1 ora fa:La Calabria del nord-est non è ancora pronta per la nuova frontiera delle Auto EV
5 ore fa:Ugl Calabria: «Sanità calabrese al Capolinea»
5 ore fa:Corigliano-Rossano, Centenario della nascita di Francesco Antonio Costabile
4 minuti fa:Corigliano Rossano, costituiti i Giovani Europeisti Verdi: Zubaio e Nigro eletti portavoce
2 ore fa:Mormanno, finanziata la Compostiera di Comunità
4 ore fa:Giornata della Ristorazione in programma per il prossimo 18 maggio
34 minuti fa:Tumore al seno: il primo in Italia a testare un innovativo strumento è un chirurgo calabrese
6 ore fa:Co-Ro, culto e tradizione nei festeggiamenti per San Francesco di Paola
3 ore fa:Baia di Borea, nel piccolo borgo di Calopezzati soffia il vento del cambiamento
1 ora fa:Lectio Magistralis di Mario Vicino a Castrovillari

A Castrovillari torna l’esperienza del Vintage Market per ridare nuova vita agli oggetti

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - È partito insordina ma è già diventato un appuntamento frequentato da collezionisti e privati, pronti a mettere in mostra il meglio dell'usato che prova a riprendere nuova vita.

«Ritorna domenica 3 marzo nel Protoconvento Francescano il Vintage market - come si apprende dalle pagine di Abm.report - organizzato da Oikos Pollino con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Castrovillari. Sostenuto anche da alcuni sponsor privati l’evento è nato dall’idea di alcuni privati per riciclare prodotti che per un motivo o per un altro erano accantonati in un cassetto o in una soffitta e farli ritornare utili per qualcun altro. Una opportunità anche per stare insieme in modo da realizzare un’edizione mensile. Sono molte le iniziative del genere nate in Italia e nel mondo negli ultimi anni che hanno assunto i nomi più disparati ma l’obiettivo è unico: far rivivere oggetti che se hanno perso un senso per noi, per altri lo possono riacquistare nel segno della condivisione e soprattutto dei rapporti umani. Dalle 10:30 alle 20.30 si potrà vendere, scambiare oggetti, dischi, riviste, abiti e chincaglierie varie spesso anche amate, ma ormai inutili, dormienti e impolverate, da anni accumulate negli angoli delle soffitte. L’utile e il dilettevole si incontrano: consumare eticamente, reciprocità e interazione tra la gente, diventano ingredienti fondamentali di un nuovo modo di creare aggregazione. Non mancherà la zona hobbisti e antiquariato».

fonte info: abmreport.it

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.