18 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
1 ora fa:Sul lungomare di Co-Ro «cantieri e disagi di ogni tipo affossano il settore turistico»
20 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà
19 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
17 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
50 minuti fa:L’emergenza criminalità nella Sibaritide-Pollino approda in Commissione regionale anti 'ndrangheta
20 minuti fa:Avevano rubato l'auto con cui la mamma accompagnava la figlia disabile: ritrovata dai carabinieri
1 ora fa:Trebisacce, l'Avis comunale cambia sede ma si cerca una struttura per l'accreditamento
1 ora fa:Nel centro storico di Rossano, il successo della magica "Notte di San Giovanni"
2 ore fa:Proteste d'estate a Co-Ro, disoccupati arroccati sul tetto della scuola: chiedono lavoro

Donna Assunta, quella femmina leader nella vita ma che non volle mai esserlo in politica

3 minuti di lettura

Donna Assunta se n'è andata.

Un evento, purtroppo, che ti aspetti, ogni giorno, per chiunque abbia superato la soglia dei 100 anni.

E lei, nata del 1921, la soglia, da pochissimo, l'aveva superata.

Non c'è nulla che di donna Assunta la stampa negli ultimi anni non abbia detto e scritto. Nulla. Perchè lei ai giornalisti si dava con piacere e malcelata gioia essendo un "vero animale da palcoscenico" che, come dissi di lei, in sua presenza, ad una presentazione del mio libro su Giorgio, avrebbe potuto presentare Sanremo.

Per la sua ironia, per - quando voleva - la sua comicità innata, per la sua bravura a comunicare con il pubblico.

Nulla di lei che non sia stato detto e scritto, dicevo.

La conobbi undici anni fa quando mi venne in mente l'idea di scrivere la biografia di Almirante, politico del quale al tempo poco si conosceva della vita privata.

Mi ricevette con fredda gentilezza dopo avermi anticipato, al telefono, quando le avevo chiesto un appuntamento, che non aveva intenzione di realizzare nulla sul marito.

«Troppa gente da anni mi sta tempestando di richieste», disse. «E sono scocciata. Non se ne fa niente».

Io comunque all'appuntamento ci andai e, come previsto, lei rifiutò. Dopo avermi, però, tenuto per ore ed ore a raccontarmi del marito.

Azzardai. Scrissi alla buona un centinaio di pagine, le misi in una busta col mio nome e numero di telefono e gliela misi tra le mani quando, tra centinaia di persone, andai a porgerle il saluto il giorno della commemorazione del marito, alla chiesa degli Artisti, in piazza del Popolo. Lei la afferrò senza, ovviamente neanche ricordarsi di me.

Il pomeriggio successivo mi chiamò.

«Lei è un vero mascalzone. Non piangevo dal giorno della morte di Giorgio», esordì. «E stanotte ho pianto tanto. Senza dormire un minuto perché ho letto per tutta la notte le pagine che m'ha fatto avere. Domani venga a trovarmi. Il libro si fà».

E il libro si fece.

Ebbe così inizio una bellissima ed affettuosa amicizia. Mi chiamava un giorno sì ed un giorno pure. Mi raccontava di tutto, commentava gli eventi politici della giornata, mi faceva confidenze riguardo tanti politici che aveva conosciuto tramite il marito. Una volta uscirono sulla stampa i nomi di alcuni politici sospettati di essere gay. Qualcuno di questi aveva seccamente smentito a mezzo stampa. «Mi diceva Giorgio», disse sganasciandosi di risate, «che notizie del genere non vanno nemmeno commentate e che in casi del genere chi smentiva era sicuramente reo».

La sua enorme intelligenza unita ad un'arguzia impareggiabile ed alla vicinanza di Almirante ne avevano fatta una donna conoscitrice come pochi del mondo politico.

Sapeva sempre tutto. E quel tutto, lo dico con orgoglio, mi confidava.

Affettuosamente mi aveva anche nominato suo "addetto stampa". E quanto fosse importante il suo parere lo dimostrava il fatto che le agenzie perentoriamente pubblicavano quanto mandavo loro.

La accompagnavo in tutti gli eventi pubblici e mi pregiavo del fatto che chiedesse il mio parere su quanto accadeva.

Perchè non era solo "la vedova di Almirante". Era una donna che se avesse voluto fare politica, e molti glielo chiedevano, avrebbe "sfondato". Ma lei saggiamente aveva sempre rifiutato, soprattutto per l'età.

Ricordo con grande affetto quando, a sera tardissima, come era spesso fare, mi chiamò per raccontarmi l'ultima - perché ne faceva tante - sua "avventura comica". Viaggiava spesso sola, aveva al tempo 94-95 anni, non ricordo bene, e prima di arrivare a Roma, mi pare da Napoli, chiamò il figlio per venire alla stazione a prenderla. Orbene lei scende gli scalini, il figlio la accompagna con la mano e scesa sul marciapiede si avvia ad uscire con il figlio. Fanno alcuni passi ed il figlio le dice qualcosa ma lei non risponde. Il figlio si volta e non la vede più. Mamma! Mamma! ed ecco lei uscire da sotto il treno, tra le ruote, nera come uno spazzacamino. Era caduta tra le rotaie. Tutti la circondarono preoccupati ma lei, col volto sporco, rideva come una bambina. E come una bambina, sganasciandosi di risate, mi raccontava.

Ecco, questa era donna Assunta.

E così mi piace ricordarla.

Perchè era pure, purtroppo, politicamente circondata da un "cerchio magico" che più che cerchio era un roveto di spine e pian piano ci allontanammo.

Ma ogni tanto. spesso, tra i miei ricordi, quella sua voce squillante con un duro accento calabrese che non aveva mai abbandonato, la sento ancora.

E la sentirò sempre.

Ciao Assunta.

Tonio De Pascali
Autore: Tonio De Pascali

è nato a Lecce dove, dopo la collaborazione con varie testate televisive regionali, ha lavorato nei quotidiani Nuovo Quotidiano di Puglia e Gazzetta del Mezzogiorno ed è stato tra i fondatori de L'Ora del Salento, il settimanale della Curia vescovile del capoluogo. Ha scritto guide turistiche di numerosi centri della Puglia. A Roma è stato componente dell'Ufficio Stampa della Regione Lazio e del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Attualmente lavora presso il mensile Il Borghese, a Roma, ed ha scritto la biografia ufficiale di Giorgio Almirante, "La mia vita con Giorgio - donna Assunta racconta" - Casa editrice Pagine. Con Filippo de Jorio ha scritto "L'albero delle mele marcie" (storia della Prima Repubblica) e "Identikit di un omicidio" (storia e misteri del rapimento Moro).. E' in preparazione un saggio sulla seconda guerra mondiale. Si interessa di politica, esoterismo, storia dei Normanni, classici latini