4 ore fa:Co-Ro: la bellezza del somaro non basta. Il nostro patrimonio va governato
19 ore fa:A Longobucco «la casa di comunità ci sarà e sarà una grande risorsa sanitaria per il nostro territorio»
4 ore fa:Tramontana oltre i 40 nodi nella notte si abbatte su Capo Trionto: mare alto e danni
6 ore fa:SS106, 205 vittime negli ultimi 10 anni: maglia nera per Corigliano-Rossano
14 minuti fa:Don Ciro, il sacerdote che fece conoscere il Codex Purpureus Rossanensis al mondo
5 ore fa:Sull'alto Jonio sarà una settimana artica: tramontana e neve a bassa quota
3 ore fa:«Meno povertà e più benessere». Prevenire lo spreco alimentare
1 ora fa:Antonio Benvenuto: insegnante, giornalista, scrittore ed editore
18 ore fa:Sul Treno della Sila prende il via il Carnevale, tra maschere e tante sorprese
20 ore fa:Bullismo e cyberbullismo, a Co-Ro un corteo di sensibilizzazione. Ecco quando

Quando la Vergine Achiropita “usci” dalla sua nicchia facendosi vedere da tutti

2 minuti di lettura

Risalgono al 25 e 26 dicembre 1741 le apparizioni della Santissima Vergine Achiropita nella cattedrale di Rossano.

Un evento relativamente giovane che oggi compie 281 anni mentre da ben 280 anni si ripete per le vie della città la processione che accompagna la statua argentea dell’Achiropita nel rione Santo Stefano (oggi è proprio la festa di Santo Stefano protomartire!).

In tanti disconoscono il motivo di tale processione, ben sapendo che l’Achiropita si festeggia il 15 agosto.

Ma allora perché questa ulteriore processione?

Nel 1741, nel giorno di Natale ed il giorno successivo, il 26 dicembre, la Vergine si è mostrata ai Rossanesi, compreso il vescovo del tempo, monsignor Stanislao Poliastri ed il Sindaco Tommaso Pietra.

Il clamore suscitato da queste apparizioni è stato notevole, come sempre succede in questi casi, ma diversamente dal solito la chiesa non ha avuto dubbi, come nessun dubbio ha avuto il primo cittadino. Vescovo e sindaco, infatti si sono recati da un notaio ed hanno dichiarato quanto visto da loro e da centinaia di fedeli.

La Vergine si è mostrata al Vescovo quando, nel giorno del 25 dicembre, era intento ad incensare l’altare dove si trova l’icona bizantina impressa sulla parete della quarta colonna di sinistra all’interno della Cattedrale. All’improvviso gli apparve questa figura di donna che però non era raffigurata sulla parete, ma era nitidamente visibile. Ancora più chiara la visione del giorno successivo, il 26 dicembre.

La Vergine non si trovava più in fondo alla nicchia, ma si era spostata verso l’ingresso, lasciandosi vedere da tutti i presenti.

Questo il motivo per il quale nel giorno del 26 dicembre di ogni anno la statua della Vergine viene portata in processione al rione Santo Stefano dal quale si vede tutta la città.

ATTESTATO DEL SINDACO

Noi, Sindaco e Assessori di questa religiosissima Città di Rossano, facciamo fede ed attestiamo, con tutta verità, che la Beata Vergine Maria, Madre del Redentore, sotto il titolo di S. Maria Achiropita, in un altare di marmo, costruito in uno dei pilastri che sono nella nostra Chiesa Metropolitana, e fornito di nicchia oscura (Theca), mostrò, in una maniera sorprendente, la sua Immagine Achiropita, all’Illustrissimo Stanislao Poliastri, Presule di detta Chiesa Metropolitana, mentre celebrava la Messa solenne, nell’incensare (”inter incensandum”), come si usa, il detto altare, l’anno mille settecento quarantuno, il giorno 25 dicembre, festa della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo, tempo in cui eravamo in carica.

Attestiamo che dal medesimo Arcivescovo, essendo stata manifestata tal cosa ad alcuni, il seguente giorno, di martedì, festa del Protomartire Stefano, nella Messa solenne, la medesima Immagine della Vergine, si lasciò vedere (come) trasportata dal profondo della nicchia all’ingresso (della medesima) da tutti, sia cittadini che forestieri, i quali accorrevano in vari modi e in vari aspetti; in uno stessissimo tempo che alcuni sotto una forma, da altri sotto un’altra: e che, quello che è ammirabile a raccontarsi, ad alcuni parimenti restò occulta ed invisibile. Per la qual cosa, affinché ciò a tutti si renda manifesto, e la memoria (di tali apparizioni) sia tramandata ai posteri, abbiamo disposto che si facciano tali attestazioni.

Di propria mano le sottoscriviamo e abbiamo ordinato, che siano munite dei soliti suggelli comuni.

Rossano, 25 dicembre 1742.

Io Tommaso Pietra, Dottore in Legge, Sindaco, attesto come sopra

Io Paolo Falco, Assessore, attesto come sopra

Io Pietro Rapani, Assessore, atteso come sopra

Io Notaio Benedetto Novellis.

Gino Campana
Autore: Gino Campana

Sindacalista, giornalista, saggista e patrocinatore culturale. Nel 2006 viene eletto segretario generale regionale del Sindacato UIL che rappresenta i lavoratori Elettrici, della chimica, i gasisti, acquedottisti e tessili ed ha fatto parte dell’esecutivo nazionale. È stato presidente dell’ARCA territoriale, l’Associazione Culturale e sportiva dei lavoratori elettrici, vice presidente di quella regionale e membro dell’esecutivo nazionale. La sua carriera giornalistica inizia sin da ragazzo, dal giornalino parrocchiale: successivamente ha scritto per la Provincia Cosentina e per il periodico locale La Voce. Ha curato, inoltre, servizi di approfondimento e di carattere sociale per l’emittente locale Tele A 57 e ad oggi fa parte del Circolo della Stampa Pollino Sibaritide