3 ore fa:Psr Calabria: pagamenti per circa 16 mln destinati a oltre 2.500 aziende agricole
3 ore fa:La Vignetta dell'Eco
2 ore fa:"Legalità' e sicurezza in Calabria": Europa Verde-Verdi esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto
4 ore fa:La cipolla bianca di Castrovillari, celebrata da produttori e grandi chef
2 ore fa:Il comune di Villapiana, è all'esame della Corte dei Conti
3 ore fa:“Il Coraggio della Vergogna”: a dieci anni dalla presentazione del libro di Carlo Di Noia
4 ore fa:Dalla Regione Calabria è forte il sostegno alle imprese artigianali: «Realtà preziose»
3 ore fa:Adesso il congedo di paternità, è riconosciuto anche nel pubblico impiego
3 ore fa:Un’immersione nelle acque calabresi alla scoperta del Piroscafo Torino
2 ore fa:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”

Cis Calabria: «Premiato il lavoro di squadra tra istituzioni territoriali e quelle nazionali»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO ROSSANO - «Il Cis Calabria rappresenta un valido, importante ed efficace esempio di lavoro di squadra tra i sindaci calabresi e i ministeri competenti. Un lavoro sinergico e costante che oggi mette tante amministrazioni locali nelle condizioni di svelare sempre più le bellezze calabresi, troppo spesso messe in secondo piano per via delle diverse problematiche che affliggono la nostra regione. Ringrazio quindi la sottosegretaria Dalila Nesci per il lavoro svolto e per aver dato ascolto ai sindaci e ai rappresentanti del territorio eletti nella massima assise regionale». Sono queste le prime parole di Davide Tavernise, capogruppo del M5S nel consiglio regionale della Calabria, a margine dell'evento tenutosi a Tropea, nella giornata di oggi, e che ha visto la ministra Mara Carfagna, insieme alla sottosegretaria Dalila Nesci, presentare nell'ambito del Cis Calabria i primi 110 progetti classificati a priorità alta e che riceveranno subito un finanziamento pari a 226,97 milioni di euro provenienti dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020. Svelare la bellezza della Calabria, dei suoi paesaggi naturali e di quelli antropizzati. Recuperare quei contesti affetti da gravi problemi di degrado, che necessitano di un complessivo fabbisogno di riqualificazione, al fine di valorizzarne l'intero territorio circostante. Migliorare, laddove necessario, anche l'accessibilità e la fruibilità delle aree oggetto dell'intervento, con ricadute positive in termini occupazionali e di innalzamento dei livelli di qualità della vita della popolazione residente. Questi gli obiettivi che il Cis Calabria si propone e che sono stati annunciati, tra l'altro, lo scorso 22 novembre presso Palazzo San Bernardino nel centro storico di Rossano. Proprio Corigliano-Rossano risulta, insieme ad altri 34 Comuni della provincia di Cosenza, destinatario delle prime risorse che saranno erogate. È di circa 2 milioni, infatti, il finanziamento ammesso per il recupero e la valorizzazione del faro di Capo Trionto, da destinare a parco biomarino ed hub culturale. Ammonta, invece, a circa 1 milione di euro il finanziamento concesso al Comune di Crosia per il recupero e la valorizzazione di Palazzo de Capua, da adibire a museo. Tra le risorse, ancora, e i progetti finanziati oltre 1 milione di euro al Comune di Campana, per la valorizzazione del territorio e la creazione di un museo della cultura contadina, e oltre 1 milione di euro al Comune di Oriolo per la riqualificazione del polo culturale teatrale "La Portella – San Giacomo". Canna, Cassano Jonio, Castrovillari, Celico, Cerchiara di Calabria, Francavilla Marittima, Lungro, Mandatoriccio, Altomonte, Buonvicino, Cerisano, Cerzeto, Diamante, Ente Parco del Pollino, Francavilla Marittima, Laino Borgo, Mangone, Montegiordano, Mormanno, Paola, Papasidero, Paterno Calabro, Roseto Capo Spulico, San Basile, San Demetrio Corone, San Giovanni in Fiore, San Pietro in Amantea, Santa Maria del Cedro, Sant'Agata di Esaro, Terranova da Sibari, Tortora, Vaccarizzo Albanese gli altri enti ammessi subito al finanziamento.

(Fonte comunicato stampa)

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell'informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia