9 ore fa:Mormanno, chiesto impegno al Commissario dell'Asp Graziano per l'Ospedale di Comunità
8 ore fa:"Bamp Cinema - Un solo frame dall'Adriatico al Tirreno" arriva in Calabria
7 ore fa:Occhiuto: «Sulla statale 106 ci auguriamo migliorie in Parlamento»
10 ore fa:Land art, trasformare la collina dei Tre Piani di Lauropoli in un “museo a cielo aperto”
9 ore fa:Morano, l'assise cittadina approva importanti modifiche allo Statuto e al Regolamento del Consiglio
8 ore fa:Mensa Co-Ro, genitori e docenti chiedono convocazione commissione
9 ore fa:Olio di Calabria Igp incontra Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori
10 ore fa:Co-Ro, il Comune pronto ad acquisire un altro bene confiscato: un immobile sito in via Cardame
7 ore fa:Nel mentre si tenta di “uccidere” la fusione, si recuperano soldi persi dalle gestioni degli estinti comuni
7 ore fa:Statale 106, muore investita una 31enne a Calopezzati. Si sarebbe lanciata contro un’auto

Il Recovery Plan finanzierà anche l’elettrificazione della Sibari-Catanzaro: «Intervento di resilienza»

1 minuti di lettura

ROMA - «Si prevedono specifici investimenti di upgranding, elettrificazione e resilienza al sud. Tra le linee interessate si possono citare la Ionica Sibari-Catanzaro-Reggio Calabria…». È quello che è scritto nel documento esplicativo allegato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza #nexgenerationitalia approvato dal Consiglio dei Ministri il 12 gennaio scorso.

È il piano di investimento del Recovery Plan che mette in circolo un investimento di oltre 200miliardi di euro su tutto il territorio nazionale per consentire al Paese di uscire dalla crisi e allo stesso tempo avviare quella serie di riforme che aiutino l’Italia a “convergere” con il sistema europeo.

Ad illustrare quelli che saranno gli interventi cruciali del Recovery Plan in Calabria è la parlamentare del Partito Democratico, Enza Bruno Bossio. «Un primo importante e significativo passo è stato compiuto» dice la deputata. «Il testo del Recovery Plan, approvato dal Consiglio dei Ministri – aggiunge - ha accolto le priorità indicate in sede parlamentare, in particolare dalla Commissione Trasporti della Camera dei deputati, per la realizzazione delle opere infrastrutturali ferroviarie finalizzate all'abbattimento del tasso di perifericità e garantire tempi più rapidi nei collegamenti infraregionali e dalla Calabria verso il resto del Paese».

«Nel Piano - prosegue la deputata PD- è stata prevista la realizzazione della linea di Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria e la elettrificazione della linea ferroviaria jonica Sibari- Reggio Calabria. Due opere strategiche, di profondo significato storico, che contribuiranno all'elevamento della capacità produttiva del sistema economico e sociale territoriale regionale. Non meno importante, anche perché finalizzata ad una forte modernizzazione del contesto ambientale, è la previsione nello stesso Piano, della realizzazione della nuova ferrovia regionale Cosenza-Catanzaro. Importanti investimenti sono previsti, inoltre, sulla linea ferroviaria Rosarno-San Ferdinando, in collegamento al gateway ferroviario del Porto di Gioia Tauro».

Un impegno, quello del finanziamento delle grandi opere per il Sud che andrebbe oltre. «L'obiettivo di tutti i deputati meridionali del PD – precisa la Bruno Bossio - sarà quello di fare approvare, in sede di discussione al Parlamento, norme più stringenti per la cantierabilità e la fattibilità di queste opere entro il 2026. Per quanto concerne la indicazione per la realizzazione dei primi lotti funzionali della linea di Alta Velocità sulla Reggio Calabria-Salerno la nostra richiesta sarà quella di accompagnare il Recovery Plan con il relativo Studio di Fattibilità. A questo scopo è stato assunto l'impegno da parte del Ministero dei Trasporti e da RFI che lo studio, già finanziato a maggio dal Decreto "Rilancio", dovrà essere completato entro la data di approvazione da parte del Parlamento dello stesso piano nazionale di ripresa e resilienza».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.