15 ore fa:Cassano, sul possibile rincaro della spazzatura l'amministrazione rassicura: «Nessun aumento»
15 ore fa:Rischio concreto di chiusura per il Centro di salute mentale di Corigliano-Rossano
15 ore fa:Scoperte le “impronte digitali del cervello”, possono essere utilizzate per identificare le persone
13 ore fa:Co-Ro, in consiglio approvata all'unanimità l'adesione alla strategia "Rifiuti Zero"
14 ore fa:Cassano presenta “Differenze”: laboratori sperimentali di educazione di genere nelle scuole medie superiori
14 ore fa:Torna a Corigliano-Rossano "La camminata tra gli olivi" tra degustazioni ed escursioni. Ecco il programma
1 ora fa:Taglio ai privilegi, la proposta di legge di Tavernise (M5S): «Restituire, ai cittadini, fiducia nelle istituzioni»
14 ore fa:A Villapiana arriva l’App del Comune: per fare segnalazioni e informarsi sulle opportunità di lavoro
26 minuti fa:Rinnovate le cariche di FederVita Calabria: Antonelli nuovo presidente e Bruno vice presidente
13 ore fa:Co-Ro, a rischio le proroghe al 2033 per il demanio marittimo

Domato dopo più di una settimana il grande incendio di Pomiero/Macchia della Giumenta

3 minuti di lettura

LONGOBUCCO - Dopo circa una settimana è stato soppresso l’incendio appiccato, per ora da ignoti, nella tarda mattinata dell’ 08 agosto 2021 alla località Pomiero di Longobucco (CS) e che poi si è esteso anche alla vicina zona di Macchia della Giumenta, lambendo l’omonima Riserva Biogenetica.

Per averne ragione è stato necessario impegnare  per circa 7 giorni 6 DOS (direttore delle operazioni di spegnimento) di Calabria Verde, 8 squadre AIB, tra REB (Autobotti) e RES (PK con modulo antincendio), un’autobotte del Reparto CC Biodiversità di Cosenza, (abilitata alla lotta attiva all’interno delle Riserve dello Stato)  nonché 3 canadair e un elicottero Regionale, oltre alla colonna mobile dei volontari del Corpo AIB del Piemonte utilizzati per la bonifica (14 volontari, 3 PK con modulo AIB da 500 litri, 1 mezzo logistico contenente le attrezzature per l’attacco diretto al fuoco, flabelli, vasche d’acqua, zappa accetta  etc. ed un furgone 9 posti), bonifica che in un territorio orograficamente complicato, come quello di Longobucco, è più difficile da realizzare che lo stesso spegnimento.

Per il Tenente Colonnello Angelo Roseti, comandante del Reparto CC P.N. “SILA”, la chiave di volta è stata la collaborazione instaurata tra tutte le squadre intervenute e i militari dei Carabinieri Forestali Parco del Reparto “Sila” in servizio alle stazioni di Cava di Melis, Longobucco (CS) e Mezzocampo, Savelli (KR), deputati alla ricerca degli incendiari, ma che all’interno dei Parchi collaborano, nelle prime fasi dell’incendio, con l’organizzazione di spegnimento,

La prima fase, durata tre giorni, nella quale l’intervento di spegnimento ha subìto, inevitabili rallentamenti dovuti a concomitanti devastanti incendi della provincia di Reggio Calabria, che hanno drenato molte delle risorse aeree e di terra.

Dopo la prima fase dell’incendio si è deciso di intervenire mettendo a fattor comune: l’esperienza e le competenze dei Carabinieri Forestali; la ferrea volontà e la preparazione teorica, nelle operazioni di bonifica, dei volontari del Corpo AIB del Piemonte; l’esigenza di confronto dei DOS di Calabria Verde con chi il territorio lo percorre tutto l’anno; alla disponibilità di prolungamento gli orari fin dalle 6 e oltre le 22.00 di chi interveniva; allo stretto e serrato dialogo con la COP (Centrale Operativa Provinciale AIB) di Cosenza, con la SOUP (Sala Operativa Permanente Unificata) di Germaneto (CZ), in raccordo con il COAU (Centro di Coordinamento Aereo Unificato) di Roma. 

Le decisioni, a questo punto, sono scivolate veloci, precise, efficienti ed efficaci ed hanno consentito di aver ragione di un incendio con 7 fronti di fuoco e chilometri di fiamme attive all’interno di boschi di Conifere Silani di enorme pregio, in solo 2 gg.

Rimane la consapevolezza che il bagaglio di competenze dei Carabinieri Forestali non deve andare perso come è accaduto nel 2017 dove il 10% dell’intero territorio del Parco della “Sila” ha subito danni temporanei e permanenti ai soprassuoli forestali.  

Ed Inoltre la procedura di adozione del Piano AIB del Parco della Sila per il quinquennio 2021 – 2025 ha fatto si che dallo studio del territorio emergessero i punti di debolezza dello stesso, potendo così adottare le opportune misure di mitigazione del rischio.

Ancora la necessita di segnalazioni tempestive che, banalmente, fanno sì che gli interventi di soppressione  siano efficaci e che quindi impediscano ai boschi di andare in fumo hanno fatto emergere l’esigenza di attivare, oltre al P.O. annuale con il Reparto CC P.N. “Sila”, le ulteriori convenzioni tra l’Ente Parco e: associazioni di volontariato che si occupano del controllo attraverso vedette con postazioni fisse e pattuglie itineranti all’interno dell’area Parco; i pastori che operano all’Interno dell’Area Protetta che vivono e lavorano nel Parco e hanno tutto l’interesse a che il territorio, dove pascolano le loro mandrie, non sia interessato dalle fiamme, in quanto se ciò accadesse, ossia, che i pascoli montani venissero percorsi dal fuoco, questo comporterebbe in automatico l’imposizione del  vincolo di 10 anni (divieto di pascolo) previsto dalla Legge 353 del 2000.

Ma, per salvare le nostre montagne, questo ancora non basta perché la consapevolezza che il fuoco, un tempo considerato amico per l’uomo, oggi è diventato un nemico per la natura, creando una consistente riduzione di biodiversità. Non può essere combattuto solo con lo spegnimento che si attiva nella fase critica dell’emergenza, ma significa, di contro, che sono saltate tutte le ulteriori possibilità di contrastarlo prima che esso avvenga.

Siamo quindi, perciò ancora, legati alla gestione dell’incendio solamente nella fase emergenziale il cosiddetto “Fire control” con mezzi di spegnimento diversamente ed in aggiunta a quello che realmente servirebbe e cioè ad una gestione del fuoco attraverso la  modalità “Fire Managment” che costa di decisioni selvicolturali in primis, ma anche di opportuni interventi di riduzione della biomassa presente nel sottobosco, cosi come, per quest’ultima modalità, avveniva anni addietro.

Tra l’altro enormi risorse vengono resi disponibili dalla Comunità Europea per far sì che questi interventi siano attivati dai Sindaci attraverso l’intercettazione dei fondi stessi.

Registriamo, però, la rinnovata volontà di intervenire sull’incendio in maniera congiunta da parte di tutti gli attori dello spegnimento e questo per iniziare incoraggia tutti, così chiosa il Comandante Roseti auspicato anche dalla fervida volontà del Presidente del Parco della Sila Dott. Francesco Curcio.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.