12 ore fa:Salimbeni sui ritardi relativi ai progetti PinQua: «Non abbiamo più tempo, serve una task force»
10 ore fa:Il miraggio di un ospedale
11 ore fa:Elezioni comunali a Co-Ro, il passo avanti di Azione che punta tutto su Mattia Salimbeni
2 minuti fa:Il Pd di Co-Ro sull’alta velocità ferroviaria in Calabria: «Bisogna perseguire il progetto originario»
12 ore fa:Ad Alessandria del Carretto nasce il Museo alessandrino delle Maschere
13 ore fa:Ufficio Postale a Mandatoriccio, presto una sede temporanea
12 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - La Caffè San Vincenzo è vincente anche in Coppa Calabria
14 ore fa:Servizio igiene urbana a Crosia, per Casciaro (Cgil) la gara del nuovo appalto solleva malcontenti
14 ore fa:Calabria finalmente in linea con le direttive europee sull'economia circolare
1 ora fa:Anche oggi le piste di Lorica rimarranno chiuse a causa delle elevate temperature

Laghi, spoke di Castrovillari in ginocchio

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Il consigliere regionale, Ferdinando Laghi, nella mattinata di ieri, si è recato in visita in tutti i reparti dell'ospedale "Ferrari" di Castrovillari, non trovando nessun miglioramento rispetto all'ultimo sopralluogo, ancor più dopo il depauperamento dei già pochi medici cubani assegnati al presidio ospedaliero di Castrovillari e che nello stesso non hanno più fatto ritorno.

«Ho trovato un nosocomio in ginocchio, con personale sotto pressione, arrabbiato e demotivato – dichiara il consigliere Laghi – cui vanno ad aggiungersi le lamentele e le proteste che quotidianamente mi giungono da cittadini e associazioni, oltre che dagli operatori. E a questo quadro estremamente preoccupante, mi spiace dire, contribuisce in maniera determinante la complessiva gestione di questo ospedale da parte dell'Azienda Sanitaria Provinciale».

«Per limitare il discorso all'ultimo contingente di medici cubani in arrivo, non si può non stigmatizzare che, a fronte di dichiarazioni pubbliche circa il numero dei medici in arrivo a Castrovillari, "spuntano" poi fuori delibere che abbattono drasticamente questi numeri, assieme ad assegnazioni triplicate o, addirittura, quadruplicate, agli altri spoke provinciali. Questo non è più accettabile, perché a farne le spese sono i cittadini del Pollino, della Sibaritide e dell'Esaro, il cui diritto alla salute non viene, con tali comportamenti, assolutamente tutelato dall'Asp di Cosenza».

«Queste disparità incomprensibili ed inaccettabili, che stanno determinando irritazione ed allarme sociale sempre più diffusi, devono essere - continua il consigliere Laghi - immediatamente quanto meno ridotte – propone Laghi-, attraverso l'assegnazione di nuove unità allo spoke di Castrovillari. Tra l'altro è di queste ore la notizia che nessuno dei medici cubani assegnato al Pronto Soccorso dell'Annunziata di Cosenza, vi prenderà servizio, essendo stati questi posti coperti diversamente».

«Vista la qualità delle prestazioni offerte dai colleghi d'oltreoceano e le loro capacità di interazione e integrazione con i medici italiani, invito chi di dovere – conclude Laghi - a intervenire per portare a Castrovillari questo ridotto contingente, oppure a rivalutare in maniera più equa la ripartizione dei colleghi cubani, assegnati all'Asp di Cosenza, per fornire un uguale supporto, seppur temporaneo, ma in questo momento assolutamente necessario a tutti e tre gli spoke».

 

 

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.