6:12 pm:I Sindacati: «Sull’agguato a Cassano serve una reazione. Fiducia nella magistratura»
6:47 pm:Cultura e impresa, da Corigliano Rossano l’algoritmo per ripartire
34 minuti fa:Per una Sanità normale serve ripartire dalla rete territoriale
33 minuti fa:Congratulazioni al nuovo Presidente dell’Associazione Italiana Calcio Umberto Calcagno
7:41 pm:Caloveto, dopo il maltempo è tornato il sereno: il sindaco ringrazia il Consorzio di bonifica
10:12 am:A Corigliano-Rossano la scuola non chiude per i ragazzi diversabili
7:12 pm:Giornata della disabilità, a Co-Ro il Movimento per la Vita si batte per una nuova inclusione
6:30 pm:Alla Camera presentato un emendamento da 10 milioni di euro per l’Ospedale di Cariati
10:45 am:Margherita Corrado (M5S Senato) sul carro d'oro di Fara in Sabina
6:30 pm:“Positivi alla lettura”, all’Istituto Comprensivo di Cariati con Libriamoci

Rota Greca, denunciato un allevatore per abbandono di rifiuti

1 minuti di lettura
Abbandono rifiuti. Per tale motivo i Carabinieri Forestale di Montalto Uffugo hanno nei giorni scorsi posto sotto sequestro una vasta area agricola. Il sequestro è avvenuto nel corso di un mirato servizio finalizzato al contrasto di illeciti nel settore agricolo e zootecnico, in località “Pietrebianche” nel comune di Rota Greca dove i militari  con la collaborazione del responsabile dell’ufficio tecnico Comunale e con l’ausilio di personale veterinario dell’Asp di Cosenza, hanno accertato all’interno di un terreno privato, l’esistenza di un’area di circa 5000 mq, che dovrebbe essere agricola,  sulla quale erano stati abbandonati direttamente sul suolo svariate tonnellate di rifiuti speciali. In particolare, i rifiuti erano costituiti principalmente da pneumatici e veicoli fuori uso, metalli ferrosi, scarti provenienti da elettrodomestici quali lavatrici, frigoriferi e RAEE in generale. Le indagini hanno accertato che il responsabile di tali illeciti è il titolare di un allevamento ovi-caprino del posto. In tale contesto è stata anche accertata l’occlusione di una strada vicinale senza alcun titolo e l’occupazione di una vecchia masseria utilizzata come ricovero del cospicuo allevamento di bestiame ma trasformata in una colonia fatiscente e degradata a causa della realizzazione abusiva di quattro manufatti rudimentali con lamierati ed amianto il cui letame accumulato, veniva sversato sul suolo senza alcuna precauzione. In ragione di quanto accertato, oltre al sequestro penale dell’intera area, il titolare dell’azienda agricola è stato denunciato per i reati di occupazione abusiva, attività di gestione di rifiuti non autorizzata e per la realizzazione di opere urbanistico edilizio in assenza dei titoli abilitativi. È stato anche disposto il sequestro cautelativo sanitario dell’azienda in quanto sono stati trovati undici capi di ovi-caprini non registrati all’anagrafe zootecnica. Il controllo ha infine accertato che il titolare dell’azienda, è anche percettore di “reddito di cittadinanza”, perciò sono state inoltrare le necessarie segnalazioni alla direzione provinciale dell’Inps di Cosenza ed alla Procura della Repubblica, per aver omesso la comunicazione relativa alla variazione del proprio reddito, dovuta allo svolgimento di ulteriori attività di lavoro autonomo.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.