Ieri:Conclusa la prima edizione del progetto “Marathon Experience” a Corigliano-Rossano
16 ore fa:Archeologi per un giorno: i bambini del Polo dell’infanzia Magnolia sulla tracce di Sybaris
11 ore fa:Filcams Cgil alla 3 Emme: «Basta menzogne e  soprusi»
13 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Le successioni in casa Sambiase del Principato di Campana
16 ore fa:Appiccarono il fuoco a due autovetture: in manette due cassanesi
12 ore fa:Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione
14 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
Ieri:Imprese e lavoro, il cassanese Leonardo Sposato nominato presidente di AEPI Calabria
7 ore fa:Morano, precipita in burrone: interviene il pronto soccorso alpino
15 ore fa:Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste

Incendio a Marina di Sibari: a fuoco un bar

2 minuti di lettura

CASSANO JONIO - In serata un incendio ha colpito una delle attività commerciali nella piazzetta di Marina di Sibari, quartiere turistico di Cassano. Le fiamme hanno invaso l’interno locale di uno storico bar situato nel centro turistico, causando ingenti danni. Le cause dell’incendio sono ancora in via di accertamento. Fortunatamente, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Corigliano-Rossano, coadiuvati dai colleghi di Castrovillari e Trebisacce, sono intervenuti tempestivamente. Sul posto anche i Carabinieri della Compagnia di Cassano che faranno i rilievi e le verifiche di rito.

Di seguito raccogliamo le reazioni delle istituzioni.

Il commento del Sindaco di Cassano Jonio, Giovanni Papasso: «Mi trovo fuori Cassano per impegni istituzionali ma sono venuto subito a conoscenza dell'ennesimo atto delinquenziale perpretrato ieri sera a Marina di Sibari ai danni di un'altra impresa che opera da decenni sul territorio. Mentre come amministrazione comunale stiamo lavorando per ripristinare i danni causati dal precedente incendio alla yogurteria che ha interessato anche i portici della piazzetta, ieri ne è arrivato un altro. Pare chiaro che Marina di Sibari sia finita sotto attacco e sia presa d'assalto dal malaffare. Censuro con forza anche questo ennesimo atto gravissimo e aggiungo che quello che è accaduto ieri è una vera e propria barbarie perché il titolare del locale era deceduto soltanto da poche ore. Non si è dato nemmeno il tempo di celebrare degnamente le esequie che già qualcuno ha pensato bene di andare a mettere fuoco ad una attività di famiglia. Tutto questo è vergognoso. Esprimo alla famiglia Martucci sentimenti di vicinanza e solidarietà incondizionata. L'amministrazione comunale e la città tutta condannano con forza e determinazione questo ennesimo episodio criminale. Abbiamo fiducia nelle forze dell'ordine e la magistratura e siamo certi che si farà piena luce su quanto accaduto anche per garantire tranquillità e sicurezza a tutti coloro i quali hanno scelto e sceglieranno il nostro bellissimo villaggio di Marina di Sibari come meta delle loro vacanze. In chiusura faccio un appello: chiunque sappia collabori con chi di competenza. Non ci deve essere reticenza altrimenti il fenomeno malavitoso non sarà mai debellato».

Il Senatore Ernesto Rapani (FdI): «Appresa l’inquietante notizia dell’incendio di un noto locale a Marina di Sibari, ho espresso ferma condanna per il vile attacco e ho immediatamente richiamato l'attenzione sulle esigenze di potenziamento delle forze dell'ordine nella zona. Episodi come questi evidenziano la necessità di un intervento immediato per garantire la sicurezza dei cittadini. Intendo chiedere l’attivazione di una concertazione tra i dicasteri competenti, in particolare il Ministero dell'Interno e il Ministero della Difesa, al fine di organizzare una collaborazione con le forze militari per supportare le forze dell'ordine locali. Questa sinergia mira a colmare le lacune attualmente presenti sul territorio in termini di risorse umane e materiali per contrastare la criminalità. La presenza delle forze armate potrebbe fornire un ulteriore deterrente contro l'azione dei criminali, garantendo una maggiore protezione per la comunità. Tale collaborazione, se attuata, potrebbe rappresentare un importante passo avanti nella lotta contro il crimine organizzato e nel ripristino della fiducia nell'ordine pubblico. Porterò avanti questa proposta con determinazione e impegno, lavorando in stretta collaborazione con le autorità competenti per tradurre questa visione in azione concreta. Invito la popolazione a restare unita e a collaborare con le forze dell'ordine per contrastare insieme la criminalità e preservare la sicurezza della città». 

Alfredo Antoniozzi vice capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera e componente della commissione parlamentare antimafia: «Esprimo solidarietà ai titolari di uno stabilimento di Cassano allo Jonio, vittime di intimidazioni. Lo stabilimento è stato oggetto di incendi che prefigurano un aspetto doloso. Non possiamo accettare che vi siano zone in cui la criminalità organizzata abbia ancora una sovranità. Confidiamo che la procura distrettuale antimafia di Catanzaro possa fare luce su questi fatti. Raccogliamo il grido del sindaco di Cassano, Papasso, invitando tutte le forze politiche e sociali ad essere unite contro un nemico comune».
 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.