3 ore fa:Parte con i festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista l'Estate di Plataci 2024
1 ora fa:Miss Italia è arrivata a Villapiana per promuovere la linea di gioielli Miluna
1 ora fa:Grandi emozioni al terzo spettacolo di fine anno della scuola di danza "Il Balletto" diretta da Giada Sapia
3 ore fa:“Athena”, i tentacoli del clan Abbruzzese sulla Sibaritide: venti rinvii a giudizio
2 ore fa:Claudio Pecorella sul tetto d'Europa con la Nazionale italiana Under 17
4 ore fa:Castrovillari si prepara a rendere onore all'indimenticato sindaco Franco Fortunato
2 ore fa:È iniziata l'estate al Parco Archeologico di Sibari con un omaggio alle terre d'Oriente
5 ore fa:Serena Bortone arriva a Corigliano-Rossano dopo la censura in Rai
4 ore fa:Atletica, importante incarico per Maria Giovanna Brindisi nei quadri federativi regionali
45 minuti fa:Cantinella si prepara alla quinta edizione del Beer Fest

Rossano, successo per il 3° "Fashion e food"

3 minuti di lettura
Un conto sono le frodi alimentari, da codice penale; un altro gli ingredienti chimici travestiti da “aromi naturali”. L’etichetta presente sui cibi che acquistiamo nei supermercati e nelle catene delle grandi distribuzioni, svelano un grande imbroglio: non sappiamo, in realtà, da dove arriva quello che mangiamo e cosa mangiamo. C’è disinformazione. Bisogna ridare valore al cibo e produrre di meno per superare i paradossi: in Italia oggi si spende più per dimagrire che per mangiare e c’è uno spreco alimentare che non conosce precedenti. Le tipicità calabresi sono un’opportunità; non bisogna spacciare per locali prodotti che vengono da altri territori e che esportiamo in altre regioni. No all’allungamento della shelf-life, la vita del prodotto sullo scaffale. Ritorno alla terra. È l’invito del fondatore di Slow Food Carlo Petrini, ascoltato in un video del suo intervento alla Conferenza internazionale 'Il valore dell'Europa' che si è tenuta alla Camera dei deputati il 13 e 14 marzo 2014. ad aprire il 73esimo caffè filosofico di Otto Torri sullo Jonio tenutosi nella serata di ieri, domenica 23, presso l’Auditorium “Alessandro Amarelli” con vista sul Concio, suggestiva location di Fashion e Food, l’evento che per la sua terza edizione ha confermato successo di pubblico. Da Scaramuzzo Hair Spa Atelier agli abiti di cerimonia di “Piazza di Spagna” di Cosenza, dall’olio ed il vino IGreco ai gioielli Lauria, dalla cucina di Enzo Barbieri alla Pro Loco di Rossano, dall'associazione Euromediterraneo a Taylor Made – Calzature, dalla pasta fresca Le Macine alla pizza alla liquirizia di Rossano proposta dal pluripremiato istruttore pizzaiolo Pietro Tangari, alias PEDRO’S. Se la moda ed il gusto sono stati i protagonisti dell’evento ideato dall’art director Fabio Zumpano, è stato Silvio Greco, biologo marino a capo del comitato scientifico di Slow Fish e docente di Controllo delle Produzioni agroalimentari all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo – Bra, a calamitare l’attenzione dei numerosi intervenuti all’agorà filosofica. Dalla manipolazione genetica dei capi di bestiame all’esagerato quantitativo di elementi chimici presenti nei cibi, dal baccalà che baccalà non è, all’olio di palma al posto dell’olio extravergine d’oliva, ingrediente sempre più presente tra gli ingredienti dei prodotti da forno che dagli scaffali dei supermercati mettiamo nel carrello, fino ai formaggi prodotti con semilavorati che provengono da altri paesi. È vero che la qualità del cibo si paga – ha detto Greco– ma la vera ricchezza sta nel tempo che dedichiamo al cibo. A questo bisogna dare centralità, non alle produzioni in sè. Bisogna ridare valore al cibo ed educare i ragazzi ad alimentazione sana e giusta. Il potere di noi consumatori consapevoli è rivoluzionario, non possiamo continuare ad ammalarci mangiando. All’incontro promosso dalla condotta Slow Food Sibaritide Pollino erano presenti oltre al padrone di casa Fortunato Amarelli, anche l’assessore provinciale all’energia Biagio Diana, Gino Vulcano segretario della Coldiretti Rossano, il consigliere comunale Adele Olivo, Francesco Barbino e Federica Gallo dell'omonima azienda che nei giorni scorsi era l'unica impresa del settore, calabrese e italiana, protagonista ad Horecatel, l'evento belga dedicato agli imprenditori del settore agroalimentare ed enogastronomico, chef, esperti del gusto e produttori, l’imprenditore del food e assessore al Turismo del Comune di Altomonte Enzo Barbieri ed il geologo Tonino Caracciolo, coordinatore del Piano Cartografico della Regione Calabria, già Sindaco di Rossano. – Bisogna diventare lobbisti del gusto e del food di qualità – ha chiuso il Caffè così, il fiduciario del Convivium Lenin Montesanto che ha moderato l’incontro - facendo politica a tavola e letteralmente votando e preferendo quando dobbiamo scegliere di andare in un ristorante e quando facciamo la spesa ogni giorno. Non siamo romantici o nostalgici – ha precisato - semplicemente crediamo in un altro possibile sviluppo economico sostenibile dei territori. L’abito realizzato dallo stilista Tiziano Guardini presentato, ancora incompleto, in occasione della 14esima edizione di Estate in moda, nello scorso mese di agosto, nel centro storico di Rossano, e in questi giorni esposto a Ginevra, presso il Palazzo delle Nazioni unite per la Giornata Internazionale delle Foreste, sarà donato da Zumpano al Museo della Fabbrica di Liquirizia Amarelli. L’art director di “Fashion e Food” ha consegnato a Fortunato Amarelli una targa in pegno di questa volontà.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.