18 ore fa:Calcio, Castrovillari alla ricerca della prima vittoria casalinga
4 ore fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
2 ore fa:Corigliano-Rossano, Monsignor Maurizio Aloise ha fatto visita ai detenuti della Casa di reclusione
3 ore fa:In Calabria «occorre rilanciare la medicina territoriale e la centralità del management sanitario»
5 ore fa:Fondi consiliari, la Lega restituisce 155mila euro alla Regione «dimostrando di essere virtuosa»
5 ore fa:Personale di pittura di Nigro al Castello Aragonese di Castrovillari
19 ore fa:Co-Ro, «la partenza dell’anno scolastico è un importante segnale»
17 ore fa:Cosenza, ecco i vincitori del festival della cinematografia sportiva
19 ore fa:Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, presentata oggi la nuova campagna di comunicazione
1 ora fa:Riunione politica-programmatica della Lega a Corigliano-Rossano

Agguato a Corigliano: arrestato l'attentatore. Era in Piemonte

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Agguato su via Nazionale in pieno centro (leggi qui la notizia): arrestato l'attentatore. Nella serata di ieri, infatti, si è arrivati ad un’importante svolta nelle indagini apertesi a seguito del ferimento a colpi di arma da fuoco avvenuto l scorso 27 agosto alle 11 di mattina a Corigliano scalo.

In particolare le indagini condotte fin dai primi minuti dai Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, con il coordinamento del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Castrovillari, Angela Continisio, avevano permesso una ricostruzione molto dettagliata dell’evoluzione dei fatti precedenti alla deflagrazione dei colpi di arma da fuoco, grazie alle numerose testimonianze oculari ed alle immagini di video sorveglianza acquisite.

Il responsabile del delitto era stato identificato già poche ore dopo il fatto, mentre l’autovettura su cui lo stesso era scappato, era stata ritrovata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile ausonico nel pomeriggio della stessa giornata, nascosta in una auto-carrozzeria di Corigliano ed in fase di riparazione dei danni subiti.

L’indagato unitamente alla moglie si erano resi irreperibili sul territorio comunale e ciò aveva spinto gli inquirenti ad allargare le indagini a “360°”.

Sentitosi fortemente braccato, lo stesso decideva di presentarsi dai Carabinieri della Compagnia di Torino-Moncalieri per rendere spontanee dichiarazioni, nella cui sede veniva eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto del pubblico ministero, sussistendo evidenti esigenze cautelari determinate dalla gravità dei fatti per cui si procede e dalla pericolosità del soggetto, nonché un evidente pericolo di fuga, sostanziato dal fatto che l’uomo in poche ore era riuscito già a recarsi fuori dal territorio calabrese.

Continuano le indagini dei Carabinieri volte a scoprire tutti i particolari della vicenda e le eventuali responsabilità penali del ferito o di altri soggetti coinvolti.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.