1 ora fa:Asse Calabria-Parigi con l'architetto Livio De Luca a capo del cantiere digitale di Notre-Dame
3 ore fa:Co-Ro, convocato il consiglio comunale per il 27 gennaio alle ore 17
1 ora fa:Agguato a Mirto, colpi di arma da fuoco contro un pastore: è ferito
25 minuti fa:Ente Bilaterale Artigianato Calabria: oltre 13 milioni e mezzo di euro di cassa integrazione liquidata
3 ore fa:Il costo del pane potrebbe aumentare ancora. «Si rischia di affamare ulteriormente tante famiglie»
1 ora fa:Ancora un vax day contro il Covid: a Castrovillari il 29 e 30 gennaio per adulti e bambini
4 ore fa:Covid, giornata nera per la Calabria che registra 15 vittime
3 ore fa:Videosorveglianza, a Cassano vi avranno accesso Vigili urbani, Carabinieri e Guardia di Finanza
3 ore fa:Atti vandalici a Cariati, ignoti danneggiano due panchine sul lungomare e una parte del muretto
1 ora fa:Incendio all’oratorio a Doria, Monsignor Savino: «Sono vicino all’intera comunità e al parroco»

Aveva perso 17kg in pochi mesi: donna di Corigliano-Rossano salvata dai chirurghi della Casa Sollievo della Sofferenza

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Salvata per miracolo una donna di Corigliano-Rossano che in pochi mesi aveva perso 17 kili. Dopo un intervento chirurgico durato 4 ore lo staff medico dell’Unità di Chirurgia vascolare della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, l’ospedale di Padre Pio, la donna ha ripreso la sua normale funzionalità metabolica.

Questa è la storia di una 45enne che accusava forti dolori addominali dopo ogni pasto e in pochi mesi, a causa della limitazione dell’alimentazione, aveva perso 17 kg. Un quadro clinico allarmante che ha portato la donna a rivolgersi ai medici dell’ospedale pugliese.

«I primi accertamenti, poi seguiti da una Tac con mezzo di contrasto e da una angiografia – si legge su foggiatoday.it che per primo ha riportato la notizia - hanno evidenziato una vasta diffusione di placche aterosclerotiche, cioè accumuli di grasso, nell’aorta addominale e in particolare nei vasi arteriosi viscerali che causavano una ischemia mesenterica cronica riducendo in maniera significativa l’apporto di sangue all’apparato gastrointestinale».

La complessità e l’estensione delle lesioni – tra cui l’occlusione all'origine del tripode celiaco e dell’arteria mesenterica superiore, e il restringimento della mesenterica inferiore – hanno imposto una immediata rivascolarizzazione chirurgica su entrambe le arterie mesenteriche.

Se ciò non fosse avvenuto, la donna sarebbe andata incontro ad una necrosi dei tessuti intestinali con un elevato rischio di morte.   

L’operazione, durata circa 4 ore, è stata eseguita dallo staff coordinato da Vincenzo Palazzo, chirurgo e direttore dell’Unità di Chirurgia Vascolare dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, assieme ai chirurgi Roberto Marinucci e Luigi Semeraro, coadiuvati dal medico anestesista Antonio Bove e dal personale infermieristico e tecnico di sala operatoria.

«Non è stato possibile procedere con una metodica endovascolare – ha spiegato il primario a Foggiatoday – poiché il vaso era completamente chiuso e l’unica scelta disponibile era un intervento in “open” per impiantare un bypass su tutte e due le arterie mesenteriche. La protesi impiantata, partendo dall’arteria iliaca comune destra, collega le due arterie mesenteriche superiore ed inferiore per creare un percorso alternativo e permettere al sangue di defluire normalmente, scavalcando l’occlusione che si era creata e raggiungere così l’apparato gastrointestinale».

Nonostante la complessità dell'intervento, la donna ha risposto bene ed è stata dimessa dopo 7 giorni, non prima di aver effettuato tutti gli ulteriori accertamenti diagnostici. Dopo un breve periodo la paziente è tornata ad alimentarsi normalmente, senza più alcun dolore, ed ha gradualmente recuperato 10 chilogrammi di peso. L’ottimo risultato dell’intervento è stato successivamente confermato da una Tac con mezzo di contrasto eseguita in Radiologia che ha evidenziato la pervietà del vaso.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.