8 ore fa:Co-Ro, il Parco-Giardino delle monache Agostiniane sulla testata della città del Vaticano
10 ore fa:Casciaro (Cgil): «Il Comune di Crosia non rispetta i propri dipendenti»
10 ore fa:Violenza sulle Donne, Princi: «Realizzeremo un piano di interventi»
9 ore fa:Cassano aderisce al “Patto dei Comuni per la Parità e contro la Violenza di Genere” dell’Anci
10 ore fa:Frecciargento Sibari-Bolzano, ora spunta anche il dubbio sulla sostenibilità economica
9 ore fa:Occhiuto incontra il ministro Giovannini: la Statale 106 una delle grandi priorità
9 ore fa:Cassano Città Solidale, pronti ad accogliere altri 11 richiedenti asilo e rifugiati politici
8 ore fa:Statale 106, al sindaco di Cariati non piacciono le nuove proposte progettuali dell'Anas
7 ore fa:Co-Ro, l'Istituto Comprensivo Amarelli ha ottenuto il certificato di “Scuola eTwinning”
9 ore fa:Si parte con "Musica Valente" tra concerti e workshop. Ecco il programma

Fondi per la Sila, arriva il plauso dell’Ente Parco Nazionale

2 minuti di lettura

COSENZA - Sono 75 milioni di euro per il triennio 2021-2023 e sono previsti dal Ministero dell’Ambiente al fine di intervenire nell’ambito dell’adattamento ai cambiamenti climatici all’interno dei siti Unesco d’interesse naturalistico e nei Parchi Nazionali. Nel corso del mese di febbraio verrà predisposto uno specifico bando al quale i destinatari della misura (si tratta dei Comuni aventi diritto, sentiti gli enti gestori dei siti ed elementi Unesco e le autorità di salvaguardia di competenza e, quindi, gli Enti Parco in caso di patrimonio culturale immateriale) potranno partecipare, presentando il loro progetto.

È quanto si legge in un comunicato stampa dell’Ente Parco Nazionale della Sila.                                                                                                                             

Oltre che al citato adattamento ai cambiamenti climatici, le risorse stanziate dal Mattm riguardano: interventi relativi alla riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, anche, ove opportuno, tramite azioni a sostegno della gestione forestale sostenibile; interventi di efficienza energetica del patrimonio immobiliare pubblico nella disponibilità degli enti locali rientranti nell’ambito dei perimenti ed in seno alle Comunità riconosciute dall’Unesco, nonché di realizzazione di impianti di piccola dimensione per la produzione di energia da fonti rinnovabili; interventi per la realizzazione di servizi e infrastrutture di mobilità sostenibile e di idonei mezzi e strutture per il monitoraggio, il controllo e il contrasto dell’inquinamento.

Nel dettaglio, 15 milioni di euro sono destinati all’esercizio finanziario 2021 quale quota di anticipo, 37 milioni e mezzo all’esercizio finanziario 2022 come avanzamento lavori e 22 milioni e mezzo per il 2023 in qualità di quota di saldo.

Oltre al direttore f.f. dell’Ente Parco Nazionale della Sila Domenico Cerminara, entusiasta di quanto programmato dal Ministero dell’Ambiente è pure il presidente Francesco Curcio, il quale, nel ricordare che «sono ben 67 i Comuni calabresi rientranti nell’Area Mab Sila e, dunque, rientranti nella misura – dichiara - Sono assai soddisfatto dell’attenzione rivolta dal Mattm al territorio, nei confronti degli Enti locali dell’Area Mab-Unesco: il bando in argomento, di prossima pubblicazione, rappresenta, difatti, un’autentica estensione dei processi di sostenibilità già avviati, lo scorso anno, nei Parchi Nazionali».

«Si tratta, - aggiunge - più in particolare, di una fondamentale misura che, in aggiunta al recente Bando destinato alle ZEA (Zone Economiche Ambientali), dimostra l’importanza e la centralità dei temi riguardanti l’adattamento ai cambiamenti climatici e la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, nonché la mobilità sostenibile».

«In questo preciso momento storico di transizione ecologica, i Parchi Nazionali tutti e i territori tutelati dall’Unesco diventano veri e propri protagonisti e, come tali, devono contribuire a valorizzare sempre di più gli scrigni naturalistici del Paese» conclude.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.