6 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
7 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
6 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso
8 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
8 ore fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
8 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
5 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
10 ore fa:Oli esausti e scarti di officina scaricati nel Crati, scattano denunce e sequestri
7 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
9 ore fa:Covid, in Calabria rallenta la curva dei ricoveri ma si registrano altre 8 vittime

Stagione agrumicola 2020 al collasso, serve lo stato di calamità

1 minuti di lettura

TERRANOVA DA SIBARI - «Chiediamo con forza la dichiarazione dello stato di calamità naturale per l’attivazione di tutte le procedure finalizzate al risarcimento danni anche nel settore agrumicolo»

 

Questo è quanto richiesto dal Vicesindaco di Terranova da Sibari, Massimiliano Smiriglia, e dall’Assessore all’agricoltura di Cassano Allo Ionio, Gianluca Falbo che sottolineano come le calamità naturali (che, tra piogge copiose e temperature sopra la media, hanno compromesso la maturazione e la raccolta), la difficoltà a reperire manodopera, la bassa domanda del mercato e i conseguenti prezzi alla vendita ridotti ai minimi termini faranno segnare un risultato disastroso per i produttori.

 

Dopo il crollo produttivo della stagione olivicola, si assiste quindi al collasso di quella agrumicola con un danno economico incalcolabile per l’intera area della Sibaritide.

 

«Il sostegno alle attività agricole», affermano, «è più che mai necessario non solo per l’annata in corso che non coprirà i costi di produzione, ma per non compromettere anche la programmazione del 2021 già di per sé incerta a causa del perdurare della pandemia e dell’impossibilità di prevedere le future condizioni di mercato se le restrizioni dovessero proseguire».

 

L’occasione serve anche a rilanciare il tema del Piano agrumicolo e olivicolo regionale che i due Comuni hanno già deliberato e indirizzato alla Regione Calabria a fine 2019 facendo leva sulle risorse disponibili e non impegnate del PSR Calabria per interventi urgenti destinati alla realizzazione di nuovi impianti con varietà più rispondenti alle esigenze di mercato (primizie e varietà tardive); all’innovazione degli impianti di irrigazione per il risparmio idrico; all’accorciamento della filiera con la stipula di contratti commerciali che garantiscano l’equa distribuzione del valore.

 

«Ciò significa», concludono, «rafforzare la collaborazione tra i Comuni per azioni a tutela degli agricoltori, puntando all’utilizzo immediato delle risorse non spese per i PSR e utilizzando pienamente il circuito DE.CO. per la promozione delle produzioni».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.