8 ore fa:Greco, il fashion designer calabrese, premiato al Good Style Spain
6 ore fa:Ancora disagi idrici nel centro storico di Corigliano: il comune al lavoro per il ripristino
7 ore fa:Basta rincari, «costo dell’energia in aumento e famiglie e aziende sul lastrico»
6 ore fa:Dopo l'aggressione arriva la solidarietà dell'ordine degli avvocati al collega Parrotta
5 ore fa: Emergenza rifiuti a Co-Ro, la missiva di Stasi: «Servono interventi urgenti»
9 ore fa:«Palazzo Taverna declassato a casa popolare. Uno scempio contro Schiavonea»
6 ore fa:Allarme listeria, wurstel ritirati da supermercati: in Italia 3 decessi sospetti e 66 casi
7 ore fa:Grande risultato per Forza Italia a Co-Ro. «Un’affermazione che ci riempie di entusiasmo»
9 ore fa:Roseto Capo Spulico, grande successo per il “Jazz'Inn 2022 – La ricerca della sostenibilità”
5 ore fa:Incendio a ridosso del porto di Schiavonea: a fuoco la vasta area verde attorno alla darsena

I carabinieri trovano una "santabarbara" a Fabrizio: fucili, pistole e pure una skorpion

1 minuti di lettura

CORIGLIANO ROSSANO - I Carabinieri dal Reparto Territoriale di Corigliano-Rossano, e più precisamente, i militari della dipendente Sezione Radiomobile, nell’ambito delle attività di controllo del territorio, hanno rinvenuto un arsenale di armi e munizioni nascoste all’interno di un casolare abbandonato, sito nell’area urbana di Corigliano Rossano, località Fabrizio Grande.

Più precisamente, l’attività in argomento ha consentito di pervenire al sequestro di diversi fucili da caccia, di pistole a tamburo ed automatiche di vario calibro, di svariato munizionamento (oltre 400 proiettili di vario calibro) nonché di una mitraglietta di fabbricazione Ceca del tipo Skorpion cal. 7,65.

Le armi, tutte in buono stato di conservazione, risultavano imballate con del nastro adesivo nonché opportunamente oleate e pronte a fare fuoco.

Del sequestro è stata notiziata nell’immediatezza dei fatti la Procura della Repubblica di Castrovillari, coordinata dal Procuratore Alessandro D’Alessio. Nei prossimi giorni, sulle armi recuperate si svolgeranno le verifiche necessarie.

Virginia Diaco
Autore: Virginia Diaco

Studio materie umanistiche e amo scrivere. Ho ricevuto diversi riconoscimenti in ambito letterario, tra cui il V Premio Internazionale di poesia “Giovanni Bertacchi” con la poesia “Preghiera alla vita che toglie vita” e la Menzione della Giuria nella prima edizione del Concorso Letterario Internazionale “Il Viaggio” con la poesia “Consumato negli occhi”. Attraverso le parole esprimo il mio mondo, grazie ad esse conosco quello altrui. Lo scopo più forte che sento di avere è quello di rendere giustizia - quanto più possibile - alla bellezza, all’arte e alle vulnerabilità sociali.