7 ore fa:Lo spoke ancora in sofferenza, Castrovillari fa quadrato attorno al suo ospedale
6 ore fa:Saccomanno ringrazia la Calabria «per il risultato straordinario della Lega alle ultime elezioni»
6 ore fa:Presto gemellati i comuni di San Cosmo Albanese e quello albanese di Mirdita
8 ore fa:Autonomia differenziata, Graziano e De Nisi (Azione) chiedono ai deputati di votare "No"
9 ore fa:Gallo alla mobilitazione Coldiretti Calabria "basta cinghiali": «La Regione farà la sua parte»
9 ore fa:Apprendimento, promozione territoriale e divertimento: numeri raddoppiati per il “Calabria Summer Camp 2024”
7 ore fa:Brucia l'alto Jonio: incendi a Iti, Piana Caruso e Sibari
8 ore fa:Annunziata, entra in funzione il nuovo reparto di Ginecologia
5 ore fa:Elezione diretta del premier e abolizione dei senatori a vita: approvato Ddl costituzionale al Senato
5 ore fa:Laboratorio creativo a Corigliano-Rossano per il progetto Green future Erasmus+

Il primo museo del cinema calabrese nascerà a Bocchigliero: un borgo dal tesoro inestimabile

1 minuti di lettura

BOCCHIGLIERO - A Bocchigliero il primo museo del cinema calabrese. Ad annunciarlo il commissario della Calabria Film Commission, Anton Giulio Grande, nel corso della serata inaugurale del "The Memories Film Fest", dedicato al cinema d'archivio, ai film ritrovati che raccontano la Calabria di cento anni fa. Festival sostenuto dalla Calabria Film Commission nel progetto "Bella come il cinema 2023". Proposta che ha trovato immediata adesione del sindaco di Bocchigliero, Alfonso Benevento, che avrebbe già individuato l'area da ristrutturare grazie a dei fondi del Pnrr destinati al borgo cosentino.

«Questo borgo custodisce un tesoro inestimabile. Grazie al lavoro della famiglia Iannelli - afferma Anton Giulio Grande - e alla loro passione per le pellicole di un tempo, molte delle quali sono state recuperate e già restaurate, oggi abbiamo un immenso patrimonio storico da tutelare e salvaguardare. Loro sono disposti a cedere le attrezzature cinematografiche custodite nell'archivio per far nascere proprio in questo borgo, tra le montagne della Sila Greca, il museo del cinema».

È l'Archivio Audiovisivo Lastcam, di cui è fondatore il documentarista e regista Giuseppe Iannelli, a custodire centinaia di pellicole cinematografiche in 35 mm, 16 mm e 8 mm, nastri video, filmati amatoriali girati prevalentemente in Calabria in un periodo che spazia dal 1920 al 2015. Il lavoro di digitalizzazione delle pellicole ha consentito di conoscere, attraverso le immagini, un periodo storico importantissimo, vedendo le trasformazioni che hanno contribuito allo sviluppo del territorio. L'Archivio Audiovisivo Lastcam ha sede a Bocchigliero, nel giugno del 2022 è stato riconosciuto dal Ministero della Cultura di interesse storico particolarmente importante, al suo interno è possibile ammirare una collezione di apparecchiature pre-cinematografiche e attrezzature cinematografiche dagli anni '50 agli anni '90. Tra le apparecchiature uno strumento per vedute ottiche retroilluminate, denominato "Il Mondo nuovo", datato 1710, una Lanterna magica Hélios Mazo Paris con lastre animate del XIX secolo e una Lanterna magica con 8 film d'animazione tedeschi del 1940.

Un immenso patrimonio da tutelare e salvaguardare è dunque già disponibile per la nascita del museo del cinema calabrese. Giuseppe Iannelli, documentarista della trasmissione Geo di Rai 3, e Caterina Iannelli, documentarista e direttrice del festival, hanno lavorato tanto in questi anni per riportare alla luce pellicole e frammenti d'archivio impolverati, in collaborazione con l'Archivio Cineteca della Calabria. «Era un nostro grande sogno – dichiarano Caterina e Giuseppe Iannelli - e siamo felici che proprio qui a Bocchigliero possa nascere il museo del cinema. Un museo che vuole essere non solo custode di pellicole dimenticate ma anche un luogo dove poter organizzare installazioni cinematografiche, attività di laboratorio e formative. L'obiettivo è anche quello di salvaguardare e promuovere il borgo della Sila Greca attraverso la spettacolarità del Cinema».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia