5 ore fa:La Calabria protagonista di “Borghi da Raccontare”
4 ore fa:Pesca sperimentale sardella, la Regione replica a Martilotti: «Tutto legittimo»
4 ore fa:Dramma della solitudine a Rossano: un giovane uomo trovato morto in casa
2 ore fa:«Nessuno smantellamento in atto sulle piste da sci di Lorica»
4 ore fa:Castrovillari, l’associazione “Solidarietà e Partecipazione” in prima linea per la tutela e del verde pubblico
3 ore fa:Dimore storiche, Amarelli: «Bisogna investire di più sul patrimonio calabrese»
3 ore fa:Corigliano-Rossano, approvato il protocollo d’intesa e collaborazione “Lingua migrante”
5 ore fa:Sviluppo delle aree rurali: circa sei milioni per 78 comuni calabresi
4 ore fa:Sanità in Calabria, De Caprio: «Quando c’è equilibrio nella governance i risultati arrivano»
3 ore fa:Ipertensione arteriosa: quali sono i fattori di rischio, i sintomi e come fare prevenzione

Hub Vaccinale Palabrillia: in due giorni vaccinate quasi 1200 persone

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – È di poco fa la nota giornaliera sulla pagina Facebook del sindaco Flavio Stasi, una nota che porta un vento di speranza.

In due giorni dall’inaugurazione dell’Hub Vaccinale Palabrillia, il risultato della popolazione vaccinata ammonta a quasi 1200 persone. Numeri superiori rispetto a quelli delle scorse settimane e che si spera possano raddoppiare le potenzialità giornaliere di vaccinazione data l'imponente macchina organizzativa e la logistica.

Ma affinché tutto funzioni sarà necessario avere scorte idonee di sieri immunizzati (non solo AstraZeneca) ma soprattutto occorrerà potenziare il sistema di prenotazione perché ancora oggi, in molti, non sono riusciti a opzionare la vaccinazione attraverso la piattaforma web. 

Antonio Giorgio Lepera
Autore: Antonio Giorgio Lepera

Classe '95, determinato, ambizioso e buona forchetta, è sin da giovane appassionato di videogiochi, sport , musica e del mondo orientale. Abbraccia la chitarra in giovane età, per poi provare la carriera da musicista trasferendosi a Londra. Dopo l'esperienza di due anni in terra inglese, decide di ritornare in Italia per abbandonare definitivamente il suo sogno più grande. Conclude gli studi universitari laureandosi in Interpretariato e Comunicazione a Milano, in lingue Cinese e Inglese. Studia al momento per diventare un giornalista professionista in ambito sportivo o radiofonico.