2 ore fa:A Cerisano riaprono le porte della storica Oasi di Sant’Antonio
21 minuti fa:Europee, esulta Verbicaro: Fratelli d’Italia primo partito nel comprensorio del Pollino
1 ora fa:Nuovo appuntamento per "La Città della Musica" con il Concerto per fisarmonica del Maestro Ruffolo
16 ore fa:Ecco i 24 eletti del nuovo Consiglio Comunale di Corigliano-Rossano: Rosellina Madeo la più votata
2 ore fa:Perdite di acqua, il Comune di Co-Ro valuta azioni legali nei confronti di Sorical
51 minuti fa:A Cassano Jonio «è tempo che l'Asp di Cosenza istituisca il servizio dialisi»
1 ora fa:Boom di iscrizioni per la terza edizione della Marathon Aragonesi Kids
4 ore fa:Caloveto chiede l’attivazione dei pozzi del Trionto
4 ore fa:Corona di alloro per gli atleti speciali de I Figli della Luna
3 ore fa:Niente autostrada fino al mare: la Soprintendenza "elimina" dal progetto della 106 il raddoppio della Statale 534

A Corigliano-Rossano le celebrazioni per la Festa della Repubblica sono solo musica e divertimento

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – È vero, fosse stato per il Meridione e per la Calabria in Italia c’era ancora il Re e la Monarchia. L’esito del Referendum del 2 giugno 1946, anche a distanza di trequarti di secolo, non lascia interpretazione alcuna in tal senso: la Repubblica italiana è nata grazie ai voti delle popolazioni del Centro e del Nord Italia. E forse per questo, nonostante siano trascorsi 77 anni da quel referendum storico, che al Sud la Festa della Repubblica non rappresenta ancora quel valore identitario. A Corigliano-Rossano, poi, dove i referendum (e i loro esiti) a quanto pare restano qualcosa di endemicamente indigesta, ci siamo accorti che un momento celebrativo così importante e solenne è diventata occasione per fare festa e divertirsi. Solo festa e divertimento. Esclusivamente festa e divertimento, dimenticando tutto il contesto di valori e messaggi che il 2 Giugno, Festa della Repubblica, porta con sé. Non sappiamo quale mente eccelsa abbia partorito la programmazione della “Settimana della Repubblica e dell’Inclusione” ma è da far accapponare la pelle.

In cinque giorni di “celebrazioni”, dal 2 al 7 giugno prossimo, nel bel manifesto che dal titolo ai colori richiama le trame istituzionali del tricolore e della Patria e dà un impatto solenne, leggiamo che ci saranno 2 DjSet, e poi una giornata dedicata ai giochi, una allo sport e un’altra alla danza e una mostra. Delle due una: o hanno sbagliato manifesto o c’è qualcosa che non torna.

Non c’è uno che sia uno evento di confronto su cosa sia e rappresenti la Repubblica, da cosa è nata e perché è nata. Eppure grazie ad essa i rappresentanti istituzionali che oggi compongono e firmano un manifesto raccapricciante sono seduti lì.

Ovviamente non c’entrano nulla gli artisti, bravi professionisti che hanno messo il loro talento a servizio del committente pubblico. Non c'entrano nulla nemmeno le associazioni che hanno preso parte a questa programmazione portando avanti i valori nobili dell'inclusione che rappresentano, però, solo una parte del grande processo di democratizzazione affrontato dal nostro Paese. Insomma, non sono gli eventi in se sbagliati ma è proprio il mondo discotecaro, sportivo ed esclusivamente artistico che non c’entra assolutamente nulla se non contestualizzato.

Se davvero si sentiva l’esigenza di organizzare una manifestazione per celebrare la Repubblica Italia, la vera sfida sarebbe stata quella di creare un manifesto ad hoc che sapesse coinvolgere i cittadini, soprattutto le nuove generazioni, e li portasse a conoscere l’essenza di questa festa. Magari non un seminario o un convegno, che sappiamo essere ormai eventi destinati ad una minoranza sempre più elitaria di cittadini, ma qualcosa che coniugasse la socialità con l’educazione civica. 

Eppure di spunti ce ne sarebbero a iosa proprio da attingere nel nostro territorio. Partendo, ad esempio, dal valore della donna, considerato che il Referendum del 1946 fu il primo a suffragio universale. Partendo dalla memoria e dal ricordo di quanti, donne e uomini, cittadini di Corigliano-Rossano e della Calabria del nord-est, hanno contribuito alla realizzazione dell’Italia. Insomma, un cammino di esperienza e consapevolezza nelle trame repubblicane. 

Invece, ci ritroviamo solo a fare qualcosa giusto per non far passare inosservato questo momento solenne. Nessuno voleva il sorvolo delle Frecce Tricolori o la parata militare in Via Roma o Piazza Steri. Ma nemmeno, però, che la Festa delle Repubblica si riducesse ad una Disco Republic al suono di un ritmato Inno di Mameli. Una cosa posticcia e stonata. 

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.