5 ore fa:Nella Diocesi di Cassano Jonio la raccolta degli indumenti usati ha un senso
14 minuti fa:Grazie al Garante una Calabria più inclusiva «che sappia valorizzare le diversità»
2 ore fa:Sibari-Roseto: ecco i numeri del più grande cantiere d’Italia. Chi ben inizia… è già oltre metà dell’opera
1 ora fa:Arriva l'allerta meteo, chiusa la Sila-Mare: Longobucco di nuovo isolata
1 ora fa:Calabria Verde, Tavernise (M5S) e Tridico denunciano i ritardi nell'erogazione del Tfr ai lavoratori in pensione
1 ora fa:I forestali chiedono a gran voce di veder riconosciuti i loro diritti
44 minuti fa:«Assurda e insensata la “crociata” contro il personale sanitario “imboscato”»
4 ore fa:Ci lascia Roberto Iacobino, l'impresario cariatese che si inventò il Vascstock di Germaneto
3 ore fa:Rinvenuti altri cellulari nel carcere di Corigliano-Rossano
2 ore fa:Cassano Jonio si prepara alla celebrazione della Festività del Santissimo Crocifisso

Arriva nelle sale “Space Monkeys”, esordio nel lungometraggio del regista calabrese Aldo Iuliano

1 minuti di lettura

CALABRIA - Arriva nelle sale "Space Monkeys", esordio nel lungometraggio del regista calabrese Aldo Iuliano. Prodotto da Freak Factory e Rai Cinema, con il sostegno della Calabria Film Commission, verrà presentato in anteprima nazionale il 24 novembre, all'Heroes International Film Festival, alla Casa del Cinema di Roma, mentre la première si terrà il 28 novembre, alle ore 20.30, al cinema Adriano di Roma, alla presenza del cast. “Space Monkeys", è scritto in una nota, «è un film che si ispira a fatti di cronaca attuali e mostra la solitudine provata dagli adolescenti contemporanei nel proprio percorso di crescita individuale e interazione sociale: ragazzi e ragazze cresciuti in un mondo dove la tecnologia confonde reale e virtuale e li allontana dalla propria umanità. Una generazione che vive il futuro prima ancora di sognarlo, guidata dal proprio istinto» descrive l'opera Aldo Iuliano.

Il lungometraggio - che si avvale della fotografia di Daniele Ciprì e delle scenografie di Paki Meduri, mentre i costumi sono curati da Francesca Sartori e Mara Masiero e le musiche da Enrico Melozzi - vede nel cast Souad Ardane, Amanda Campana, Haroun Fall, Riccardo Mandolini, Ambrosia Caldarelli. «Con questo film, dunque - conclude la nota - Aldo Iuliano esordisce nel lungometraggio, dopo i successi dei suoi corti, in particolare di 'Penalty' (2017), che ha riscosso consensi e conquistato riconoscimenti in tutto il mondo: il cortometraggio ha vinto il Globo d'oro, il premio Siae “Miglior cortometraggio” (concorso I Love GAI) alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, ed è valso al regista la candidatura ai Nastri d'Argento». 

(Fonte ansa)

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia