17 minuti fa:"La cultura della legalità" sarà il tema del secondo incontro organizzato dell'associazione Namaste
1 ora fa:La vicinanza di Mons. Aloise ai salesiani colpiti dall'incendio la scorsa notte
2 ore fa:Marathon degli Aragonesi: le due ruote come strumento per valorizzare il turismo sostenibile
3 ore fa:San Francesco di Paola festeggiato a Terranova tra preghiere e antichi canti tradizionali
3 ore fa:Rossano scalo, auto sfonda la recinzione e piomba nel cortile di una scuola
2 minuti fa:Emergenza depurazione, sarà un'altra estate da incubo? Aspettando i nuovi progetti
47 minuti fa:Pasqualina Straface vicina ai frati salesiani: «Simbolo di aggregazione giovanile»
4 ore fa:Psa della Sibaritide, a Co-Ro torna a riunirsi la commissione urbanistica
1 ora fa:Al via i lavori sulla strada Corigliano-Villaggio Frassa. Novello: «La città sta cambiando volto»
32 minuti fa:Il PD di Co-Ro ricorda la Giornata mondiale contro l'omofobia

Una stagione teatrale bellissima e di grande valore ma… divisiva

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Finalmente un po’ di normalità. A Corigliano-Rossano si ritorna a teatro con una nuova stagione artistica di altissimo pregio, messa in piedi per volontà dell’assessore alla Cultura Alessia Alboresi con il supporto delle Pro Loco di Rossano e Corigliano e sotto la direzione artistica di Antonio d’Amico. Quattro spettacoli di caratura nazionale che però sarebbero potuti essere 8. Anzi, otto in realtà lo sono per una scelta discutibile e divisiva.

Infatti, resta incomprensibile la decisione – credo politica – di proporre lo stesso spettacolo in due date differenti: una a Corigliano e l’altra a Rossano. Una linea di demarcazione netta tracciata ancora con più decisione attraverso la campagna abbonamenti. Infatti, è possibile acquistare il ticket unico per i 4 spettacoli per il teatro “Valente” oppure per il “Paolella”. Senza possibilità di interscambio. Proprio come se i cittadini dei due centri urbani non possano incontrarsi. Forse per paura di contaminazioni, dato che siamo in periodo di pandemia?

Ci auguriamo non siano queste le motivazioni. Anche se, a dire la verità, non ne troviamo delle altre. A meno che non si pensi per davvero, più o meno inconsciamente, di continuare a fare di tutto per abiurare la fusione, per boicottarla, continuando a tenerla solo come freddo atto amministrativo, subìto dalla classe politica di governo.

Non era forse più semplice e logisticamente conveniente organizzare due spettacoli al “Valente” e due al “Paolella”? magari prevedendo anche delle repliche, con un unico abbonamento in modo da mettere gli spettatori delle due comunità nelle condizioni di vivere a pieno sia l’uno che l’altro centro storico. Si sarebbe fatta una bellissima e utilissima azione di conoscenza e coscienza del territorio.

Ecco perché si è persa un’occasione d’oro, proprio in questo momento storico in cui la gente è alla ricerca spasmodica di normalità e socialità, di creare un’opportunità per mettere insieme i due popoli. In questo modo, con questa soluzione, ognuno rimane nel suo guscio. Si pensi ai bambini che parteciperanno agli eventi (e mi auguro siano in tanti); non sarebbe stato bello che in questa occasione avessero avuto la possibilità di incontrare, conoscere, confrontarsi con i loro coetanei d’oltre Cino?

A cosa serve, allora, l’indirizzo politico se l’intuizione e la volontà devono essere solo una prerogativa dei cittadini? Perché il Comune rimane così passivo ad iniziative che possano creare incontri tra le due comunità?

Il fatto è che potremmo anche derubricare questa circostanza nell’elenco delle “sviste” e di altre possibili e legittime scuse. Però la perplessità si fomenta e quando metti in fila più “circostanze”, più “eventi simili” che portano a pensare che qui si stiano amministrando ancora due città senza una visione unica, beh, allora quella perplessità diventa certezza.

Ma non è che si sta facendo ancora il gioco di chi vede Corigliano e Rossano come due realtà a sé stante?

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.