1 ora fa:Contro il caro bollette il comune di Cassano Jonio corre ai ripari: taglio drastico all'illuminazione pubblica
15 ore fa:Amazon per la Calabria: in vista un progetto di collaborazione che la renderà internazionale
16 ore fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»
14 ore fa:Corigliano-Rossano conclude il suo mandato di capitale mondiale della Fisica Nucleare e Subnucleare
10 minuti fa:Elezioni '22, «imprimere un’azione politica unitaria. Auguri agli eletti!»
40 minuti fa:Viabilità a Paludi, finanziati 120 mila euro per il ripristino di strade rurali
16 ore fa:A due passi dal cielo
17 ore fa:“Calabria Terra dei Padri”: attivo da oggi il sito che punta al turismo di ritorno
15 ore fa:Record di pale eoliche in Calabria. Allora perché non siamo energeticamente autonomi?
1 ora fa:Caso Trenitalia, «Occhiuto apra un confronto sui trasporti con il centrosinistra»

Il gusto delle pannocchie della Sibaritide: ieri concime, oggi alimento antiaging

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Per i ghiotti di pannocchie è giunto il periodo di raccolta dalle piante di mais che nella Piana di Sibari se ne trovano sparpagliate qua e là in ridotti lembi di terreno, soprattutto nelle campagne lungo la costa jonica.

Impossibile non fare un tuffo nella memoria e non ricordare le foglie verdi che racchiudono e proteggono quello che potrebbe essere definito un'infiorescenza composta da cui derivano tanti importanti alimenti, bollite o arrostite, con burro o senza e un pizzico di sale, resta comunque un piatto semplice che piace a tanti.

Il suo colore dorato rispecchia perfettamente il periodo in cui le pannocchie per il consumo vengono raccolte, la piena estate che va da agosto a settembre, mentre per la macina bisogna aspettare che le pannocchie si secchino, quindi settembre-ottobre. Ed è proprio questo il legame profondo del territorio con questo vegetale, che era nel secolo scorso espresso dalla cultura contadina, quando nelle case di campagna il mais si faceva essiccare e si dava da mangiare alle galline del pollaio, nella zona sia rurale che costiera era una prassi.

Scopriamo inoltre che la pannocchia è uno degli alimenti ideali per chi osserva un regime dietetico in quanto a meno calorie di una mela. E ancora, nonostante sia ricco di carboidrati, essendo anche carico di fibre si abbassa notevolmente l’indice glicemico rendendolo meno dannoso del riso e di molti altri cereali, anche se per alcuni tipo di diabete è sconsigliato.

Ricco di ferro, calcio, fosforo, magnesio e vitamine del gruppo B le pannocchie sono un attimo alimento antiaging, prevengono l’osteoporosi e il contenuto di vitamina A le rende antiossidanti, il fosforo e il magnesio combattono le malattie neurodegenerative.

Anche nella cosmetica si utilizza l’olio ricavato dal germe del seme per la preparazione di saponi, oli per il corpo e creme dall’effetto idratante ed elasticizzante sulla pelle.

Le pannocchie raccolte nella Sibaritide ricordano inevitabilmente la cultura contadina a cui il territorio è indissolubilmente legato e da concime per i polli oggi la scienza certifica che è un alimento che favorisce la buona salute.

 

Francesca Sapia
Autore: Francesca Sapia

Ha due lauree: una in Scienze politiche e relazioni internazionali, l'altra in Intelligence e analisi del rischio. Una persona poliedrica e dall'animo artistico. Ha curato le rassegne di arti e cultura per diversi Comuni e ancora oggi è promotrice di tanti eventi di arti visive