3 ore fa:Sequestrati oltre 70 kg di funghi epigei, numerose sanzioni nel cosentino
1 ora fa:REGIONALI 2021 - Mannarino (Circoscrizione Nord): «Terme Luigiane, sì ad ascolto no a provocazioni»
2 ore fa:Daniele Lavia, l'umile gigante della volley mondiale ricevuto dal Consiglio comunale di Co-Ro
58 minuti fa:A San Basile anno nuovo, scuola nuova. Tamburi: «Edificio da guinness dei primati»
13 minuti fa:Tutti pazzi per il campione Lavia un «talento che porta alto il nome di Corigliano-Rossano»
3 ore fa:Covid, in Calabria aumentano i ricoveri (+7) e si registrano 3 vittime
2 ore fa:Sapia (Alternativa c’è): «Un'altra auto incendiata a Co-Ro. Da inizio anno se ne contano quarantasette, è preoccupante»
14 minuti fa:Crisi Stasi: l'unica soluzione è ricucire lo strappo con i dissidenti. Opposizione compatta: «Maggioranza senza numeri»
1 ora fa:Trebisacce, l’Istituto “Aletti” festeggia il ritorno a scuola
32 minuti fa:E se il Gigante di Pietra di Campana non fosse un guerriero?

Vini arbëreshë, pensare ad una sottozona all’interno della Doc Terre di Cosenza

1 minuti di lettura

VACCARIZZO ALBANESE - Vini arbëreshë, pensare ad una sottozona all’interno della Doc Terre di Cosenza, per stimolare ed incentivare la nascita di nuove cantine, favorire l’occupazione e fare esplodere tutte le opportunità legate all’enoturismo. È il focus intorno al quale ci si è confrontati oggi nel corso della tavola rotonda, momento di approfondimento, della 16esima edizione del Concorso dei Vini arbëreshë.

A sottolineare la valenza del riconoscimento della caratterizzazione è stato tra gli altri, l’enologo Vincenzo Ippolito, tra gli esperti che hanno seguito sin dall’inizio la nascita della kermesse dedicata al vino artigianale che anno dopo anno continua a riscuotere attenzione e interesse, tanto che oggi vi partecipano anche cantine di fuori regione il cui titolare è di origini arbëreshë.

Insieme ad Ippolito hanno preso parte alla tavola rotonda il Primo Cittadino Antonio Pomillo, Tommaso Caporale, direttore del Concorso, l'agronomo ed assaggiatore Mario Reda ed i membri della giuria, il maître sommelier dell’Amira (Associazione Maîtres Italiani Ristoranti ed Alberghi) sez. Cosenza-Sila Michele Giorno e Padre Elia Hagi.

La tre giorni si chiuderà mercoledì 15 alle ore 20 in Piazza Skanderbeg, con la premiazione dei vincitori alla quale parteciperà anche l’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo e con una degustazione identitaria in piazza, organizzata in collaborazione con Filiera Madeo.

Nell’ambito dell’evento Le Strade del Rosato, l’esposizione dei migliori vini rosati del Mediterraneo si inserisce anche la seconda edizione di Calabria, identità, emozioni e bollicine promossa dalla storica associazione Otto Torri sullo Jonio con l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Pomillo, in partnership con iGreco, nel solco delle iniziative volte a fare di Vakarici, simbolo ed esperimento del progetto di salotto diffuso.

La partecipazione agli eventi all’interno di Palazzo Marino è consentita solo esibendo il green pass o tampone negativo. La prenotazione è obbligatoria. Scrivere a comunicazionestrategica@leninmontesanto.it

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.