11 ore fa:Altomonte, presentato il progetto "Calabria straordinaria"
11 ore fa:Graziano (Udc): «Soddisfatti della scelta di affidare a De Poli il coordinamento regionale del Partito»
13 ore fa:In arrivo 14 milioni per l’edilizia residenziale pubblica
12 ore fa:Centro storico Rossano: «Due anni di emergenza igienico-sanitaria e rischio crolli»
13 ore fa:Il messaggio di benvenuto di Antoniotti al neo Arcivescovo Monsignor Aloise
12 ore fa:Co-Ro oggi ci sono 15 nuovi casi (25 in 3 giorni). Le preoccupazioni dei medici: riaperture frettolose
13 ore fa:Statale 106, Baffa (Lega): «Preoccupante il ritardo dell’Amministrazione a guida Stasi»
12 ore fa:Co-Ro, sul lungomare Sant'Angelo riprendono vita i chioschi commerciali
14 ore fa:A Corigliano-Rossano al via il servizio di pulizia spiaggia
6 minuti fa:Bottiglia con liquido infiammabile nel cantiere della scuola Nubrica

Abbandono di rifiuti sull’argine del Crati: denunciato il rappresentante legale di una azienda

1 minuti di lettura

BISIGNANO - Nei giorni scorsi i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acri, nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno accertato in località “Macchia dei monaci” nel comune di Bisignano (CS) presso il depuratore comunale già posto sotto sequestro dallo stesso Reparto la rimozione dei sigilli e l'abbandono al suolo sull'argine destro del Fiume Crati di rifiuti.

Nell’area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale, sono stati rinvenuti rifiuti speciali riconducibili ad una ditta del luogo operante nella fabbricazione di porte, finestre e intelaiature.

Si è proceduto quindi a porre sotto sequestro l’area, circa 200mq su cui erano stati abbandonati i rifiuti e deferito all'A.G. il rappresentante legale dell'azienda per gestione illecita di rifiuti, deturpamento di bellezze naturali e violazione di sigilli.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.