1 ora fa:Notte d’Estate nel centro storico di Corigliano: ci sarà anche la Corigliano Volley
4 ore fa:Al largo delle coste calabresi la Us Navy recupera il caccia F-18 caduto negli abissi
13 minuti fa:Ad Altomonte tutto pronto per la Notte bianca e lo spettacolo del duo Arteteca
43 minuti fa:San Lorenzo Bellizzi, grande successo per il concerto di Roberto Vecchioni
4 ore fa:Il buco nero del pronto soccorso “Giannettasio”: tempi d’attesa infiniti e consulenze lunghissime
2 ore fa:Tutto pronto per l’atteso appuntamento di CoRo Piano City. Ecco i numeri dell’evento
2 ore fa:Torna lo Slalom Città di Altomonte, unica di Coppa Italia nel cosentino
3 ore fa:La Società Italiana di Intelligence assegna a Franco Gabrielli il premio Cossiga
1 ora fa:Co-Ro, dalla cattedrale di Maria Santissima Achiropita il Rosario in diretta su Tv 2000
3 ore fa:Co-Ro, spesi 7000 euro per il palco in Piazza Steri «inutilizzato per un mese»

Rocco Papaleo sarà il protagonista della serata finale del Suoni Festival a Castrovillari

3 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Rocco Papaleo, vincitore del David di Donatello, chiude venerdì 29 luglio, presso il Protoconvento Francescano,  la XVII di “Suoni Festival” evento organizzato dalla Pro Loco cittadina, presidente Eugenio Iannelli,  e direzione artistica affidata a Gerardo Bonifati, inserito nel brand “Castrovillari Città Festival”  dedicato al  grande poeta Pier Paolo Pasolini, scrittore, regista, sceneggiatore, attore e drammaturgo italiano ma anche pittore, romanziere, linguista, traduttore e saggista a 100 anni dalla nascita.

Rocco Papaleo lo ammireremo in: "Tra parole e musica", in una sorta di chiacchierata tra amici, grazie a quella verve artistica innata che gli permette di trasformare tanti momenti di vita in una performance teatrale e tutto così diventa spettacolo! Rocco racconta, tra aneddoti e fatti, la sua carriera cinematografica e teatrale fino alla sua grande passione per la musica.  Un’occasione per conoscere meglio, tra risate e note musicali, uno degli attori più amati.

L’ultima serata, si aprirà com’è ormai consuetudine in questa edizione, con la lettura di brani e poesie di Pier Paolo Pasolini a cura dell'associazione culturale Aprustum col sottofondo musicale affidato alla fisarmonica del Maestro Camillo Maffia.

A seguire alle 21.10 “La Peronospera 5.G” con U’ Papadia & La Peronospera 5.G - Blues Tria Band che a distanza di 10 anni, dopo oltre 200 concerti in Italia tra il 2010 e il 2013, torna a grande richiesta in versione 5.G! U’ Papadia: si rimette la pompa in spalla per raccontarci l’evoluzione de La Peronòspera in questi anni, tra ritmi rock, ska, reggae, punk, folk, mediorientali.

Rocco Papaleo vincitore del David di Donatello, nasce nella vicina Basilicata e precisamente a Lauria. Si trasferisce da giovane studente a Roma per intraprendere gli studi universitari e inizia a muovere i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo come cabarettista, comico, attore teatrale, cantante e musicista. Debutta in teatro nel 1985 con lo spettacolo di Salvatore Di Mattia Sussurri rapidi, ma la sua fama si consolida grazie al ruolo televisivo di Rocco Melloni nella serie Classe di ferro (1989/1991) - per la quale ha anche scritto la sceneggiatura di alcune puntate. In televisione lavora anche nei film Vola Sciusciù (2000), Padre Pio - Tra cielo e terra (2000) e Cuore di donna (2002).  La sua carriera cinematografica inizia con Il male oscuro di Mario Monicelli (1989) per poi proseguire con Senza pelle di Alessandro D'Alatri e Con gli occhi chiusi di Francesca Archibugi (1994), I laureati di Leonardo Pieraccioni e Ferie d'agosto di Paolo Virzì (1995).  Nel 1997 interpreta il ruolo di protagonista nel cortometraggio Senza parole di Antonello De Leo, candidato all'Oscar e vincitore del David di Donatello dello stesso anno. Con Leonardo Pieraccioni nasce un lungo sodalizio artistico che lo porta a interpretare vari personaggi nella veste surreale e comica tanto amata dal pubblico: Il paradiso all'improvviso (2003), Ti amo in tutte le lingue del mondo (2005), Una moglie bellissima (2007), Io & Marilyn (2009) e Finalmente la felicità (2011). È del 2010 il suo esordio alla regia, con Basilicata coast to coast, film tratto da un testo per il teatro scritto dagli stessi Papaleo e Valter Lupo. Il film ottiene un buon successo di pubblico e di critica e la vittoria del David di Donatello, del Nastro d'argento e del Globo d'oro come miglior regista esordiente nel 2011. 

La Peronospera 5.G con U’ Papadia & La Peronospera Blues Tria Band, vede al fianco dello stesso Papadia, due grandi musicisti del panorama Rock-Blues italiano: Armando Guit Serafini - insostituibile compagno di lunghi tour musicali alle Chitarre e la sua geniale e inimitabile creazione: la GuitArmanDrum. Stefano Tavernese, (River Blonde – PFM) Chitarre, Mandola Portoghese, Violino elettrico e Voce. Stefania Fracasso, Basso, Contrabbasso. Tra ritmi rock, ska, reggae, punk, folk, mediorientali, l’ibridazione come forma espressiva capace di raggiungere il mondo, di allargare il concetto di comunicazione senza limitarsi a un genere piuttosto che a un altro, e parlando così d’un mondo nuovo e multiculturale, si inseriscono testi d’impegno sociale, politico, etico, e la poesia, il parlare di stati d’animo passionali, che evocano anche il dolore della perdita d’amore in modo potente e intenso.

Programma venerdì 29 luglio

Ore 21.00 - “A 100 anni da...” Lettura di brani e poesie di Pier Paolo Pasolini a cura dell'associazione culturale Aprustum.

Ore 21.10 - “La Peronospera 5.G”, con U’ Papadia & La Peronospera 5.G - Blues Tria Band

Ore 21.40 - “Tra Parole e Musica”, chiacchierata tra amici di e con Rocco Papaleo.

Biglietto unico € 10.00, abbonamento per 3 serate € 25,00. Prenotazioni E Biglietteria - Pro Loco del Pollino, C.so Garibaldi, 160 Castrovillari, Tel. 0981-27750.

(fonte comunicato stampa)

 

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.