7 ore fa:San Basile: il neo eletto sindaco Filippo Tocco vara la giunta
6 ore fa:A Mormanno apre l’ambulatorio oncologico
9 ore fa:Ritorna Autori d'(A)mare: domenica 23 giugno arriva Serena Bortone
12 ore fa:Odissea 2000, 30 anni di identità turistica. Montesanto: « Un modello a cui ispirarsi»
10 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Feudo di Cariati: dai Borgia agli Spinelli
11 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
5 ore fa:Castrovillari si prepara alla seconda edizione del premio Ars et Societas
3 ore fa:Plataci: approvato il bilancio consuntivo
54 minuti fa:Il cariatese Antonio Fuoco domina la 24h di Le Mans a bordo della Ferrari
Ieri:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup

Castrovillari: il 30 convegno sul tartufo del Pollino: biodiversità e valorizzazione

1 minuti di lettura
Castrovillari. Sabato 30 giugno, 18,30 Aula Magna Villaggio scolastico, il convegno sulle varie specie di tartufo del Pollino: biodiversità e valorizzazione. La raccolta del tartufo in Calabria sta assumendo un peso crescente come elemento di potenziale sviluppo per le aree interne già naturalmente vocate alla produzione del prezioso fungo. In Provincia di Cosenza, un gruppo di persone ha intrapreso da molto tempo l’attività di raccolta dei tartufi nel territorio del Parco Nazionale del Pollino. Questa attività si è inizialmente sviluppata come hobby, ma, attualmente, considerato anche il momento di crisi economica e la scarsa offerta di lavoro, rappresenta una valida forma di integrazione del reddito e, in alcuni casi, ha creato nuova occupazione e nuovo reddito. I raccoglitori locali di tartufi, appassionati ed esperti conoscitori del territorio del Pollino, si sono riuniti in varie associazioni. I tartufai di Castrovillari operano da oltre 20 anni e hanno una approfondita conoscenza del territorio del Parco Nazionale del Pollino dove sono presenti varie specie di tartufi.
CASTROVILLARI, CONVEGNO SUL TARTUFO DEL POLLINO, IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO
Il Centro di Divulgazione Agricola (Ce.D.A.) n. 2 dell’ARSAC di Castrovillari e l’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR di Perugia, hanno avviato una collaborazione finalizzata alla caratterizzazione della biodiversità esistente in questi territori mediante le più recenti metodiche basate sull’analisi molecolare. Lo studio potrebbe inoltre essere esteso alla valutazione della variabilità genetica delle specie più pregiate come il T. magnatum ed il T. aestivum per la tipizzazione delle popolazioni locali e la differenziazione dai tartufi raccolti in altre località italiane ed estere al fine di garantire una maggiore tutela delle varietà calabresi. Da una prima indagine svolta sul territorio risulta che, nel territorio calabrese ricadente nel Parco Nazionale del Pollino le specie di tartufo che si ritrovano con maggiore frequenza sono: il Tuber mesentericum (tartufo mesenterico o tartufo nero di Bagnoli), il Tuber magnatum (tartufo bianco pregiato), il Tuber aestivum (tartufo estivo o scorzone), il Tuber aestivum f. uncinatum (tartufo uncinato), il Tuber brumale f. moschatum (tartufo nero d’inverno o tartufo moscato) e varie specie di tartufi del gruppo del T. borchii comunemente chiamati bianchetti o marzuoli. Proprio di queste tematiche e di temi correlati ad esse si parlerà sabato 30 giugno a Castrovillari. Dopo i saluti del sindaco di Castrovillari Domenico Lo Polito,  e del Commissario straordinario dell’ARSAC, Stefano Aiello, seguiranno le relazioni tecniche di Luigi Gallo dell’ ARSAC  e di Andrea Rubini dell’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR di Perugia. Sono previsti inoltre i contributi del presidente del Parco del Pollino, delle associazioni dei tartufai, degli imprenditori agroalimentari, delle organizzazioni professionali agricole e di Slow food. Le conclusioni saranno tratte da Mauro D’Acri consigliere regionale con delega all’Agricoltura.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.