8 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
8 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
7 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
9 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
6 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
6 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»
4 ore fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»
3 ore fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
7 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
3 ore fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce

Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione

3 minuti di lettura

CASSANO JONIO - «Intitolare una strada o uno spazio pubblico significa apporre un sigillo, ripercorrere la storia della comunità affinché essa ritrovi il senso di appartenenza e il valore fondamentale dell'identità». È proprio questa la motivazione alla base dell'intitolazione delle due strade di Sibari alla memoria di Benito Bernardo e Saverio Lo Caso, svoltasi ieri sera dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Papasso. In ricordo di due professionisti che hanno operato a Sibari e che hanno fermamente creduto nelle potenzialità del territorio ai fini dello sviluppo della città e dell'intera Sibaritide.

«Una cerimonia partecipatissima quanto solenne - riporta la nota comunale - alla quale erano presenti, oltre al sindaco Papasso, la giunta comunale al completo, diversi consiglieri comunali di maggioranza con in testa il presidente del consiglio Lino Notaristefano, dirigenti e dipendenti comunali, tantissimi cittadini, rappresentanti del mondo civile, sindacale, religioso e delle forze dell'ordine tra cui il comandante del Gruppo della Guardia di Finanza di Sibari, colonnello Giuseppe Maniglio, il commissario capo della Polizia di Castrovillari Gaetano Tedeschi, il comandante della stazione dei carabinieri di Cassano, maresciallo Giuseppe Schena, la comandante della Polizia locale, Anna Maria Aiello, l'onorevole Peppino Aloise, ex parlamentare, Pierpaolo Lanciano, segretario generale della Cisl Funzione Pubblica di Cosenza, il parroco di Sibari, don Pietro Groccia. Presenti, soprattutto, le famiglie Bernando e Lo Caso che, con tantissima commozione, insieme ai cittadini intervenuti, hanno ricordato i loro cari ormai scomparsi e il loro grande contributo dato a Sibari e al circondario. Un ricordo che non s'è perso con il passare degli anni ma che, anzi, è rimasto forte. Una voglia di non dimenticare che è stata perpetrata dai cittadini che hanno organizzato negli anni scorsi due diverse petizioni (riassunte dal principale promotore Franco Pistocchi, memoria storica di Sibari): la prima, quella riferita a via Lo Caso, risaliva al 2014, la seconda, quella riferita a via Bernando, invece è del 2017. Il ricordo delle due famiglie è stato affidato agli emozionatissimi interventi di Anna Bernardo e Maria Giovanna Lo Caso le quali hanno ricordato i propri cari».

«Con questa cerimonia – ha esordito nella sua relazione l'assessore Annamaria Bianchi – la nostra amministrazione comunale prosegue in un percorso, avviato da tempo e che potremmo definire "della memoria", che ci ha portato a intitolare ad alcuni nostri concittadini strade, piazze o luoghi pubblici della Città. Questo perché riteniamo sia doveroso, per una comunità, esprimere un segno tangibile di riconoscenza e di gratitudine verso quei cittadini che, nel corso della propria esistenza,  hanno avuto una condotta di vita esemplare per onestà e rettitudine, per impegno nel campo delle professioni e dei saperi; per essersi spesi in favore della propria terra, per favorirne lo sviluppo e la crescita civile, culturale ed economica, nonché per custodirne il ricordo e tramandarlo alle future generazioni quale esempio da seguire ed emulare».

Benito Bernardo, geometra, nacque a Cassano l'8 giugno 1936 e morì a Pavia il 25 ottobre 2016, ha ricoperto la carica di Sindaco di Cassano. I cittadini hanno chiesto all'amministrazione comunale un segno tangibile in ricordo di una persona di alta levatura morale e professionale che, grazie al suo lavoro ed alla sua esperienza, ha dato un grande contributo allo sviluppo urbanistico di Sibari e, in qualità di operatore turistico, ha contribuito a far conoscere oltre i confini regionali le bellezze e le risorse culturali e naturalistiche del territorio comunale.

Il geometra Saverio Lo Caso, invece, deceduto il 25 maggio 2006, grazie alla sua professionalità ha contribuito allo sviluppo urbanistico di Sibari e con la sua disponibilità e bontà d'animo ha consentito la perforazione di un pozzo artesiano nei suoi terreni, da cui tutti i cittadini ancora oggi attingono acqua. Oltre ad essere ricordato come illuminato professionista, Saverio Lo Caso è ancora presente nella memoria della gente di Sibari per le sue doti umane, per la bontà d'animo, per la disponibilità disinteressata nei confronti dei cittadini di ogni estrazione e colore politico, in quanto ha teso solo ed esclusivamente al raggiungimento del bene comune e dello sviluppo di Sibari, al cui territorio era profondamente legato.

«Attraverso questa iniziativa – ha rimarcato in chiusura il sindaco Papasso che ha ricordato anche momenti personali, professionali e amministrativi che lo vedevano coinvolto insieme ai due professioni - le  targhe  che recheranno  il nome di Saverio Lo Caso e di Benito Bernardo  ricorderanno  a coloro, che nel futuro, si troveranno a passare per il centro servizi di Sibari che qui hanno operato due professionisti  illuminati che amavano Sibari, credevano nelle potenzialità delle sue riscorse naturali, ambientali e culturali e che con il loro lavoro ed il loro ingegno hanno contribuito al benessere collettivo e  allo sviluppo di questo bellissimo e ricco angolo di  terra di Calabria. Ricordare la propria memoria è il principale atto per proiettarsi nel futuro. È questo il nostro obiettivo e la grandissima presenza di pubblico che abbiamo registrato ieri sera dimostra che la strada intrapresa è quella giusta perché un popolo senza memoria è un popolo senza futuro».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.