4 ore fa:Covid, dal primo agosto campagna vaccinale a rischio nella Sibaritide-Pollino
3 ore fa:Nominato il nuovo Prefetto di Cosenza: è Vittoria Ciaramella
5 ore fa:Amendolara, apre la sede del Partito Italia del Meridione
3 ore fa:Porto di Co-Ro: «Necessaria la costruzione della banchina, ma senza cancellare la terza darsena»
5 ore fa:Co-Ro, Pediatria e Ostetricia «a rischio chiusura da agosto»
5 ore fa:Incendio a Corigliano-Rossano lungo la provinciale 188
4 ore fa:Sabato sera Corigliano-Rossano scenderà in piazza contro la criminalità
3 ore fa:È in uscita il nuovo libro di Fabio Pugliese dedicato alla Statale 106
2 ore fa:Policoro, il consiglio comunale non approva gli atti propedeutici al Bilancio di Previsione 2021
5 ore fa:Parte la campagna "Le donne dell'acqua": percorsi di empowerment al femminile

Sibari, i tirocinanti calabresi bloccano il bivio della Statale 106

1 minuti di lettura

SIBARI - Fin quando nessuno si degnerà di dare delle risposte a 6.500 persone non siamo intenzionali a fermarci. Sono queste le dure parole dei tirocinanti che questa mattina hanno deciso di bloccare un tratto della statale 106, all'altezza di Sibari, in segno di protesta.

Contratti e dignità, è questo che chiedono i tanti tirocinanti che, supportati dai sindacati, continuano a portare avanti l'onda di protesta che prima di oggi ha visto anche il blocco della strada di accesso per l'aeroporto di Lamezia Terme. I provvedimenti presentati per intervenire nel risanare la condizione lavorativa dei tirocinanti, sono stati respinti dal Governo nei giorni scorsi: attualmente non c'è la copertura per la totalità dei lavoratori.

«La politica si assuma le sue responsabilità - continuano i lavoratori in servizio dalle scuole ai tribunali, ormai stanchi - i tirocinanti non sono più disposti ad abbassare la testa».

Nel frattempo resta bloccato il tratto della SS 106, lo scopo è quello di continuare incessantemente la protesta per fare in modo che si ottengano lavoro e dignità. 

Paola Chiodi
Autore: Paola Chiodi

Curiosa, solare e precisa. Laureata in Comunicazione e Dams all'Università della Calabria, ha perfezionato gli studi con un Master in Giornalismo e Comunicazione insieme alle più grandi firme del panorama nazionale. Dal copywriting e la comunicazione per il web è entrata da subito nel mondo del giornalismo televisivo, come inviata e conduttrice di format, speciali e servizi. Si occupa di eventi culturali, per i quali è responsabile dell'ufficio stampa e cura la comunicazione istituzionale di associazioni e confederazioni nazionali. La sua più grande passione è l’arte, ma adora anche il vintage e il teatro (dalla commedia all’opera).