16 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
13 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
5 minuti fa:Mensa a Co-Ro, per il sindaco «il benessere degli studenti è al primo posto» e revoca il servizio in atto
13 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
1 ora fa:Nasce la Confederazione Pasticceri italiani Calabria: «Una bella e dolce realtà»
15 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
15 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
34 minuti fa:Il “Movimento per la Vita” di Co-Ro compie 36 anni: da marzo diversi appuntamenti per celebrare l’evento
16 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
14 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso

Flavio Stasi coordinatore regionale delle Città dell’Olio calabresi

1 minuti di lettura
Il Sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, è il nuovo Coordinatore regionale delle Città dell’Olio calabresi. È stato eletto nel corso dell’assemblea dei soci riunitasi oggi (martedì 10) nella sala di rappresentanza del palazzo comunale di Piazza Santi Anargiri. Coordinati da Lenin Montesanto, responsabile comunicazione strategica ed istituzionale dell’Ente, alla presenza del presidente del sodalizio nazionale Enrico Lupi e del direttore Antonio Balenzano, i lavori dell’assemblea hanno restituito anche i nomi dei tre vice-coordinatori. Sono l’assessore all’agricoltura di Cotronei, Vincenzo Girimonte ed i Sindaci di Saracena Renzo Russo e di San Demetrio Corone Salvatore Lamirata. Nel ringraziare i colleghi sindaci per la fiducia accordatagli, Stasi ha sottolineato la necessità di condividere una nuova fase progettuale di rilancio dei territori a partire dalle produzioni di olio extravergine d’oliva, con il coinvolgimento di tutti gli attori. Prossimo step, Olio Capitale. Il Governatore della Calabria Mario Oliverio, attraverso il neo coordinatore Stasi ha subito comunicato e garantito il sostegno alle attività della rete e la partecipazione della Regione Calabria, nella cornice di Città dell’Olio, all’evento che si terrà a marzo 2020 a Trieste. Insieme al Primo Cittadino Stasi ha partecipato anche l’assessore alla Città Europea Tiziano Caudullo, con il Primo Cittadino di Cotronei, Nicola Belcastro, il vicesindaco di Terranova da Sibari Massimiliano Smiriglia ed il Sindaco di Vallefiorita Salvatore Megna, consigliere nazionale di Città dell’Olio. Dopo l’assemblea gli amministratori si sono spostati nella sala giunta dello stesso palazzo comunale dove si sono uniti agli altri sindaci invitati dal Sindaco Stasi ed ai produttori dell’area Corigliano-Rossano e del territorio coordinati da Tommaso Figoli. Erano presenti Virginia Mariotti, Sindaco del Comune di S.Marco Argentano, Umberto Mazza, Primo Cittadino di Caloveto, Stefano Graziano di Paludi, Rosario Parrotta assessore del Comune di Mandatoriccio, Sergio Esposito, assessore di San Giorgio Albanese e Antonio Pomillo, Sindaco di Vaccarizzo Albanese. - Tutti hanno espresso apprezzamento per l’elezione di Stasi a coordinatore regionale e soddisfazione per l’approccio improntato al coinvolgimento e alla condivisione unitaria delle questioni, dalle emergenze alle opportunità. I sindaci dei comuni osservatori (S.Marco Argentano, Caloveto, Mandatoriccio, San Giorgio Albanese, Paludi e Vaccarizzo Albanese) hanno infine espresso la volontà di aderire all’Associazione, come faranno quelli di Tarsia e Altomonte, i cui Sindaci Roberto Ameruso e Gianpietro Coppola ieri (lunedì 9) hanno avuto modo di confrontarsi con Lupi e Balenzano alla presenza di Montesanto.  
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.