5:20 pm:Andrea Denegri è il nuovo direttore della UOC Chirurgia Toracica dell’Annunziata di Cosenza
5:30 pm:Crosia: bando piano mare, prorogato il termine per la presentazione delle domande
6:30 pm:Alla Camera presentato un emendamento da 10 milioni di euro per l’Ospedale di Cariati
6:30 pm:“Positivi alla lettura”, all’Istituto Comprensivo di Cariati con Libriamoci
6:47 pm:Cultura e impresa, da Corigliano Rossano l’algoritmo per ripartire
6:12 pm:I Sindacati: «Sull’agguato a Cassano serve una reazione. Fiducia nella magistratura»
7:12 pm:Giornata della disabilità, a Co-Ro il Movimento per la Vita si batte per una nuova inclusione
7:41 pm:Caloveto, dopo il maltempo è tornato il sereno: il sindaco ringrazia il Consorzio di bonifica
5:44 pm:La lettera ad Ursula Von der Leyen: «Bloccare il Recovery Fund all’Italia, vogliono usarlo contro il Sud»
6:12 pm:Parroco positivo a Mandatoriccio: arriva l'ufficialità dall'Arcidiocesi: «Subito la sanificazione della Parrocchia»

Giuseppe Ferraro presenta il suo nuovo volume

2 minuti di lettura

È stato pubblicato da pochi giorni il nuovo libro dello storico longobucchese sui giornali di prigionia durante la Prima guerra mondiale «Il Gazzettino di Wonbarracopoli e l’Attesa». Due esperienze giornalistiche nei campi di prigionia della Grande Guerra per i tipi della Pubblisfera che per l’occasione ha curato anche un’edizione pregiata.

Il volume è stato patrocinato dal comune di San Giovanni in Fiore con la collaborazione dell’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea (ICSAIC). La sua prima presentazione (patrocinata dall’ Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea, dalla Deputazione di Storia patria per la Calabria e dall’Istituto per la storia del Risorgimento italiano-Comitato provinciale di Cosenza) si è svolta sabato 12 settembre a San Giovanni in Fiore nei magazzini badiali con gli interventi di Gianfranco Nicoletti (Magnifico Rettore dell’Università “Vanvitelli” di Caserta), del prof. Giuseppe Barberio, del sindaco Giuseppe Belcastro e dell’assessore alla cultura Milena Lopez. Secondo alcune stime i prigionieri italiani rinchiusi nei campi dell’impero austro-ungarico e della Germania furono circa 600.000, 100.000 morirono per malattie e stenti.

La nuova ricerca di Ferraro (che riprende quella portata avanti con l’Icsaic in occasione dei 100 anni della decimazione della Brigata Catanzaro) presenta dall’interno il mondo e la vita dei prigionieri. Si tratta di un lavoro originale e soprattutto innovativo per l’utilizzo a livello storiografico e di ricerca storica di fonti nuove per lo studio della prigionia durante il primo conflitto mondiale come i giornali composti dagli stessi prigionieri italiani, in questo caso nei territori austro-ungarici. Anche in questo volume l’autore riesce a coniugare il rigore della ricerca scientifica, con un linguaggio chiaro, esplicativo, funzionale anche alla progettazione didattica. Questi giornali avevano l’obiettivo di sostenere psicologicamente e materialmente i prigionieri. Potevano essere compilati a mano, disegnati o poligrafati. Per certe loro caratteristiche, potevano essere inquadrati nella produzione dei periodici nati dal clima di guerra. Nonostante queste esperienze giornalistiche, avevano avuto origine in un contesto di evidente negazione-privazione-limitazione della libertà, risultavano però più dialettiche e aperte al confronto, rispetto alle esperienze giornalistiche nate nelle trincee e nel fronte interno.

L’autore è nato Longobucco, professore di Filosofia e storia, dottore di ricerca presso l’Università degli studi della Repubblica di San Marino, collabora con l’Università della Calabria e l’Università per stranieri di Reggio Calabria; è membro del comitato scientifico dell’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea, dove è anche responsabile della sezione scuola e didattica. È deputato di Storia patria per la Calabria, fa parte della redazione della rivista «Giornale di Storia contemporanea» e il «Pensiero storico»; dal 2018 anche del Centro studi «Paolo Prodi» per la Storia costituzionale (Università di Bologna). Dal 2019 è membro della commissione nazionale scuola e didattica della Società italiana per lo studio della storia contemporanea. Le sue ricerche hanno ricevuto importanti riconoscimenti tra i quali: «Spadolini-Nuova Antologia» a Firenze, «P.P. D’Attorre» a Ravenna, «Troccoli Magna Graecia» e «Amaro Silano» in Calabria. La sua recente monografia «Il prefetto e i briganti» (Le Monnier-Mondadori) ha ricevuto anche la menzione speciale al premio «Sele d’oro» ed è stata tra le cinque finaliste nazionali dell’Opera prima Sissco nel 2017. Ha pubblicato lavori sulla questione unitaria italiana, il brigantaggio, classi dirigenti liberali, la Prima guerra mondiale, il fascismo, le guerre coloniali, gli internati militari (Imi) e la Resistenza; collabora con il Dizionario biografico degli italiani della Treccani e con l’enciclopedia internazionale 1914-1918-online. International Encyclopedia of the Firt World War, su percorsi didattici e questioni relative alla formazione docenti durante la fase del Tfa.

Attualmente è presidente dell’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano-Comitato Provinciale di Cosenza.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.