3 ore fa:«Senz'acqua e fogna a cielo aperto: Schiavonea abbandonata a se stessa»
5 ore fa:XIX edizione “Suoni Festival” di Castrovillari con Audio2, Grazia Di Michele e i Jalisse
1 ora fa:A Vaccarizzo è tutto pronto per la 19esima rassegna dei vini Arbëreshë
6 ore fa:Consorzio Bonifica Calabria: emesso il ruolo irriguo per il 2024 e previste facilitazioni per gli agricoltori
2 ore fa:In Calabria partono le riprese del film “La versione di Giuda” diretto da Giulio Base
2 ore fa:Il fronte degli incendi si sposta nel Basso Jonio, bruciano i boschi della Sila Greca
7 ore fa: Il caso di Maysoon Majidi e Marian Jamali in conferenza stampa alla camera
6 ore fa:A Calopezzati Moccia e Capretti per spettacolo l’abc dell’amore
1 ora fa:Via D'Amelio e il valore del ricordo in una nazione che non sa dove andare
3 ore fa:A Co-Ro un incontro sul tema delle proiezioni criminali nei porti italiani

Cariati, le Lampare muovono sospetti sugli incassi comunali

2 minuti di lettura

CARIATI - Il gruppo consiliare "Lampare" muove dubbi sui provenienti derivanti dalle violazioni del codice della strada, notando previsioni di incasso senza traccia nel Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità. 

«La Giunta comunale - si legge nella nota stampa - ha stabilito, con Delibera n. 155 del 29/09/2023 "Destinazione die proventi delle sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada per l'anno 2024, quanto incasserà l'Ente nel 2024 dai proventi delle sanzioni amministrative per le violazioni del Codice della Strada. La cifra indicata è di circa 650 mila euro, così divisa, sempre secondo la Delibera di Giunta: proventi ex articolo 208 CdS: 150 mila euro e Proventi ex articolo 142 CdS: 500 mila euro». 

«Questa previsione è stata formulata al netto della somma accantonata a titolo di Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità (Fcde), di cui però non vi è traccia», rimarca il gruppo consiliare "Lampare".

Il Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità è «uno strumento contabile preordinato a garantire gli equilibri di bilancio attraverso la preventiva sterilizzazione di una certa quantità di risorse necessarie a bilanciare sopravvenienze che possano pregiudicarne il mantenimento durante la gestione. La previsione di dette poste deve essere congrua per due ragioni: da un lato affinché la copertura del rischio sia efficacemente realizzata, dall'altro affinché lo stanziamento in bilancio non sottragga alla gestione risorse in misura superiore al necessario».

«In sostanza, tale strumento, introdotto dallo Stato per evitare che i Comuni creino debiti, è un fondo rischi diretto ad evitare l'utilizzo di entrate di dubbia e difficile esazione. Non prevederlo crea, appunto, i presupposti per un futuro debito che, unendosi all'attuale, peserà sulle spalle dei cittadini. Per tale ragione sin dal nostro insediamento abbiamo posto una lente d'ingrandimento sull'entrata comunale derivante dalle multe».

«Premesso questo - continua la nota stampa - e alla luce della sopraindicata Delibera, il 25 gennaio è stata pubblicata la Determina n.5/2024 della Comandante della Polizia Municipale, con oggetto "Accertamento proventi da infrazioni amministrative per violazioni al codice della strada-entarte incassate dall'1 gennaio 2023 al 31 dicembre 2023, in cui si certifica che il Comune ha incassato solo 350 mila euro dalle multe per il 2023, smentendo l'Amministrazione che aveva previsto di incassare 1 milione e 50 mila euro. Somma - spiega il gruppo consiliare - che ci aveva preoccupati e per la quale a novembre abbiamo richiesto accesso agli atti, ottenendo, per lo stesso medesimo periodo, due cifre non coincidenti seppur appartenenti allo stesso Ente».

«La consistente differenza tra la previsione di incasso e quanto effettivamente incassato è stata spesso argomento dei nostri interventi in Consiglio e a mezzo stampa. Ricordiamo ancora una volta che i proventi delle multe del CdS siano vincolati sia per competenza che per cassa: non si può e non si deve maneggiarli con facilità e leggerezza».

«Per il bene delle casse comunali e per il bene del Comune, auspichiamo vengano considerati gli incassi reali delle multe e altresì, l'accantonamento del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità come disposto dalla normativa vigente di finanza pubblica e contabilità degli enti locali. Nel caso in cui quest'ultimo non dovesse essere inserito nel Bilancio o venisse sottodimensionato, interesseremo la Corte dei Conti e le autorità preposte».

«Nel frattempo, come Gruppo consiliare, riteniamo doveroso informare i cittadini sugli incassi comunali. Siamo fortemente preoccupati per la gestione delle casse comunali e per il Bilancio; temiamo un secondo dissesto non solo per la presenza di qualche amministratore esperto e responsabile in dissesto, ma anche per le azioni amministrative attuali che abbiamo denunciato e che continueremo a contrastare» concludono.

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.