16 ore fa:Confagricoltura e Fee assegnano le Spighe Verdi: anche Crosia tra i 7 comuni calabresi premiati
16 ore fa:Auto si ribalta sulla Sibari-Firmo: ferito il conducente
12 ore fa:La comunità coriglianese piange la scomparsa del professore Pietro Paolo Mezzotero
12 ore fa:Treno-shuttle Sibari-Crotone, la Regione fa orecchie da mercante: «Disegno per non far decollare il Sant'Anna»
15 ore fa:Presentazione del libro "Spartenze": un evento di rilievo con il Senatore Ernesto Rapani
17 ore fa:Parte l'iniziativa per dire NO all'autonomia differenziata
14 ore fa:Successo al MuMam per la seconda edizione di "Note sotto le stelle"
11 ore fa:Estate internazionale del folklore e del Parco del Pollino: svelata l'immagine ufficiale della 38^ edizione
11 ore fa:Monitoraggio costante e Ministero della Salute confermano: a Cariati acque balneari eccellenti
15 ore fa:Sanità, Pasqualina Straface: «Basta revisionismi»

Vaccarizzo Albanese, quasi terminati i lavori della piazza "Pasquale Scura"

1 minuti di lettura

VACCARIZZO ALABANESE - Si avvia alla fase conclusiva il restyling architettonico e di design progettato per la piazza più importante del salotto diffuso di Vakarici, intitolata a Pasquale Scura, al quale si deve la formulazione giuridica nazionale "Italia, una ed indivisibile".

«A darne notizia - si legge nella nota - è il Sindaco Antonio Pomillo informando che nella giornata di ieri (mercoledì 7) è arrivata la torre campanaria sulla quale troverà dimora anche l'orologio cittadino. Gli interventi saranno completati entro il prossimo 24 giugno».

«Sono in fase di completamento - afferma il sindaco - i lavori del nuovo e moderno campanile con annesso orologio. L'opera fa parte di una più profonda attività di restyling che l'Amministrazione Comunale ha avviato per restituire luce, spazi, decoro, bellezza e solennità all'agorà cittadina. Nei mesi scorsi le antiche campane della Chiesa del Rosario sono state ricollocate nella loro originaria posizione: nella nicchia sopra la Chiesa che è stata già oggetto, insieme alla Piazza, di una profonda ristrutturazione e riqualificazione».

«Per non privare la comunità dell'orologio – ribadisce il Primo Cittadino che inviterà il territorio all'evento inaugurale – si è pensato ad una soluzione contemporanea, poiché qualsiasi richiamo all'antichità sarebbe risultato falsato e fasullo come il campanile precedente, risalente agli anni '70, di un'epoca più recente. La torre campanaria – conclude Pomillo – è una nuova opera che restituisce prestigio alla nostra comunità e che, nonostante le sue forme innovative e moderne, si incastona perfettamente con lo storico contesto urbano».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.