9 ore fa:Corigliano-Rossano protagonista del Master sul Design ecologico e rigenerativo a Trento
6 ore fa:"Basta Vittime sulla Strada Statale 106", giornata in ricordo di Antonio Francesco Dati
7 ore fa:Al Monastero delle Agostiniane "Il Giardino tra sacro e profano, nelle letterature e nelle arti"
1 ora fa:Una delegazione di agricoltori calabresi pronti per partire per Bruxelles 
4 ore fa:In Calabria attivo il numero antiviolenza e stalking 1552
5 ore fa:Il Movimento 5 Stelle apre la campagna elettorale con un incontro su "Sud, lavoro ed Europa"
22 ore fa:Lo sgombero dell'ex chiesa di Sant'Eusebio a Sibari è stato un atto legittimo: la pronuncia del Tar Calabria
6 ore fa:La Sibari-Co-Ro costerà 975milioni di euro: «E i soldi già ci sono»
1 ora fa:Igiene ambientale, Tavernise (M5S): «A Crosia si calpesta la dignità dei lavoratori»
21 ore fa:E le nuvole camminano, a Rocca Imperiale si parlerà del nuovo libro di Angelo Broccolo

Si è tenuto ad Amendolara il convegno “Le Donne nelle Istituzioni”: tanti gli spunti di riflessione

1 minuti di lettura

AMENDOLARA - Domenica 8 ottobre 2023, nella sala consiliare di Amendolara “Umberto Pagano”, l’Associazione “Per il bene di Amendolara”, con il presidente Giovanni Munno, ha organizzato il convegno “Le Donne nelle Istituzioni”. Ha aperto i lavori il sindaco facente funzioni di Amendolara, Gregorio Scigliano, per i saluti istituzionali; ha quindi preso la parola il presidente dell’Associazione, Giovanni Munno, che ha introdotto i lavori, presentando le relatrici al tavolo della presidenza e delineando un profilo storico delle donne che hanno rivestito ruoli importanti nella storia della Repubblica.

A seguire l’intervento della sindaca di Oriolo, Simona Colotta, che ha rimarcato come sia ancora forte il gap di genere nella società e nelle istituzioni tra uomini e donne e come persistano resistenze e pregiudizi verso le donne in tutte le società. È poi intervenuta Maria Rita Acciardi, già sindaco di Amendolara e presidente della Commissione Regionale Pari Opportunità, attualmente Capogruppo di Opposizione al comune di Amendolara. Nel suo intervento ha ripercorso la storia dei movimenti femministi e delle lotte per la conquista dei diritti da parte di intere generazioni di donne e ha fatto un’analisi della situazione attuale con riferimento alla persistenza di divari e pregiudizi che ancora limitano la piena affermazione della donna nei vati campi.

Numerosi gli interventi dal pubblico: Rocco Falsetti (Consigliere comunale di opposizione ad Amendolara), Tiziana Battafarano (Consigliere comunale di opposizione a Rocca Imperiale), Tania Roseti (Assessore alla Cultura di Trebisacce), Mario Grisolia (Segretario Unione Popolare Amendolara) e Franco Adduci (Direttore Uffici Giudiziari della Procura di Castrovillari). Le conclusioni sono state affidate a Rosaria Succurro (Presidente della Provincia Cosenza, sindaco di San Giovanni in Fiore e Presidente Anci Calabria), che ha mostrato grande soddisfazione per l’iniziativa e per l’attenzione riservata dal folto pubblico presente. Nel sintetizzare gli interventi, ha voluto portare un’articolata testimonianza del suo vissuto come donna impegnata nelle Istituzioni, mettendo in risalto le difficoltà che ancora rallentano il processo di empowerment delle donne. I lavori sono stati mirabilmente moderati dal giornalista del Quotidiano Franco Maurella. Dopo gli interventi, il presidente Giovanni Munno ha voluto consegnare un omaggio floreale alle relatrici e gli attestati di partecipazioni a tutti i componenti del tavolo di presidenza, dichiarandosi pienamente soddisfatto per la riuscita della manifestazione, per la partecipazione del pubblico e per gli interventi che hanno rimarcato l’importanza del tema. Ha, altresì, ringraziato vivamente il giornalista Maurella per il suo ruolo di moderatore ed i soci Mimmo Valicenti per le foto e Salvatore Maturo per la diretta.  

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.