6 ore fa:Ora bisogna aprire una vertenza generazionale
11 ore fa:La scuola dell'Infanzia G. Rizzo conclude l'anno con una festa dedicata ai "Remigini"
8 ore fa:Cariati, in arrivo 576 mila euro per l'asilo nido: garantiti ulteriori 24 posti
6 ore fa:Campana, presto verrà rifatta parte della rete idrica comunale
9 ore fa:Sicurezza, sindacati chiedono a Occhiuto di «vietare le attività di lavoro nelle ore più calde»
7 ore fa:Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»
5 ore fa:La Vignetta dell'Eco
4 ore fa:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup
10 ore fa:Intelligenza Artificiale e chirurgia al servizio dei territori. Straface: «Una svolta importante per il diritto alla salute»
12 ore fa:Mormanno accoglie i giovani del Servizio Civile

Cassano Jonio presenta la Stagione Teatrale 2024

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - È stata presentata la Stagione Teatrale 2024 del Comune di Cassano Jonio. «Sei spettacoli  - riporta la nota del Comune - che partiranno sabato 13 gennaio con "Tutto il mondo è Calabrese" di Gennaro Calabrese e si concluderanno venerdì 19 aprile con "O...tello, O...io!" con Francesco Paolantoni. Una stagione teatrale di tutto rispetto che proietta il teatro cassanese tra i migliori luoghi di cultura calabrese anche nell'anno che è appena iniziato. Alla presentazione - si legge ancora - sono intervenuti il sindaco Giovanni Papasso, l'assessore con delega al Teatro, Elisa Fasanella, e il direttore artistico Andrea Solano. Presente ai lavori anche la giunta comunale al completo e l'altro rappresentante della Creativa Srl, l'associazione che organizza per conto del Comune la serie di spettacoli, Liborio Salerno».

«Nel nostro teatro comunale – ha esordito l'assessore con delega al Teatro Elisa Fasanella nel corso della presentazione del cartellone – si esibiranno artisti di caratura nazionale. Sei spettacoli con un unico obiettivo, che poi è anche quello dell'intera amministrazione comunale: portare al centro dell'attenzione, in particolare delle nuove generazioni, la cultura e l'amore per il teatro».

«Il Teatro – ha commentato il direttore artistico Andrea Solano – ha la responsabilità di attirare il pubblico, di scuoterne le coscienze e, quando possibile, di divertirlo. Ha il ruolo sociale di accompagnare la vita di una comunità intera, coinvolgendone tutte le generazioni. E questa Stagione teatrale, con l'aggiunta di spettacoli mattutini dedicati agli studenti, e di spettacoli pomeridiani per i più piccoli e per le famiglie, raggiungerà l'interesse di un pubblico di ogni età. Ringrazio – ha concluso – l'Amministrazione Comunale di Cassano perché crede nell'alto valore formativo e sociale dell'azione teatrale e investe in essa. E la ringrazio per aver concesso a Creativa l'onere e soprattutto l'onore di riempire questo nostro meraviglioso Teatro Comunale di sogni, grandi personaggi, storie emozionanti e tanti sorrisi».

«Siamo partiti a gennaio – ha precisato il sindaco Giovanni Papasso - per non creare sovrapposizioni tra il programma degli eventi natalizi e quelli della stagione teatrale. Grazie al lavoro della Creativa di Andrea Solano e Liborio Salerno che ci supporta da qualche tempo in questo progetto stiamo riuscendo a portare nel nostro meraviglioso teatro comunale tantissima gente da fuori Cassano ed è quello a cui noi puntiamo per rilanciare la nostra città. Certo le attività culturali e teatrali per il 2024 non si fermeranno a questa stagione. Quest'anno puntiamo a far diventare Cassano, oltre che città cantiere, anche città della cultura. Motivo per cui lavoriamo per organizzare anche una stagione teatrale estiva a Sibari per puntare ancora di più sul turismo di qualità».

In chiusura il sindaco Papasso ha rivolto un invito a tutti, cittadini di Cassano e non: «venite a teatro perché vi faremo divertire con una stagione teatrale eccellente e all'insegna della pura cultura».

 

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.