13 ore fa:La Vignetta dell'Eco
13 ore fa:Le ali a Crotone, aspettando un sussulto dei nostri territori
16 ore fa:Domani al Castello Flotta l'evento “La musica una compagna per tutta la vita”
13 ore fa:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca
17 ore fa:La Regione Calabria applica per la prima volta la legge che regolamenta le Lobby
15 ore fa:Prossimamente in libreria il nuovo libro di Carlino: “Rossano e il suo Codex nella Letteratura”
18 ore fa:Cariati, al vaglio le candidature per la Commissione per le Pari Opportunità e Politiche di genere
18 ore fa:Nell’oasi di pace e relax Barbieri torna il format ‘Na birra nell'orto
19 ore fa:I Marcatori Identitari Distintivi come esperienza turistica competitiva
17 ore fa:Sanità precaria, il grido di allarme di Corigliano-Rossano Pulita

Il Medioevo nella Calabria jonica: una fase storica spesso sconosciuta

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Sabato 15 giugno, presso la "Sala Giovanni Sapia" del  Palazzo San Bernardino, si è svolto un interessante convegno organizzato dai Rotary Club Rossano "Bisantium" e Corigliano Rossano "Sybaris" con il patrocinio del Distretto 2102,  dal titolo "Medioevo Sconosciuto".

Ad aprire i lavori con saluti istituzionali i due Presidenti, Grazia Beraldo e Adriano Natale Viteritti, ai quali è seguito l'intervento della prima collaboratrice del dirigente scolastico del Polo Liceale, profesoressa Iolanda Barone, che ha sottolineato la pluriennale sinergia e collaborazione con il Rotary. Sono  interventi i past president, Pasquale Catalano e Francesco Lasso, i quali hanno ripercorso gli albori e la finalità del progetto nello scorso anno. Il coordinatore del progetto, Salvatore Foti, ha presentato le finalità dell'iniziativa, volta a promuovere lo sviluppo culturale del territorio nel periodo medievale, attraverso la pubblicazione del libro "Medioevo Sconosciuto paesaggi, storia, monumenti e archeologia della Calabria centrale Jonica".

Il testo sulla storia millenaria del periodo analizzato nello Jonio calabrese, racconta una fase storica spesso considerata in un'accezione negativa, e sconosciuta al pubblico. Lo stesso ha affermato che per la stesura dell'opera sono stati coinvolti esperti di alto profilo e che le mille copie del libro stampate verranno donate alla Pubblica Amministrazione, Musei ed Enti Locali ed Ecclesiastici e ad Associazioni benemerite. Sono seguite le dissertazioni puntuali degli illustri relatori. La trattazione introduttiva dell'argomento e la presentazione delle varie parti del testo è stata affidata a Gregorio Aversa, Direttore del Museo Archeologico di Crotone, con l'inquadramento storico e topografico del progetto e l'illustrazione di alcune delle testimonianze  più significative del periodo medievale in Calabria. 

La trattazione della tematica è proseguita con il Past Governor, professor Alfredo Focà, ordinario di Microbiologie e storia della Medicina all'Università Magna Graecia, con il suo intervento dal titolo  "Dissertazione su Bruno di Longobucco e la cultura dei libri". Il professore ha illustrato ai presenti lo studio sul medico calabrese, sconosciuto ai più, e che si è distinto durante il periodo medievale per le innovazioni apportate nel campo medico, divenendo docente di chirurgia nelle Università di Padova e Verona. A disquisire sul "La scoperta di un antico dipinto raffigurante le mura di cinta medievali di Corigliano" è stato l' architetto Antonio Aprelino, proponendo uno studio inedito ed interessante. 

 A concludere le relazioni la professoressa Grazia Beraldo che ha esposto la divulgazione Progetto Pcto "Medioevo Sconosciuto" nel Polo Liceale area Rossano, presentandone l'organizzazione e le finalità, trasferendo, dunque, ha affermato la docente, quelle che sono state le conoscenze acquisite nelle lezioni teoriche sulla piattaforma Google Earth, creando una mappa virtuale, QR code da collocare nei pressi dei monumenti e dei volantini divulgativi sui monumenti analizzati. La stessa ha ricordato un altro progetto Rotary in collaborazione con l'istituto "Excellence Summer Stage 24", informando i presenti che per il secondo anno consecutivo, un'alunna del Polo Liceale è stata selezionata e usufruirà di una borsa di studio estiva a Berna, offerta da 8 club Rotary, tra i quali il Rossano "Bisantium", dove svolgerà uno stage presso il Laboratorio di Fisica delle Alte Energie (Lhep) della durata di 8 settimane. Infine sono seguiti gli interventi degli alunni del Polo Liceale: Irene Talerico, Simone Pace e Nilo Sapia i quali hanno esposto i prodotti multimediali elaborati durante il PCTO. 

Alle relazioni di alto profilo sono seguiti i saluti Istituzionali del Governatore Dino De Marco, il quale ha espresso il suo apprezzamento ed entusiasmo  per la trattazione della interessante tematica e soddisfazione per il fermento culturale presente nel Distretto 2102 e che intenderà  proseguire il progetto nell'anno del suo Governatorato. A concludere  la manifestazione  l'assistente del Governatore, Sonia Falcone, che ha elogiato il progetto e le corpose relazioni.

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.