5 ore fa: “È tempo di Volley” raccoglie consensi: nasce un’importante sinergia tra IC Tieri e Corigliano Volley
4 ore fa:Corigliano-Rossano, l’ultima “moda” politica: i Consigli comunali on the road
2 ore fa:Innovazione digitale, a Corigliano-Rossano già disponibili i certificati anagrafici on-line
3 ore fa:Sindacato lavoratori poste della Cisl di Cosenza: Confermato Benvenuto come segretario
6 ore fa:A Co-Ro prende il via "Lib(e)riamoci in Città" con la presentazione del libro di Tommaso Greco
5 ore fa:Perseguitava l'ex compagna, arrestato un agente della Polizia municipale di Corigliano-Rossano
5 ore fa:La Regione accelera sui vaccini: 18mila somministrazioni a domicilio
4 ore fa:Crosia, inaugurato nella frazione Mirto il centro di raccolta comunale
4 ore fa:La Regione al fianco delle aziende florovivaistiche: bando per oltre 800mila euro
5 ore fa:Lunedì saranno svelati tutti i dettagli dell’atteso Rural Food Festival di Castrovillari

Campionato Velocità Montagna, decennale di alto livello agonistico per la Morano-Campotenese

1 minuti di lettura

MORANO CALABRO - Si preannuncia un decennale davvero di alto livello agonistico per la Morano-Campotenese, primo dei due appuntamenti calabri del Campionato Italiano Velocità Montagna di cui rappresenta l'ottavo round e della serie Trofeo Italiano Velocità Montagna Sud, giunto invece alla quinta prova e di cui rappresenta una fondamentale tappa per l'accesso alle finali nazionali del 24 ottobre ad orvieto.

Per entrambi i campionati i nomi che trapelano dalla lunga lista di coloro che hanno aderito sono di primissimo piano a cominciare dalla coppia di assi che nella sfida di Gubbio hanno diviso la posta in palio: Simone Faggioli attuale leader del campionato e Christian Merli vincitore dell'ultima edizione a Morano nel 2019.

Entrambi sono pronti a spingere al massimo le loro strepitose vetture, simili nelle prestazioni ma così diverse fra di loro, la Norma Norma M20 FC Zytek , biposto di gruppo E2SC per il fiorentino della Best lap e l'Osella FA 30 Zytek per il trentino della Vimotorsport. Ci sarà anche la terza forza in campo per il Tricolore, Domenico Cubeda anche lui al volante di un Osella FA 30 Zytek, il quale raccoglierà punti anche per il TIVM, dove è attualmente leader e sarà ovviamente della partita il giovane siracusano Luigi Fazzino, che proprio nel Trofeo Sud quest'anno ha colto i primi suoi successi assoluti in carriera a Sortino e Gambarie con la versione turbo della Osella 2000.

A rappresentare ancora la Trinacria e quindi interessati su due fronti anche l'esperto Franco Caruso, che quest'anno ha vinto a sua volta sempre per il TIVM la Giarre-Milo con la Nova Proto NP 01-02 e il ragusano Samuele Cassibba autore di una stagione sfavillante alla guida del"millino" Osella.

Importante come è ovvio aspettarsi la presenza dei piloti calabresi a cominciare dall'idolo di casa Rosario Iaquinta al via sulla Lamborghini Huracan ST con la quale ha colto il successo di gara 1 a Gubbio. Certa la presenza fra le vetture sport biposto di Francesco Ferragina con la Elia Avrio St 9/18 di 1600 cc. Reduce dalle belle prestazioni di Gubbio a tenere alta la bandiera regionale contribuirà sicuramente anche Giuseppe Aragona con la potente Mini Cooper JCW di classe E1 1600, come il cosentino "Gabry Driver" protagonista di spicco della classe E1 2000 su Renault New Clio.

Il lametino Angelo Mercuri rilancerà la sfida fra le Bicilindriche all'amico rivale catanese Andrea Currenti, mentre per quanto riguarda il gruppo Racing Start Eusebio Arduino, forte driver di Morano è pronto a riscattare il nulla di fatto di Gubbio a causa di un guasto che ha fermato la sua Renault Clio prima del via.
Nel 2019, nell'ultima edizione disputata prima dell'emergenza covid, la vittoria fu di Christian Merli su Osella FA 30, seconda posizione per Simone Faggioli su Norma M20 FC e terza per Denny Zardo su Norma M20 FC.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.