5 ore fa:Emergenza rifiuti, mancano ancora 3.5mln di euro: siamo vicini al caos
3 ore fa:Bollette alle stelle, protesta degli agricoltori: «Situazione insostenibile»
2 ore fa:Il cosentino Scola, campione italiano di velocità in montagna, ricevuto dalla Succurro
6 ore fa:«Che fine ha fatto lo Statuto?» I dubbi amletici che aleggiano su Corigliano-Rossano
55 minuti fa:“Calabria Terra dei Padri”: attivo da oggi il sito che punta al turismo di ritorno
2 ore fa:Il Pollino, scrigno di una pluralità alimentare dal gusto variegato e dalla potenzialità turistica straordinaria
7 ore fa:Nulla è impossibile: diabetica e celiaca partecipa alla Maratona di Berlino e si classifica tra le migliori corritrici
30 minuti fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»
1 ora fa:Mazza ringrazia quanti lo hanno votato e annuncia la nascita del Progetto Jonia
3 ore fa:Cosenza, al via per il 13esimo anno consecutivo Music for Change

Corridoio Tirreno-Adriatico: obbligati all’ammodernamento della jonica... oppure sarà solo fuffa

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – La discussione nata all’Alta velocità in Calabria potrebbe travalicare i confini del dibattito ed aprirsi prepotentemente anche sul versante nord-orientale calabrese. Quello ionico. Quello che per strategie geopolitiche ed economiche non può più rimanere area di confine.

Infatti, nella grande questione ferroviaria emerge un inedito o comunque qualcosa che fino ad oggi non era attecchita nell’opinione pubblica: il raddoppio della galleria Santomarco (il collegamento ferroviario sulla Paola-Cosenza) potrebbe essere una buona, anzi un’ottima notizia per la Calabria del nord-est. Sempre che tutto non rimanga nell’ordine della fuffa e delle promesse da marinai. A breve (si spera entro gennaio 2023), infatti, l’opera dovrebbe essere cantierizzata e una volta che i treni potranno viaggiare su doppio binario da una parte all’altra della costiera tirrenica calabrese questo consentirà di velocizzare e incrementare il trasporto di merci tra il porto di Gioia Tauro ed il resto d’Italia, soprattutto quel resto d’Italia che si collega al porto di Trieste e al bacino Adriatico che è il corridoio naturale per il transito di merci verso l’oriente.

L’incontro tenutosi nei giorni scorsi in Cittadella a Catanzaro tra il governatore Occhiuto e l’amministratore delegato di Rete ferroviaria italiana Vera Fiorani ha avuto risvolti importanti. Il punto fondamentale uscito fuori dall’incontro è il potenziamento della linea che collega il Porto di Gioia Tauro, ormai il primo in Italia per 3,7 milioni di container movimentati, proprio con l’Adriatico. E l’unico passaggio per portare merci da Gioia Tauro lungo la dorsale orientale del Paese via galleria Santomarco è proprio la linea ferroviaria ionica.

La Calabria del nord-est, da eterna periferia, diventa obbligatamente strategica nelle dinamiche del Paese. “Bingo!” potrebbe dire qualcuno. Sì, se solo le buone intenzioni si riuscissero a concretizzare e soprattutto se i “desiderata” dei sempre insoddisfatti territori non prevalgano sul resto.

Secondo i sindacati, soprattutto per la Cgil, il consolidamento di un investimento certo come quello che lo Stato sta facendo proprio sulla galleria Santomarco non può rimanere una cattedrale nel deserto (tra l’altro una cattedrale che alla fine costerà quasi un miliardo e mezzo di euro). Pertanto l’idea di un potenziamento, forse addirittura di un raddoppio della ferrovia ionica Sibari-Metaponto-Taranto potrebbe diventare concreta.  «Il raddoppio della Santomarco – scrive proprio stamattina il segretario regionale di Fillea-Cgil - rappresenterà uno snodo importante per il trasporto merci perché collegherà il porto di Gioia Tauro con la dorsale adriatica, tramite la linea ferroviaria Cosenza – Sibari – Metaponto.  La realizzazione del raddoppio è un’infrastruttura importante non solo per la mobilità ma anche e soprattutto per lo sviluppo della nostra Regione».

Intanto la Fiorani non smentisce l’accuratezza con cui da sempre svolge il suo mandato formando dati e previsioni, ma anche moniti sulla realizzazione del progetto: «oggi la previsione per l’attivazione di questa galleria è 2029, d’altra parte è un tratto con 17 chilometri di gallerie, è un’opera complessa dal punto di vista ingegneristico e bisogna tenerne conto, ci vuole il tempo che ci vuole, lo capisco ma non abbiamo modo di essere più veloci se vogliamo attraversare le montagne. Però chiariamo che non è l’unico intervento che si sta facendo nel frattempo in Calabria: in Calabria c’è un numero significativo di investimenti in corso, non si sta trascurando nulla. Parliamo di circa 8,5 miliardi di investimenti, di cui 6,5 stanno camminando. Non si pensi che la stiamo trascurando».

 

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.