19 ore fa:Tripudio per il musical "Romeo e Giulietta" a Trebisacce: sold out
15 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
20 ore fa:Nuova Statale 106, la storia di un finanziamento da 3 miliardi… e mezzo
19 ore fa:Rapani incontra i vertici dell'Arma come gesto di solidarietà
16 ore fa:Costa porta la Calabria direttamente a Dubai… in aereo
21 ore fa:A Cassano al via servizi di controllo della velocità con apparecchiatura Scout Speed
16 ore fa:Il Centro Destra, la lezione Sarda e il voto di Primavera a Corigliano-Rossano
23 ore fa:A Castrovillari torna l’esperienza del Vintage Market per ridare nuova vita agli oggetti
17 ore fa:La Vignetta dell'Eco
22 ore fa:Il Comitato Pescatori Calabria: «Tutelare la storia e l’identità della marineria»

Il sindaco di Mandatoriccio Grispino sollecita Rfi per l'eliminazione di un pericoloso passaggio a livello

1 minuti di lettura

MANDATORICCIO - «È improcrastinabile l'interruzione della catena di disagi, di incidenti ed eventi, purtroppo anche drammatici, che ormai a cadenza periodica si verificano alla Marina di Mandatoriccio, causati direttamente o indirettamente dalla presenza di un passaggio a livello fonte di disagi e di insicurezza stradale».

È quanto sostiene il Sindaco Aldo Grispino in una missiva ufficiale trasmessa alla Regione Calabria ed alla Direzione operativa territoriale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) sollecitando l’attuazione dei lavori di messa in sicurezza richiesti nella Conferenza dei Servizi svoltasi ormai sei anni fa e ratificati con la Delibera di Consiglio comunale nell’ottobre 2021.

«Non è ammissibile – va avanti il Primo Cittadino – che ancora oggi, nonostante in presenza di un protocollo d’intesa firmato nel 2017 per l’eliminazione di quel passaggio a livello, il traffico da e per la Statale 106 sia vincolato ad un budello stradale di 20 metri che ad ogni passaggio di un treno si ingolfa, creando, in ogni ora del giorno e della notte, gravissimi problemi alla viabilità, soprattutto nel periodo estivo. Confidiamo – continua – nell’interesse di tutti gli enti coinvolti, affinché si recuperi il tempo fino a ora trascorso invano».

«L’ereditata situazione di stallo – aggiunge – sta creando non poche difficoltà all’Amministrazione Comunale che non riesce a dare risposte ai continui, giusti e legittimi interrogativi che arrivano dai cittadini sull’incomprensibile fermo dell’infrastruttura a salvaguardia dell’incolumità pubblica».

«Si tratta – conclude Grispino – di un intervento indispensabile alla luce della considerevole presenza demografica nella zona interessata e sul quale non tollereremo ulteriori ed inaccettabili dilazioni burocratiche».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.