17 ore fa:Emergenza Covid, Sibaritide-Pollino conta 119 nuovi positivi. 70 a Crosia e 33 a Co-Ro
22 minuti fa:Vaccinazioni a Vaccarizzo, il Sindaco: «Non alimentare l’odio sociale, la magistratura faccia chiarezza»
1 ora fa:Calendario venatorio, Gallo: «tar certifica legittimità nostro operato»
16 ore fa:I Curatolo, l’orgoglio di essere pescatori da cinque generazioni
19 ore fa:Castrovillari: il centro vaccini porta le primule della rinascita
52 minuti fa:Emergenza Covid «dati allarmanti». Guccione auspica una zona rossa per la provincia di Cosenza
45 minuti fa:A Cariati 64 positivi e 82 ordinanze di quarantene in corso
37 minuti fa:Sanità in Calabria, De Magistris denuncia una «situazione gravissima al limite della tragedia»
27 minuti fa:Crisi da coronavirus, Saccomanno (Lega): «La chiusura delle attività è stato un duro colpo per l’economia territoriale»
2 ore fa:Campolescia. Sulla minaccia di riaprire la discarica, interviene De Magistris

«Il popolo delle partite Iva deve essere salvato»

1 minuti di lettura

CATANZARO - «Stanno resistendo da un anno, con coraggio e tenacia, e hanno il diritto di essere salvati. Le migliaia di piccoli imprenditori che gestiscono bar, ristoranti, vendite ambulanti, operatori turistici e tutte le altre attività messe allo stremo dalle chiusure per Covid 19, devono ottenere dallo Stato e dalla Regione Calabria, tutto quello che gli serve per sopravvivere».

È quanto afferma Pietro Molinaro, consigliere regionale della Lega che così continua: «La soluzione avrebbe dovuto essere la riapertura delle attività economiche, grazie all’attuazione del piano vaccinale. Ma il Governo Conte si è trastullato, anziché programmare seriamente il Piano vaccinale. Ed in Calabria, siamo andati ancora peggio, per merito dei Commissari governativi che si sono succeduti». 

«Il commissario Longo, responsabile del Piano Vaccinale in Calabria, - incalza - continua a manifestare tutta la sua inadeguatezza ed i vaccini rimangano nei frigoriferi. Nella nostra regione siamo ancora a poche migliaia di vaccinazioni giornaliere, senza riuscire ad imprimere alcun cambiamento alla situazione. Ed anche il nuovo piano vaccinale sembra una mera illusione, visto che presuppone l’impiego di ulteriori 110 unità di personale che non si vedono all’orizzonte».

«Per ora – aggiunge - la Calabria, a fronte di una media nazionale dell’81% nell’utilizzo delle dosi di vaccino, ha somministrato solo il 73% delle dosi ricevute. C’è uno scarto, rispetto alla media nazionale di 8 punti percentuali, ovvero circa 33.000 dosi. E questo ritardo incide anche nella distribuzione che lo Stato attua nei confronti delle regioni. La Calabria ha ottenuto finora solo un numero di dosi pari al 20% della popolazione, mentre le regioni che riescono a vaccinare di più hanno ottenuto il 25%».

«In questa situazione del piano vaccinale, - continua - con gli ospedali calabresi al collasso ed i contagi che galoppano, sarebbe poco serio prevedere delle riaperture a breve delle attività commerciali. Ma allora occorre mobilitarsi seriamente per dare al popolo delle partite IVA danneggiato, tutto il sostegno che serve per rimanere vivi. Non si può dire a questi uomini ed a queste donne che mancano le risorse necessarie per tutti».

«Le risorse vanno trovate dallo Stato e dalla Regione attingendo a tutta la flessibilità che l’Unione Europea ha già deliberato. Fare di più, e fare più in fretta senza cavilli burocratici. Questa deve diventare la regola per lo Stato e per la Regione» conclude.

(fonte foto ItaliaOggi)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.