1 ora fa:Fortunato Amarelli è il nuovo presidente di Digital Innovation Hub Calabria
2 ore fa:Corigliano-Rossano, Cgil richiede incontro per la gara d’appalto sul servizio di igiene ambientale
53 minuti fa:Amendolara, al via le vaccinazioni anti Covid per gli ultra ottantenni
1 ora fa:IL CAFFÈ DELL'ECO (Puntata 25) - Tra vaccini e varianti, il territorio e la prova Covid
2 minuti fa:Corigliano-Rossano, I ragazzi di “I Figli della Luna” esprimono la loro creatività con l’arte
1 ora fa:La Statale 106 può essere ammodernata con i soldi del Recovery Fund
53 minuti fa:Nuovo Dpcm tra novità e conferme: riaprono cinema e teatro; musei anche nel fine settimana
1 ora fa:Corigliano-Rossano, Alboresi dona la saga di Harry Potter al progetto “Ancora di parole”
2 ore fa:Rocca Imperiale paga lo scotto del "focolaio Basilicata": all'ombra del castello svevo ci sono 27 contagiati
6 minuti fa:Sapia (Gruppo Misto) chiede di accelerare sulle vaccinazioni

Corigliano-Rossano, il Tar Calabria dà ragione alle mamme: le scuole non andavano chiuse

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Arriva un’altra sentenza del Tar Calabria, un’altra sentenza che dichiara illegittima una decisione assunta dal sindaco di Corigliano-Rossano. Questa volta al centro del contendere l’ordinanza di chiusura delle scuole primarie e secondarie di primo grado nei giorni precedenti al Natale (dal 9 al 22 dicembre per l’esattezza).

Il tribunale amministrativo, con sentenza pubblicata oggi, ha di fatto revocato il dispositivo sindacale (ordinanza n.204/2020) pur essendosi già consumati tutti i suoi effetti.

In realtà i giudici amministrativisti hanno bacchettato la condotta di Flvio Stasi che – ricordiamo – a dicembre chiuse le scuole dopo che negli istituti di Corigliano-Rossano era stata riscontrata la presenza di ben 19 studenti positivi al Covid-19. Una motivazione giudicata, però, troppo debole per giustificare l’entità del provvedimento ma anche inconsistente dal punto di vista scientifico.

«I dati riportati – si legge nel dispositivo del Tar Calabria - per la loro debolezza non giustificano l’intervento aggravativo del Comune in quanto: 1 ) la prima indicazione del Dipartimento di prevenzione è di data sconosciuta e quindi priva di attuale valenza, ed in più generica in quanto non apporta un dato di specifico rischio territoriale, ma, piuttosto, costituisce una mera valutazione di opportunità delle Asp di chiusura “precauzionale” che va a sovrapporsi a quelle già compiute dalla Autorità statale sulla base di dati specifici e di valutazioni tecniche del Comitato tecnico scientifico, del Ministero della salute e dell’Istituto superiore di sanità, 2) il dato di 19 contagi non è specificato nell’arco temporale di manifestazione risulta esiguo in rapporto all’intera popolazione scolastica di circa 12.000 allievi».

Non solo, le motivazioni dei giudici vanno oltre e richiamano una condotta amministrativa contrastante anche con le direttive nazionali. In quel periodo in cui Corigliano-Rossano decise di chiudere le scuole e lasciare i bambini a casa con la didattica a distanza la Calabria era dichiarata Zona Arancione. Una condizione che, invece, ancora oggi, consente la didattica in presenza.

«Il Sindaco non ha, altresì, tenuto in nessun conto – scrivono ancora i giudici catanzaresi - delle minuziose (e costose) misure adottate dalla Scuola proprio per prevenire e contenere il contagio, che impongono le misure di comportamenti cautelativi da adottare in caso di soggetti sottoposti a tampone per avere avuto un “contatto stretto” anche in caso di individuo in qualsiasi modo riconducibile all’ambiente N. 01482/2020 REG.RIC. scolastico (utente o dipendente)».

Insomma, non c’era alcun motivo per chiudere le scuole. E le mamme avevano ragione. Anche quando in quella domenica 13 dicembre protestavano vibratamente e civilmente davanti agli istituti cittadini contestando una misura sindacale ritenuta fin troppo severa nei confronti dei loro figli. Il “danno” però è fatto e, come dicevamo, si è consumato nella parentesi pre natalizia. Anche se la condotta recidiva del primo cittadino si è protratta pure nello spazio post festivo. Ancora oggi, infatti, le scuole primarie e secondarie di primo grado rimangono chiuse per effetto di un’altra ordinanza sindacale del 10 gennaio scorso.

Anche su questo, però, il Tar, pur non facendo riferimenti espliciti è stato chiarissimo: «La sentenza del giudice amministrativista – si legge nelle premesse del dispositivo - in ipotesi di provvedimento con effetti limitati nel tempo, ma destinato ad essere reiterato per contenuto da provvedimenti successivi, non si esaurisce nel solo annullamento dell'atto riscontrato illegittimo, ma contiene anche la regola alla quale l'Amministrazione deve attenersi nel futuro, sicchè non viene meno l'interesse all'impugnativa di un provvedimento reiterabile sul rilievo che, nel frattempo, il provvedimento contestato abbia esaurito i suoi effetti».

Quindi “a babbo morto” nessuno avrà giustizia. Men che meno i bambini che non solo stanno vivendo gli effetti sociali più drammatici di questa emergenza sanitaria storica e straordinaria, quanto  stanno subendo gli effetti di misure fin troppo restrittive e – almeno per quanto ci dice la legge – anche ingiustificate. Chi restituirà ai nostri ragazzi i tanti giorni di scuola perduti?

 

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.