà conferire ogni materiale entro le 24 ore. A seguito, infine, dell’incontro tenutosi nelle scorse settimane con l’assessore regionale all’ambiente Sergio de Caprio, si sta valutando con i tecnici la fattibilità di un impianto di compostaggio per la frazione organica.   

Il percorso virtuoso fin qui raggiunto – aggiunge il Sindaco – va incentivato, anche attraverso l’attività di controllo rispetto a chi abbandona rifiuti e deturpa l’ambiente. In questa direzione l’Amministrazione Comunale si attiverà per ridurre al minimo il fenomeno che si registra, in particolar modo, nelle periferie. Il coinvolgimento dei cittadini attraverso la denuncia può essere determinante per dire basta alle discariche a cielo aperto e per sbugiardare – conclude la Greco – quanti si rendono protagonisti di azioni vergognose nei confronti della comunità.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.