5 ore fa:Trebisacce, associazioni e scuole insieme per la più creativa ed estrosa delle ricorrenze: il Carnevale
3 ore fa:Pnrr e Sud: Pubblica Amministrazione e caro materiali ne ritardano l'attuazione
5 ore fa:La Calabria che non legge, la Sibaritide fanalino di coda d'Italia e d'Europa: così si spiegano tante cose
4 ore fa:Crosia, l'opposizione denuncia: «Dal sindaco Russo vergognoso e inaccettabile attacco a Don Claudio Cipolla»
3 ore fa:Cassano, da domani in funzione l’autovelox sulla Statale 534
4 ore fa:Francesca, a soli 21 anni, porta la Calabria sulle passerelle dell’Alta Moda
14 minuti fa:«La morte non è mai una soluzione». L’Arcidiocesi di Rossano-Cariati celebra la 45° Giornata per la Vita
2 ore fa:Spezzano Albanese, il comune punta sui lavoratori e stabilizza i precari
2 ore fa:La magia della neve sotto il cielo stellato: a Longobucco al via la prima edizione della “Ciaspolata Notturna”
4 ore fa:Mattia Salimbeni nominato presidente dell’assemblea provinciale di Azione

Carabinieri forestali, ecco il bilancio di un anno di attività al servizio dell’ambiente

2 minuti di lettura

REGGIO CALABRIA– Ancora una volta è un bilancio positivo quello che i Carabinieri Forestale oggi hanno presentato presso il Comando Regione di Reggio Calabria alla stampa, in contemporanea con tutti gli altri Comandi Regione.

Un bilancio che rispecchia quelle che è la specialità dell’Arma Forestale volta alla tutela del patrimonio ambientale sul territorio calabrese e siciliano. Il Comando Regione Carabinieri Forestale, oltre ai militari presenti in Calabria, ha infatti competenza sui Reparti di specialità presenti in Sicilia.

La salvaguardia ambientale, entrata di recente nei principi fondamentali della Costituzione Italiana, è l’obiettivo dell’Arma dei Carabinieri nella sua interezza, finalizzato a perseguire attraverso la tutela ambientale l’interesse delle future generazioni. Gli oltre trecento militari in Calabria suddivisi tra le 70 stazioni operative e gli uffici centrali e le sessanta unità suddivise nei Centri Anticrimine Natura di Agrigento, Catania e Palermo hanno ancora una volta fatto registrare importanti risultati finalizzati al controllo del territorio, alla tutela del patrimonio boschivo, della fauna selvatica, degli animali da affezione, alla protezione delle bellezze naturali paesaggistiche, alla repressione dello smaltimento illecito dei rifiuti e dell’inquinamento delle acque, con particolare attenzione alla tutela e sicurezza agro-alimentare oltre all’attività d’indagine e la perimetrazioni degli incendi boschivi.  

In particolare sono aumentati rispetto al 2021 i controlli da parte dei Reparti di Calabria e Sicilia, sono infatti 53.889 quelli effettuati, a fronte dei circa 40.000 dell’anno precedente, 15.642 le persone controllate e 3.665 i veicoli.

Controlli questi che hanno generato il deferimento alle competenti Autorità Giudiziarie per varie violazioni ambientali di 1.324 soggetti (1264 nel 2021) con 1.765 reati accertati, 509 sequestri e 17 arresti. Gli illeciti amministrativi riscontrati e sanzionati sono stati 2.387, che hanno portato a contestare sanzioni amministrative per 3.394.324 di euro (2.535.171 nel 2021), con 92 sequestri amministrativi e oltre 2.377 (2173 nel 2021) persone sanzionate.

Ancora una volta particolarmente attivi sono stati i Nuclei Investigativi dell’Arma Forestale (Nipaaf), che hanno svolto importanti e complesse attività di indagine in Calabria e Sicilia. I Carabinieri Forestale, inoltre, rivolgono particolare attenzione anche alle specie di flora e fauna in via di estinzione il cui commercio internazionale è regolato dalla “Convenzione di Washington” e messa in atto dai Nuclei Cites presenti a Reggio Calabria, Palermo e Catania.

A tal riguardo proprio oggi viene presentato anche il calendario cu­ra­to dal Rag­grup­pa­men­to Ca­ra­bi­nie­ri Ci­tes, che si pro­po­ne di dif­fon­de­re il si­gni­fi­ca­ti­vo va­lo­re con­ser­va­zio­ni­sti­co di spe­cie in via di estin­zio­ne tu­te­la­te dal­la Con­ven­zio­ne di Wa­shing­ton, al­cu­ne mai trat­ta­te pri­ma, e di al­tret­tan­te Aree na­tu­ra­li pro­tet­te del Mon­do dove que­ste spe­cie vi­vo­no e ven­go­no pro­tet­te.

Il Calendario Cites dei Carabinieri rappresenta un’opportunità significativa per la sensibilizzazione del grande pubblico e la diffusione della cultura sui temi della conservazione, anche al fine di promuovere una diffusa azione di educazione ambientale con particolare riguardo alla popolazione scolastica.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.