19 ore fa:Ammodernamento tecnologico per gli ospedali della Sibaritide-Pollino: ecco le novità
20 ore fa:Strage di vitelli sulla statale 534: all'alba auto danneggiate e feriti
Ieri:Brucia la Valle del Coscile: fiamme minacciano il santuario della Madonna del Castello
Ieri:Corigliano-Rossano, le opposizioni: «Stasi non è l’amministratore di una srls»
13 ore fa:La conferma del solstizio d'estate: l'Elefante dell'Incavallicata è allineato con il sole al tramonto
18 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
10 ore fa:Cariati, l'incontro con la cultura afro-nigeriana chiude il Festival Interculturale “Sguardo e Mondi”
17 ore fa:Camigliatello Silano, al via il Summer School: "Progettazione e realizzazione di strutture di legno"
21 ore fa:Civita: inizia la terza sindacatura di Alessandro Tocci
16 ore fa:Calabria, "L’acqua di San Giovanni" e “E cummari du mazzettu”

Luca Muglia (Garante detenuti) ha fatto visita alla Rems di Santa Sofia d'Epiro

2 minuti di lettura

SANTA SOFIA D'EPIRO - Nel contesto del monitoraggio dei luoghi di privazione della libertà personale il Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, Luca Muglia, ha visitato nei giorni scorsi la Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza di Santa Sofia d’Epiro, unitamente al Garante della Provincia di Cosenza, Francesco Cosentini.

All’incontro erano presenti il Direttore sanitario della Rems, Patrizia Nicotera, il Coordinatore delle strutture sociosanitarie della Cooperativa sociale “Il Delfino” e referente dell’ente gestore, Gianfranco Tosti, l’educatrice e Coordinatore dell’equipe, Giovanna Mele, la psicologa Maria Canadè, l’assistente sociale Federica Calabrese, l’infermiere Franco Pellegrino, l’educatrice Ilaria Ceramella, gli Oss Antonello Nigro e Janeth Garcia.

La residenza ha raggiunto la capienza massima di 20 posti. «Durante la visita – ha dichiarato il Garante Muglia – abbiamo avuto occasione di intrattenerci e colloquiare con i responsabili della struttura al fine di intercettare le carenze e i bisogni, riscontrando un clima positivo tra le professionalità operanti e un approccio interdisciplinare e sinergico. Nell’incontro sono emerse varie criticità, alcune delle quali già segnalate dalla Rems. Non a caso il referente dell’ente gestore, di concerto con il Direttore sanitario, ha rinnovato di recente la richiesta di adeguamenti tecnico-strutturali alle autorità preposte».

«Personalmente – ha precisato il Garante regionale – reputo indispensabili alcuni interventi. Occorre potenziare l’organico, dotandolo di un tecnico della riabilitazione psichiatrica e garantire la disponibilità di una camera di decompressione (cosiddetta “de-escalation”), atteso che quella esistente è occupata dal ventesimo paziente. La sala in questione, da realizzare in ottemperanza alla normativa vigente, lungi dall’essere utilizzata ai fini della contenzione fisica è in grado di tutelare il paziente che pone in essere comportamenti auto od etero aggressivi. Invero, attualmente, laddove le strategie di negoziazione non sortiscano effetti positivi, in assenza di una camera di decompressione da utilizzare per il tempo minimo della crisi, il personale si vede costretto ad attivare la procedura per il trattamento sanitario obbligatorio del paziente».

«Tale evenienza, a dir poco invasiva, andrebbe scongiurata e praticata solo come extrema ratio. Necessita, altresì, implementare - continua - i programmi riabilitativi e formativi, individuali e di gruppo, finalizzati all’acquisizione o al recupero delle abilità sociali e attrezzare l’area esterna per le attività ricreative ed i colloqui con i familiari. Occorre immaginare, infine, modifiche importanti alle barriere esterne, capaci di ridurre gli effetti negativi dell’impatto emotivo. Nei prossimi giorni attenzionerò le questioni indicate agli organismi sanitari regionali e alle autorità istituzionali competenti».

«L’internamento nelle Rems – ha concluso il Garante regionale – riveste carattere transitorio ed eccezionale, applicabile solo nei casi in cui sono acquisiti elementi dai quali risulti che è la sola misura idonea ad assicurare cure adeguate ed a fare fronte alla pericolosità sociale dell'infermo o seminfermo di mente. Ciò premesso, si tratta di conciliare le esigenze di sicurezza con il diritto alla cura ed al reinserimento sociale dei pazienti psichiatrici autori di reato, rammentando che secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la salute mentale è un diritto umano fondamentale».

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.