1 ora fa:Asd Castrovillari, Caramia ci riprova nelle Marche alla 100km del Conero
3 ore fa:Bomba d’acqua a Cariati: «Il comune regge grazie a prevenzione e manutenzione». Ma c'è chi non la pensa così
3 ore fa:La Sila e i tessuti di Celestino protagonisti della Milano Fashion Week con Claudio Greco
19 minuti fa:Contrasto alla povertà, il Comune di Cariati cerca 10 professionisti
49 minuti fa:Trebisacce, i campioncini dello Sport Academy AJ all'Experience Frosinone
5 ore fa:Con Ryanair e i MID rafforzare destinazione Calabria: «Ora si può»
6 ore fa:Lo Spi Cgil Calabria chiede politiche adeguate per gli anziani immigrati
2 ore fa:Gli studenti dell'Istituto Troccoli di Lauropoli protagonisti del concorso letterario sulla Shoah
5 ore fa:Arrivo dei medici cubani a Lungro, Capparelli: «Un buon punto di partenza»
1 ora fa:Piazze belle e ruggenti, i grandi eventi e quel must che fa moda e tendenza. A che prezzo?

Co-Ro, fermato un pescatore di frodo intento alla pesca subacquea

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Continuano i controlli sull’intera filiera della pesca da parte del personale della Guardia costiera del Comando di Corigliano-Rossano.

In data odierna personale del Nucleo operativo di polizia ambientale della Capitaneria-Guardia costiera di Corigliano calabro, a seguito di un’attenta attività di vigilanza e appostamento, ha colto in flagrante e sanzionato un pescatore di frodo intento alla pesca subacquea con ausilio di apparecchi autorespiratori nelle acque antistanti località Zolfara del Comune di Corigliano-Rossano. 

Al responsabile della violazione è stata elevata una pesante sanzione amministrativa pecuniaria (1000 euro, se deciderà di avvalersi del pagamento in misura ridotta entro i previsti termini di legge, altrimenti la sanzione potrebbe essere elevata fino ai 3000 euro), mentre la costosa attrezzatura utilizzata - un propulsore a miscela impiegato per gli spostamenti, una bombola con erogatore, due fucili, due pugnali e un mini canotto utilizzato come appoggio, oltre alla consueta attrezzatura costituita da muta, pinne, maschera ecc. - è stata sottoposta a sequestro, in attesa della prevista confisca.

Il pregiato prodotto ittico illecitamente catturato dal pescatore di frodo (tre esemplari di cernia), a seguito del giudizio di idoneità al consumo umano espresso da personale del Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, intervenuto sul posto per coadiuvare i militari operanti, è stato invece donato in beneficienza a un locale istituto caritatevole e sarà impiegato nella preparazione dei pasti che la struttura distribuisce gratuitamente ai suoi frequentatori bisognosi.

La pesca subacquea a carattere non professionale eseguita con l’ausilio di bombole per autorespiratore è considerata una delle infrazioni più gravi ed è vietata perché incide in maniera esiziale sul cosiddetto sforzo di pesca, rispetto a quella regolare, svolta esclusivamente in apnea, in considerazione dell’illecito vantaggio acquisito dal pescatore di frodo mediante l’utilizzo di attrezzature che consentono di appostarsi, inseguire e stanare prede per un periodo infinitamente più lungo rispetto agli apneisti.

Detto tipo di attività, inoltre, risulta spesso assai pericolosa per gli stessi praticanti, perché eseguita clandestinamente e il più delle volte senza le opportune cautele richieste in genere per lo svolgimento di qualsiasi attività subacquea.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.