8 ore fa:Annunziata, entra in funzione il nuovo reparto di Ginecologia
9 ore fa:Gallo alla mobilitazione Coldiretti Calabria "basta cinghiali": «La Regione farà la sua parte»
5 ore fa:Laboratorio creativo a Corigliano-Rossano per il progetto Green future Erasmus+
9 ore fa:Apprendimento, promozione territoriale e divertimento: numeri raddoppiati per il “Calabria Summer Camp 2024”
6 ore fa:Presto gemellati i comuni di San Cosmo Albanese e quello albanese di Mirdita
8 ore fa:Autonomia differenziata, Graziano e De Nisi (Azione) chiedono ai deputati di votare "No"
7 ore fa:Brucia l'alto Jonio: incendi a Iti, Piana Caruso e Sibari
7 ore fa:Lo spoke ancora in sofferenza, Castrovillari fa quadrato attorno al suo ospedale
5 ore fa:Elezione diretta del premier e abolizione dei senatori a vita: approvato Ddl costituzionale al Senato
6 ore fa:Saccomanno ringrazia la Calabria «per il risultato straordinario della Lega alle ultime elezioni»

Un focus sulle apnee notturne all'ospedale Minervini di Mormanno

1 minuti di lettura

MORMANNO - "Apnea ostruttiva notturna, patologia sotto diagnosticata. Problematiche cliniche e gestionali", se ne parlerà sabato 23 settembre all'ospedale di Mormanno nel corso di un convegno medico-scientifico.

«Questo disturbo, spesso sottovalutato o addirittura non diagnosticato - riporta la nota -, colpisce circa dodici milioni di italiani, maggiormente soggetti affetti da patologie cardiovascolari e metaboliche, e rappresenta ormai una problematica di salute pubblica, con costi elevatissimi per il Servizio Sanitario Nazionale stimati in dieci miliardi l'anno. Secondo l'ultimo studio epidemiologico condotto dall'università Bocconi, l'incidenza sulla popolazione sarebbe in aumento a causa dell'obesità presente anche in età pediatrica. Una situazione davvero delicata, che riduce le aspettative e la qualità di vita. Soprattutto in ragione del fatto che i casi effettivamente identificati purtroppo non superano le cinquecentomila unità e di queste solo la metà sono trattate con ventilo terapia. Le ricadute sul piano sociale sono pesantissime; le implicazioni dirette e indirette che la sonnolenza diurna determina, si riflette negativamente non soltanto sulla salute, ma è in grado di limitare la produttività, influenzare le relazioni, innescare condizionamenti psicofisici ecc».

L'evento si svolgerà in unica sessione con un approccio multidisciplinare. «È chiaro che per essere trattata, la malattia deve innanzitutto essere individuata» afferma il dr Nicola Peccerillo, promotore dell'iniziativa insieme alla dr.ssa Marilena Morano. «Ed è fondamentale informare e lavorare affinché l'Osas, che non è soltanto causa di disturbi respiratori notturni ma concorre all'aumento del rischio cardiovascolare, ipertensione arteriosa, ictus cerebrale, aritmie e coronaropatie con pericolo di morte improvvisa, sia approcciata e riconosciuta nella giusta maniera. Dal punto di vista strettamente medico – osserva Peccerillo, che del problema si occupa sin dal 1998 - la sindrome è caratterizzata durante la fase profonda del sonno da episodi ricorrenti di ostruzione delle vie aeree a livello dei muscoli faringei e ha una durata variabile, in grado di frammentare il sonno, costringendo a continui risvegli e/o a passaggi tra stadi profondi e stadi superficiali. Mancando un regolare sonno ristoratore, si producono anomalie neurologiche che compromettono la qualità di vita ed espongono a ipersonnia diurna».

Impressiona particolarmente sapere che ogni medico di Medicina Generale ha tra gli assistiti almeno centocinquanta pazienti affetti da apnea ostruttiva; mentre l'ACI calcola che un incidente stradale su cinque, specialmente in autostrada, è addebitabile alla sonnolenza che affligge questi soggetti.

 

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.