16 ore fa:“Calabria Terra dei Padri”: attivo da oggi il sito che punta al turismo di ritorno
14 ore fa:Amazon per la Calabria: in vista un progetto di collaborazione che la renderà internazionale
14 ore fa:Corigliano-Rossano conclude il suo mandato di capitale mondiale della Fisica Nucleare e Subnucleare
1 ora fa:Contro il caro bollette il comune di Cassano Jonio corre ai ripari: taglio drastico all'illuminazione pubblica
12 minuti fa:Viabilità a Paludi, finanziati 120 mila euro per il ripristino di strade rurali
15 ore fa:A due passi dal cielo
42 minuti fa:Caso Trenitalia, «Occhiuto apra un confronto sui trasporti con il centrosinistra»
15 ore fa:Record di pale eoliche in Calabria. Allora perché non siamo energeticamente autonomi?
16 ore fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»
17 ore fa:Mazza ringrazia quanti lo hanno votato e annuncia la nascita del Progetto Jonia

Cassano, la lettera di Monsignor Savino ai politici: «Ascoltare, discernere e servire»

2 minuti di lettura

CASSANO JONIO - «Attraverso la sana politica e la sana amministrazione, la Calabria deve riguadagnare fiducia in sé stessa, eliminando promesse illudenti, senza fondamento, premesse a elemosine e provvidenze assistenzialistiche, prime vere minacce alla democrazia e alla dignità degli onesti e, in particolare, dei più giovani, che aborriscono qualunque forma di assistenzialismo e di corruzione».

«Ancora oggi, quanti sono impegnati nel sociale, nel politico e nel governo delle comunità con incarichi istituzionali possono e debbono guardare al venerabile Giorgio La Pira come a un modello autentico di una persona credente impegnata a pieno nella società in cui vive e serve. È esempio per la sua onestà, trasparenza, disinteresse, per l'attenzione particolare nei confronti delle fasce più deboli, con una costante preoccupazione per il benessere dei cittadini e per la salvaguardia del loro lavoro e delle loro esigenze». 

Lo scrive monsignor Francesco Savino, vescovo della diocesi di Cassano Jonio, nella tradizionale lettera, inviata ai sindaci, ai rappresentanti istituzionali, ai politici e quanti sono impegnati nelle amministrazioni.

«Un servizio alto che non è affatto semplice. Non lo era neppure in passato, ma oggi è reso ancor più difficile dalla situazione che viviamo. Siamo ancora – evidenzia il presule della diocesi cassanese-, nel tunnel della pandemia ma oggi più che mai siamo tutti chiamati ad accendere una luce per rischiarare il cammino delle nostre comunità. L’invito - ha rimarcato -, che sento di rivolgere a me prima, che a voi, è quello di essere lungimiranti nonostante questa stagione della storia che stiamo vivendo, ma proprio in ragione di essa».

«L’appello che nasce dal mio cuore di pastore è quello a vedere nel tempo travagliato che attraversiamo, un’opportunità per il cambiamento, dobbiamo cioè considerare questo tempo un kairòs, una occasione favorevole.  Voi che siete uomini e donne delle istituzioni - ha proseguito -, di quelle più vicine alle popolazioni, dovete sentire forte questa responsabilità perché proprio le città, i paesi, debbono essere visti e vissuti come luogo privilegiato di ricostruzione.  Per questo mi sento di suggerirvi tre verbi da coniugare nel vostro quotidiano esercizio di responsabilità, perché la politica torni ad essere “la più alta forma di carità”: ascoltare, discernere e servire».

«Chi vuole governare un Paese, una Regione o un Comune non può vivere in una torre d'avorio o essere schiavo delle proprie certezze. Per questo – sottolinea -, non dobbiamo insonorizzare il nostro cuore e non dobbiamo blindarci nelle nostre certezze. Governare vuol dire ascoltare, conoscere, dialogare. Essere attenti e disponibili verso tutti i cittadini ma soprattutto verso i più deboli, i più indifesi, quelli che urlano silenziosi a pochi metri da noi, nelle nostre desolate periferie, che bussano inascoltati alle nostre porte. Facciamoci dunque - ha concluso -, tutti servi per amore di questa nostra Terra, organizziamo la speranza con e per i nostri fratelli».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.