7 ore fa:Primi risultati incoraggianti per l'uso dello Scout Speed a Calopezzati
1 ora fa:Ha fatto tappa a Cassano il tour Italia Brilla - Costellazione 2022, al centro: la divulgazione scientifica
1 ora fa:A Co-Ro un lunedì all'insegna dell'arte con le "Storie di pezza" di Angelo Gallo
4 ore fa:Storie d'Altri tempi - La grande guerra a Corigliano
8 ore fa:Cassano Jonio, impalcatura si stacca dal palazzo: necessario intervento dei Vigili del Fuoco
2 ore fa:Un tipo quasi come noi
6 ore fa:Marina di Sibari con un nuovo look: ecco la nuova piazza "Rosa dei Venti"
3 ore fa:Campana, iniziativa “green” dell’oratorio “Don Bosco”. I carabinieri diventano animatori d’eccezione
45 minuti fa:Scala Coeli, la BioValle del Nicà è accerchiata dal fuoco
5 ore fa:Ventura stuzzica il sindaco Labonia: «Nessuna polemica, ci stanno a cuore i problemi della gente»

Allarme tartarughe, altra carcassa di caretta-caretta sulla spiaggia di Trebisacce: la terza in una settimana

1 minuti di lettura

TREBISACCE - Non c'è due senza tre, anche quando sussiste il forte augurio che questo detto, che ha per qualcuno la valenza di un assioma, possa trovare smentita nella realtà.

Dopo il ritrovamento nei giorni scorsi di due esemplari di tartaruga di caretta caretta (Leggi qui e Leggi qui) sulla spiaggia di Trebisacce in località Riviera dei Saraceni, uno terzo esemplare si è arenato in queste ore sulla battigia in prossimità del centro del lungomare della cittadina ionica.

A quanto riferiscono i bagnati presenti, pare che l'esemplare fosse moribondo nel momento in cui ha toccato la riva, per poi venire a mancare subito dopo, anche se questa informazione è tutta da verificare.

Resta il mistero di come tre esemplari, due sicuramente nella forma di carcasse da tempo prive di vita e una prossima a spirare, abbiano raggiunto la spiaggia di Trebisacce, ponendo in essere una fenomenologia ad oggi inedita e sconosciuta.

Sul posto è intervenuto il comando della Polizia locale che ha comunicato l'episodio alla Capitaneria di porto.

Restano da appurare le cause, assolutamente poco chiare, di questo fenomeno.

Andrea Mazzotta
Autore: Andrea Mazzotta

(Cosenza, 1978) Laureato in giurisprudenza, giornalista pubblicista, appassionato di comunicazione e arte sequenziale, è stato direttore della Biblioteca delle Nuvole di Perugia, direttore editoriale delle Edizioni NPE, coordinatore editoriale per RW-LineaChiara, collaborando con diverse realtà legate al settore dell'editoria per ragazzi. Collabora con il Quotidiano del Sud, Andersen, Lo Spazio Bianco, Fumo di China. E' un fedele narratore delle Cronache della Contea, luogo geografico e concettuale nel quale potenzialmente può succedere di tutto. E non solo potenzialmente.