13 ore fa:Conte arriva a Corigliano-Rossano e con Stasi è amore a prima vista: «È una garanzia»
17 ore fa:Imposte e Documento unico di Programmazione, torna a riunirsi il Consiglio comunale
18 ore fa:La Lega Navale incontra l'Esecutivo: in vista nuovi progetti per Corigliano-Rossano
22 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
14 ore fa:Il purgatorio è finito: la Rossanese è l’Eccellenza
14 ore fa:Fu la Panaghia la prima chiesa di Rossano? C'è un indizio storico
12 ore fa:La Straface inaugura nuova punto politico a Rossano e parla di turismo: «Ci ispireremo a Tropea»
19 ore fa:Era stato stato accusato di violenza, assolto un agente di polizia
21 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Calopezzati, dai Caputo alla scomparsa di Covella Ruffo
20 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - Sconfitta interna "indolore" per la Caffe San Vincenzo: quarto posto blindato

Scuola, Straface (Fi): «Psr, un occasione anche per gli istituti agrari»

1 minuti di lettura

CALABRIA -  La consigliera regionale e presidente della terza commissione Sanità, Attività sociali, culturali e formative, Pasqualina Straface, commenta così l'apertura dei bandi Psr agli istituti agrari: «Gli istituti agrari potranno attingere ai bandi del Piano di Sviluppo Rurale. Grazie ad un emendamento che abbiamo predisposto con il Dipartimento Agricoltura, insieme all’assessore Gianluca Gallo, ed approvato ieri sera in Consiglio regionale, gli istituti agrari che hanno al proprio interno delle vere e proprie aziende agricole con una propria capacità produttiva, saranno equiparate agli enti pubblici che possono già partecipare alle opportunità offerte dal Psr».

«Gli istituti agrari della nostra regione acquisiranno così lo “status” di azienda vera e propria ed attraverso i bandi del Psr potranno – spiega ancora il consigliere regionale – beneficiare di contributi pubblici per ammodernare strutture e mezzi di impresa, rinnovare il parco macchinari e tutte quelle strumentazioni necessarie per migliorare la produttività dei lavoratori e per favorire le attività didattiche, così da “l’imprenditorialità e la propensione allo sviluppo degli istituti di formazione superiore”, come recita testualmente l’emendamento. 

Da queste scuole – riporta il testo del provvedimento – escono gli imprenditori e i tecnici del settore primario di domani. La preparazione professionale e culturale dei ragazzi che si preparano ad entrare nel mondo produttivo dell’agroalimentare rappresenta un essenziale fattore moltiplicatore dell’innovazione del settore. È pertanto un investimento far rientrare queste scuole altamente professionalizzanti nella platea degli imprenditori agricoli che possono concorrere alla leva dei fondi comunitari e alle misure regionali di sostegno per il miglioramento produttivo del programma di sviluppo rurale, nonché, di altri enti pubblici. Inoltre vengono estese a tali aziende le norme urbanistiche regionali concernenti le aree rurali.

Una grande occasione per gli istituti agrari – conclude la presidente della terza commissione regionale – che deriva dalle grani potenzialità messe in campo dal Piano di sviluppo rurale».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.